Flash

19/03/2015

Il ritorno del guerriero.

r-NETANYAHU

Di Immanuel

Bibi Netanyahu guadagna col suo Likud la maggioranza relativa alla Knesset contro il pronostico che lo voleva in svantaggio rispetto a Herzog ed a Unità sionista. La sua campagna inusitata nei toni e nei modi ha avuto successo, a dimostrazione che il cuore profondo, e maggioritario, d’Israele batte a destra e che gli appelli alla sicurezza, al di là financo del senso comune, fanno presa. L’intemerata davanti al Congresso americano, repubblicano fra i repubblicani, pareva il massimo che un Primo Ministro di uno stato estero potesse permettersi. In realtà Netanyahu non parlava da straniero al paese ospitante ma da cittadino ai concittadini. La sua duplice vocazione, prima ancora che nazionalità, pesò nell’occasione e ancora più peserà nel prossimo futuro, quando probabilmente vorrà dire la sua sulle presidenziali americane. Netanyahu come grande elettore americano: ecco una situazione che ha dell’inverosimile se non che è vera.

Obama si congratula col popolo israeliano per le votazioni ma non con il Primo Ministro uscente e quasi certamente entrante. Anche questo è segno dei tempi e di una svolta inverosimile, se non fosse vera, nelle relazioni internazionali. Ci stiamo avvicinando al riconoscimento di fatto se non formale d’Israele come cinquantunesimo stato dell’Unione. Le politiche dei due paesi, e al loro interno, sono talmente intrecciate che non si comprende l’una senza l’altra.

Il Primo Ministro aveva sbarrato il passo all’ennesimo tentativo del Segretario di Stato di buttarsi nella mischia mediorientale con l’ennesima mediazione. La shuttle diplomacy di Kissinger, che lo portò a sbloccare la Guerra del Kippur negli anni settanta, non ha funzionato nel XXI secolo per vari motivi. Il primo dei quali è l’incancrenirsi di un conflitto che nessuno dei contendenti vede ragionevolmente avviato a conclusione. L’espressione più cara alla Destra israeliana è “gestire il conflitto”, non certo risolverlo: e questo perché esso non ha apparente soluzione e neppure lascia intravedere la volontà della soluzione.

Il Capo dello Stato auspica un governo di unità nazionale: i precedenti ci stanno e pure i numeri, dato che Herzog comunque ha un buon numero di seggi. Ma il Primo Ministro vuole il reincarico per formare una coalizione di destra con qualche spruzzata di centro. E se manterrà l’impegno elettorale che non vi sarà stato palestinese, la volontà di pace potrà intendersi come sepolta almeno per i prossimi anni.

Resta il nodo dell’Iran. Qui la partita si fa difficile pure per l’ardimentoso Bibi. Se è vero che esiste già un’intesa di massima e che questa è restata coperta in attesa delle elezioni israeliane, allora la volontà del nuovo Governo di Gerusalemme di evitare l’intesa si scontrerà con la determinazione delle parti a concluderla. La Presidenza Obama ha bisogno di chiudere la partita iraniana su cui cadde la rielezione di Carter decenni addietro. Ha bisogno del risultato per chiudere una partita ultradecennale e richiamare l’Iran nel novero delle nazioni da cui uscì con l’occupazione dell’ambasciata americana a Teheran. Ha bisogno di pacificare il fronte sciita, guardando anche a Hezbollah in Libano, per concentrarsi sulla minaccia dell’estremismo sunnita, quello che colpisce in Iraq, Siria, ora Tunisia. Washington vorrebbe ridisegnare la mappa delle alleanze mediorientali e nel Golfo, ma per questo ha bisogno di un Israele che giochi il gioco. La domanda va posta al probabile prossimo Primo Ministro: se a urne chiuse intenda abbandonare il tono di battaglia a favore della razionalità della mediazione.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto