Archivio articoli

04/02/2013
cut

Il Paradosso Italiano. Parte Sesta

The Italian Paradox. Part VI

L’Italia sta entrando nelle ultime tre settimane prima del voto e il sig. Berlusconi è affaccendato a inventare quotidianamente trucchi per incantare ancora una volta gli italiani con il dichiarato obiettivo di vincere le elezioni per la quinta volta e – più realisticamente – per ottenere una posizione di veto al Senato con l’intento di salvare il suo ego, la sua ricchezza personale e la propria situazione nei processi in corso a suo carico.

Mentre si svolge questa tragicommedia, un dibattito serio sulla vera agenda italiana è appena cominciato: cosa fare, dove andare. La questione del contratto per 90 (novanta) F35 dalla Lockeed (firmato e confermato da diversi governi precedenti – incluso il centrosinistra – e dunque non solo i Gabinetti Berlusconi) è questo un tema centrale considerata la quantità di denaro – circa 20miliardi di euro-  per diversi anni finanziari. Un altro problema è l’impegno italiano in molte missioni di “pace” all’estero: 5.000 uomini nel solo Afghanistan e già più di 50 caduti. In aggiunta a tutto ciò i tagli di spesa al bilancio militare sono stati “de facto” evitati.

In breve non solo il caso degli F35 è collegato al caso degli Eurofighters, ma implica una seria revisione della politica italiana di difesa e l’aprirsi di un dibattito sui collegamenti tra la politica di difesa e quella estera. Negli ultimi 20 anni o più non c’è stato nulla di tutto ciò. Anche ora, e senza contare i limiti di bilancio, la spesa militare è rimasta un “dovere” e viene approvata dal Parlamento nel giro di ore, con zero dibattito e zero analisi. Mentre l’ex Premier Monti è concentrato sul suo tardo tatcherismo, il nostro dettato costituzionale ( articolo 11) sulla ripulsa della soluzione militare dei conflitti, su un approccio internazionale pacifico, sull’integrazione cooperativa e globale e infine sulle reciproche limitazioni di sovranità, ebbene tutto ciò è totalmente ignorato.

Dunque il punto è questo: fino a quando gli italiani sopporteranno questo “provincialismo” così antitetico alla nostra eredità cosmopolita ( e ai nostri attuali bisogni…)?

Italy is entering the last three weeks before the polls and Mr Berlusconi is busy inventing  daily tricks to once again enchant the Italians with the declared goal of winning the elections for the fifth time  and – more realistically – to gain a veto position in the Senate in order to save his ego, his personal wealth, and his situation in various ongoing legal proceedings.

While  this tragicomedy is underway, a serious debate on the real Italian agenda is just beginning: what to do, where to go. The case of the contract for 90 (ninety) F35s from Lockeed (signed and confirmed by several previous governments including the center left – so not only the Berlusconi Cabinets) is a central issue considering the amount of money – around 20 billion Euro for several budget years. Another problem is the Italian engagement in many “Peace” missions abroad: five thousand military personnel in Afganistan alone and already more than fifty casualties. In addition to that, the expenditure cuts to the military budget  were “de facto” spared.

In short, not only is the F35 case linked to the option of the Eurofighter, but  it implies a serious revision of Italian defence policy and a fresh debate on the links between defence and foreign policy.  In the last twenty years or more there has been none of this. Even now and regardless of budget costraints, military expenditure remained a “must” and is approved by Parliament in hours, with zero debate, zero analysis. While exPremier Monti is concentrating on his late-Thatcherism, our constitutional provision (art. 11) on denial of military resolution of conflicts, on a peaceful international approach, on cooperative and global integration, and on reciprocal limitations of sovereignty – all of this is flatly ignored.

So the point is: how long will the Italians stand this parochialism so antithetical to our cosmopolitan heritage (and present needs…)?

Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /web/htdocs/www.cosmopolitaly.net/home/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273