Flash

24/05/2013

Il Consiglio europeo di maggio e il nuovo dibattito europeista.

europa

di Immanuel

Il 22 maggio si è tenuto il Consiglio europeo  straordinario, mentre l’appuntamento decisivo per il Consiglio europeo ordinario resta  fissato al 27 giugno. Energia, fiscalità, disoccupazione: ecco i temi principali da affrontare per dare senso al dibattito “neoeuropeista” di questi giorni. con in più per noi la possibile rimozione della “gabbia di bilancio” alla quale l’Italia è sottoposta.

 L’attenzione torna a volgere verso Bruxelles. Il dibattito “neoeuropeista” è aperto. Presto sapremo se sia presto per dirlo, qui contentiamoci di registrare il fenomeno. Il via è dato da Hollande che, per essere da pari alla Merkel, auspica l’Europa politica in due anni. La Cancelliera aveva dichiarato all’incirca le stesse cose. L’asse franco – tedesco si ricostituisce sulla scorta di una certa ambiguità. L’Europa politica si riferisce alla politica economica e forse fiscale? Oppure è ad ampio raggio implicando tutte le istituzioni europee e non solo quelle che rimandano ai governi nazionali? Domande pesanti in attesa di risposte.

Si diceva del Consiglio europeo di maggio in preparazione di quello determinante di fine giugno. Le conclusioni del Vertice si muovono lungo alcuni assi: la politica energetica; la politica fiscale, quest’ultima riferita anche agli accordi coi paesi terzi europei tradizionalmente sensibili (o insensibili, dipende dai punti di vista) alla fiscalità europea. Nel primo caso si tratta di dotare l’Europa di un’autonomia energetica quanto meno potenziale ed a “prezzi accessibili e sostenibili”. Nel secondo    di fare della lotta alla frode ed all’evasione fiscale “un elemento essenziale per l’accettabilità sociale e politica del risanamento dei conti pubblici”.  La tela di fondo tessuta dal Vertice pare – finalmente – quella di coniugare la crescita sostenibile, il rigore dei conti, l’equità sociale. Se poi il nuovo paradigma sarà posto in essere ed in quale misura, prima degli eventuali ed inevitabili compromessi, è tutto da vedere. Ma almeno l’intenzione ci sta.

Il momento alto del dibattito “neoeuropeista” lo si tocca grazie ad alcuni contributi non strettamente istituzionali. Le celebrazioni dei 150 anni della SPD, il messaggio di Jacques Delors e Gerhard Schroeder, i celebri Ex della scena europea. Non è un caso – non può essere un caso – che i Due appartengano alla famiglia politica socialista e che il loro appello (la Repubblica del 24 maggio) si intrecci con le assise SPD. Dalla socialdemocrazia tedesca parte il filone principale di quello che oggi pudicamente si chiama il riformismo europeo e perciò occidentale, compresa la variante rivoluzionaria del marxismo. Dalla socialdemocrazia  può partire il nuovo riformismo europeo nella chiave attualissima del “neoeuropeismo”: né classicamente federalista né nostalgicamente sovranista. L’incipit  dell’appello Delors – Schroeder suona eloquente: “Il disastro economico di molti degli ultimi anni ha spinto l’Europa verso una maggiore integrazione, a cominciare dalla stabilizzazione finanziaria”.

Vi è un divario rispetto alle riflessioni  sui pensieri lunghi ed al vagolare dei riformisti italiani in cerca del prefisso “centro” da apporre a qualsiasi etichetta. Nel XXI secolo la parola socialdemocrazia ha diritto di essere pronunciata senza vergogna, anche se essa va condita con la salsa della modernità. E la modernità è data da iniezioni massicce di europeismo solidale. Di nuovo Delors e Schroeder: “Non esiste l’antitesi “crescita o austerità”… entrambe [possono] essere abbinate in modo proficuo. Anzi debbono esserlo. Ci serve una disciplina di bilancio. Ci servono riforme strutturali. Ma al programma di austerity dobbiamo abbinare i mezzi per favorire la crescita … [urge] la proposta di un “new deal” per l’Europa”.

Le elezioni 2014 del Parlamento europeo sono l’occasione perché i cittadini d’Europa si esprimano sulla loro visione d’Europa incanalandola nei binari del riformismo o del conservatorismo continentali. Il fatto che essi saranno chiamati ad indicare anche il Presidente della Commissione, significa che  sceglieranno per la prima volta “il leader d’Europa”.

La generazione dei giovani e giovanilisti di casa nostra può prendere a modello la lezione dei Grandi Vecchi non solo nella sostanza ma anche nell’audacia dell’immaginazione e dell’espressione. Anzitutto non avendo paura delle parole tradizionali.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto