Flash

25/10/2012

FLASH

Il 1976 fu per Cina un “anno maledetto”, un anno in cui massici e tragici avvenimenti accompagnarono la fine di un’era: il quarto di secolo (iniziato il 1 ottobre del 1949 con la proclamazione della Repubblica Popolare cinese con Mao nella tenuta militare della Lunga Marcia sulla tribuna di Tien an Men”) si chiudeva con la morte fisica del Presidente.

A luglio il terremoto di Tangshan aveva ucciso oltre 250 mila persone, ad aprile la commemorazione di Zhou Enlai (a sua volta morto a gennaio, il primo – ed il più affascinante – dei fondatori della nuova Cina e scomparire) apriva la via a moti studenteschi ed operai che reclamavano un “nuovo” di segno diverso e su quella stessa piazza sarebbero stati liquidati nel 1989.   I segni del Cielo – secondo la tradizione cinese – si erano assemblati in una miscela, tanto inspiegabile quanto reale, e questo è quello che si annuncia sulla piccola “scala” italiana.

I trecento morti del terremoto dell’Aquila sono tornati alla ribalta con la sentenza che condanna gli scienziati  “colpevoli” di non aver dato corso a misure di evacuazione a fronte di segnali che potevano essere letti come anticipatori di una catastrofe.   Certamente va ricordato che ancora in Cina un altro maggiore terremoto (il 4 febbraio 1975) non ebbe praticamente  perdite umane perché preceduto da una evacuazione di circa un milione di persone: esattamente ciò che fu escluso in Italia.      Ma, secondo quanto oggi risulta da cronache ormai pubbliche, non fu tanto la previsione scientifica quanto la sottostima “politica” dell’allora “zar”  della Protezione civile (un ex medico di Cooperazione consacrato dai “fasti” del Giubileo)  a determinare il fallace e forse opportunistico ottimismo.  In più la lettura cinese dei fenomeni si arricchisce da sempre con segnali forse inudibili in Italia: animali in preda a comportamenti anomali, tipicamente i serpenti che escono dalla terra e salgono sugli alberi, eccetera eccetera.    E, da noi, come ben noto scarseggiano i serpenti…

La notizia del giorno è la dichiarazione – più o meno uffficiale – di pre-chiusura del ventennio berlusconiano: il patriarca della “nuova” Italia  – o l’artefice dell’attuale catastrofe secondo un’altra lettura – ha infatti annunciato di non concorrere più per un ruolo elettorale  riservandosi un ruolo di influenza “dietro le scene”.   Facile dire oggi che, se di questo  si fosse accontentato invece di inventare un’operazione mediatica senza precedenti, avrebbe risparmiato al Paese  molte disavventure e, soprattutto, una involuzione dalla quale si stenta ad uscire nonostante sforzi di fantasia politica che non riescono a mascherare  un vuoto propositivo ugualmente senza precedenti.

Terremoti, responsabilità, previsioni. Il nuovo non avanza ma il vecchio è davvero morto.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto