Flash

25/10/2012

FLASH

Il 1976 fu per Cina un “anno maledetto”, un anno in cui massici e tragici avvenimenti accompagnarono la fine di un’era: il quarto di secolo (iniziato il 1 ottobre del 1949 con la proclamazione della Repubblica Popolare cinese con Mao nella tenuta militare della Lunga Marcia sulla tribuna di Tien an Men”) si chiudeva con la morte fisica del Presidente.

A luglio il terremoto di Tangshan aveva ucciso oltre 250 mila persone, ad aprile la commemorazione di Zhou Enlai (a sua volta morto a gennaio, il primo – ed il più affascinante – dei fondatori della nuova Cina e scomparire) apriva la via a moti studenteschi ed operai che reclamavano un “nuovo” di segno diverso e su quella stessa piazza sarebbero stati liquidati nel 1989.   I segni del Cielo – secondo la tradizione cinese – si erano assemblati in una miscela, tanto inspiegabile quanto reale, e questo è quello che si annuncia sulla piccola “scala” italiana.

I trecento morti del terremoto dell’Aquila sono tornati alla ribalta con la sentenza che condanna gli scienziati  “colpevoli” di non aver dato corso a misure di evacuazione a fronte di segnali che potevano essere letti come anticipatori di una catastrofe.   Certamente va ricordato che ancora in Cina un altro maggiore terremoto (il 4 febbraio 1975) non ebbe praticamente  perdite umane perché preceduto da una evacuazione di circa un milione di persone: esattamente ciò che fu escluso in Italia.      Ma, secondo quanto oggi risulta da cronache ormai pubbliche, non fu tanto la previsione scientifica quanto la sottostima “politica” dell’allora “zar”  della Protezione civile (un ex medico di Cooperazione consacrato dai “fasti” del Giubileo)  a determinare il fallace e forse opportunistico ottimismo.  In più la lettura cinese dei fenomeni si arricchisce da sempre con segnali forse inudibili in Italia: animali in preda a comportamenti anomali, tipicamente i serpenti che escono dalla terra e salgono sugli alberi, eccetera eccetera.    E, da noi, come ben noto scarseggiano i serpenti…

La notizia del giorno è la dichiarazione – più o meno uffficiale – di pre-chiusura del ventennio berlusconiano: il patriarca della “nuova” Italia  – o l’artefice dell’attuale catastrofe secondo un’altra lettura – ha infatti annunciato di non concorrere più per un ruolo elettorale  riservandosi un ruolo di influenza “dietro le scene”.   Facile dire oggi che, se di questo  si fosse accontentato invece di inventare un’operazione mediatica senza precedenti, avrebbe risparmiato al Paese  molte disavventure e, soprattutto, una involuzione dalla quale si stenta ad uscire nonostante sforzi di fantasia politica che non riescono a mascherare  un vuoto propositivo ugualmente senza precedenti.

Terremoti, responsabilità, previsioni. Il nuovo non avanza ma il vecchio è davvero morto.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto