Flash

23/08/2016

Flash | “VENTOTENE: SEDUTA SPIRITICA O GITA SUPER-VIP ALLE ISOLE PONTINE?”

4a64cf44054abe74168efc7372ab2603_MGZOOM

E’ assai imbarazzante – e forse inutile – commentare un evento come quello voluto ieri da Renzi sulla tolda di nave “Garibaldi” con la presenza di cortesia del duo franco-tedesco Hollande Merkel.   Gli interventi di entrambi di fronte ad una platea di dignitari della Marina non hanno contenuto – come prevedibile – alcun elemento di novità rispetto a quanto già ampiamente noto.  E, del resto, non avrebbero potuto a fronte dell’evidente rischio di urtare le suscettibilità degli altri 25 membri dell’Unione, nonché della Commissione che resta comunque –  a dispetto del preteso “triumvirato Italo, Franco, Germanico” – un organo “costituzionalmente” e politicamente centrale dell’UE.

 

Così nell’isola che un quarto di secolo fa venne celebrata con il film “La villeggiatura” , ovvero la rievocazione del – tutto sommato bonario – isolamento imposto da Mussolini ai suoi oppositori (quelli di “buona famiglia”, ben s’intende…) si è celebrata una fiction che – senza alcuna volontà di irriverenza – pare alludere alle visite alla tomba di Jim Morrison al Pere Lachaise a Parigi o a quella di Marx  al cimitero di Highgate a Londra.    Noi non siamo stati da meno grazie al “genio” mediatico di Renzi e della sua equipe.

 

Ovviamente la “ciccia” è la solita: quella vera che consiste nel rosicchiare qualche ulteriore margine di “flessibilità”, ovvero più ampi margini per indebitarsi e coprire i bisogni di – come si dice – qualche simbolica “mancia elettorale“ che copra il fallimento (le cifre dell’incistarsi della recessione italiana sono incontestabili…)  della politica economica del Gabinetto Renzi e quella rivolta al pubblico che già oggi in Francia come in Italia non ne può più di annunci sugli zero virgola.  Veri o presunti.     La brezza di mare e le vaghe indicazioni su di un passato di gloriose ed ancorché vaghe indicazioni avrebbero dovuto fare il resto….  Mentre per quanto riguarda la rocciosa Merkel (burbera sempre meno benefica…) si approssimano non soltanto scadenze elettorali ma un giro di boa simile a quello che colpì  un trentennio fa (ed ancora dura…) il già trionfante Giappone della fine degli anni ’80 del secolo scorso.  E’ bene dunque che lei si goda (con il prediletto, ma discolo, Matteo) la vicinanza con la sua Ischia e le acque termali in cui ama tonificarsi.  Il futuro non sarà così confortevole.  Né per lei, né per i Tedeschi.

 

Ma intanto un evento da righetta “a margine” è stato rimpolpato con messaggi costruiti a tavolino (e che manco sfiorano l’incontro del dicembre 1989 nelle acque di Malta tra Bush padre e Gorbaciov con  l’abbozzo di ridisegno del mondo) come quello della “resilience” del nocciolo storico europeo di fronte alla strega “Brexit”. La quale nel frattempo continua – più che a dispiegare chissà quali effetti – a diluirsi…

 

Certo è – ed il cinemascope militarista delle acque pontine rafforza questa impressione – con questo tipo di approccio non si va da nessuna parte ed il nodo epocale dell’eclissi europea – con tutti gli annessi e connessi della crisi dei meccanismi integrativi e cooperativi – non fa che rendersi più evidente.   D’altro canto anche qui si mistifica (e non solo in Italia) “vendendo” come Stati nazionali quelli che sono soltanto i gusci in cui si annidano nomenklature con solo parassitarie quanto palesemente inette.    Logico che vadano “in gita”.   Che altro potrebbero fare?

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto