Flash

22/06/2016

Flash | UNA MARIONETTA DA ARCHIVIARE ?

19393

Rientrando in Patria dopo un paio di settimane Oltreoceano, ovvero sull’altro lato – Atlantico – della  sempre più confusa  porzione dello spazio globale denominata (ancora per quanto?) come Occidente, ho avuto la gradita sorpresa di vedere che il Belpaese potrebbe indurre i capocomici a sospendere le recite di uno spettacolo di marionette (anzi di una marionetta) impostoci con una qualche spudoratezza oltre due anni or sono.   Ovviamente senza avvalersi di quel “rito fondativo” che – appunto nell’Occidente democratico – si chiamavano elezioni.

 

Fuor di metafora e senza troppo rivangare il recente passato ancora ci riesce difficile comprendere come si sia voluto sanare l’incostituzionalità delle precedenti elezioni  (a detta della stessa Corte Costituzionale) trasformando un bacio dell’allora Presidente della Repubblica (all’apertura dell’Expo di Milano…) ad un giovanotto toscano in una investitura ad una “premiership” di indefinita durata (anzi da lui stesso fissata in date variabili: 2018, 2021 o quando gli pare…).

 

E’ bastata una giornata domenicale di “Ludi cartacei” (Mussolini dixit illo tempore) per far calare il sipario su di una recita in solitaria sempre più stucchevole.   Questo ci sembra il nocciolo duro di una realtà che ha richiamato tutto di un botto i suoi diritti a fronte della marionettesca rappresentazione.    Più che Renzi, exit il vecchio burattinaio Podrecca (vedasi): quello che con le mani da sotto muoveva il personaggio.  E’ stato sufficiente smettere di acquistare il biglietto e prenderne uno diverso.

 

Certamente le maestranze del teatro protesteranno e tenteranno di salvare il loro posto di lavoro.  Di più avevano già acceso un mutuo giurando il proprio “sì” ad un referendum/plebiscito che doveva trasformare l’esercizio più consensuale della democrazia (ma ha ancora un senso questo termine ai tempi della più rutilante cleptocrazia pubblica/privata? Entrambe?) in una prova di forza rodomontesca  colpi di maggioranze d’accatto (Verdini docet)?

 

Nel giro di un paio di giorni gli zeloti renziani si sono attrezzati per correre al soccorso del vincitore (vero e proprio sport nazionale italico…), cercando di far dimenticare i peana tributati fino ad ieri al “Capo”.   L’unico che non può  rinnegare sé stesso ed il suo indomabile – financo patetico – egocentrismo provinciale.  Così carino, un “vero campione”, lo definivano all’unisono i due dioscuri De Benedetti e Marchionne.     Erano grati del lavoro compiuto: “eliminare i rottami dai binari” (ovvero frantumare con lo Statuto dei Lavoratori, l’esistenza stessa dei lavoratori… e sostituirli con i forzati del voucher)… mentre intanto le termiti finanziarie  divoravano imperturbabili le briciole rimaste dal “fiero pasto” di Stato e nomenklatura su redditi e soprattutto sudati risparmi degli Italiani.

 

Ora il sogno si è spezzato, tutto si spezza e solo una conversione tipo 25 luglio/8 settembre (1943) potrà ristorare sederi e poltrone.   Tutti ante-marcia, tutti pronti ad un “Fascismo senza Mussolini” .  Ci riusciranno? La retata giudiziaria dei “nonnetti” della Val Di Susa lascia ben sperare…per loro… E così anche l’impunità perpetua dei razziatori del patetico risparmio italiano.

 

I problemi veri sono altrove. Sic.  Riuscirà la City a tenere le mani sul malloppo europeo?  Certamente sì.  E, d’altro canto, il punto era ancora quello dell’”ingrato” Generale De Gaulle (rifugiato a Londra all’ingresso nazista a Parigi),  ovvero: “ma che c’entrano loro con l’Europa”, stiano con i cugini nord-americani…  Già che c’entrano?   Ma forse neppure i Polacchi o gli Ungheresi.     Perché questi del declino endogeno dell’”Occidente”, inteso come civilizzazione e massimamente dell’Europa, sono i veri nodi dell’oggi.   Altro che giovanotti del borgo di Rignano sull’Arno divorati da ottuse – e o maniacali – ambizioni….

 

Così mentre i “moderati” di ogni risma si “preoccupano” delle competenze e dei “patronages” dei grillini (preoccupazione che non li aveva neppure sfiorati alla prima raffica di insulse nomine governative e di sottogoverno…) certamente si è aperta una fase nuova per salvare quello che resta della Repubblica.   E sarebbe – o sarà – un lavoro comune.  Non una prerogativa di un certamente volenteroso, ma anche certamente “anomalo”, raggruppamento politico.

 

Intanto auguri alle sindachesse.   E magari anche alle “sindache”.  Con buona pace della già defunta lingua nazionale.

 

Fosse solo quella!

 

 

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto