Flash

11/05/2016

Flash | UN GOVERNO GRATTA E VINCI

gratta-e-vinci

 

Avremmo voluto intitolare questa nota “Salvate il soldato Maria Elena” e dedicare qualche riflessione a colei che – dopo aver guidato la vittoriosa campagna “Matteosubito” – sta ora apprestando aggressive difese intorno al condottiero.  Eravamo entusiasti della brutale franchezza con cui ha liquidato decine di costituzionalisti e milioni di italiani: sono come Casa Pound, voteranno “no” alla nostra splendida riforma.   Picchiare subito e picchiare duro, dare grosso modo dei “fascisti” a chi dissente da un cumulo di abborracciati cambiamenti della Carta costituzionale che fa strame di garanzie, pesi e contrappesi, insomma quell’insieme di norme e precetti che consentono alla comunità nazionale di vivere insieme, di proteggere gli uni, ma salvaguardando gli altri.

 

Non ha lesinato le male parole il soldato Maria Elena e – a muso duro -  ha sparato una castroneria che può passare solo nel loro circolo fiorentino e dei loro frastornati sicofanti: infatti non vi è chi non veda come avere una maggioranza parlamentare che comprende organicamente la legione degli inquisiti verdiniani è cosa ben diversa dall’esprimere una ripulsa  parallela con motivazioni completamente diverse: politicamente ed eticamente.

 

D’altro canto queste sono questioni che l’aggressivo empirismo del “soldato Maria Elena” neppure intendono.   L’indifferenza con cui segue le indagini ancora in corso sulla rapinosa operazione di Banca Etruria, le false e zuccherose motivazioni con cui difese il proprio genitore (“Io lo amo”, “sono la prima laureata in famiglia”, “si alzava all’alba”) confermano che questa vestale del renzismo è veramente capace di tutto e sicuramente seguirebbe il “capo” a Salò. E tuttavia oggi il fiotto di nomine decise da quest’ultimo ci costringe a dare un’occhiata a più serie ed urgenti questioni.       Ci riferiamo all’ennesima “spolverata” alla formazione del Governo e alle sue diramazioni internazionali.

 

Qui l’unico criterio rintracciabile è quello del “gratta e vinci”.   Probabilmente un testo studiato a fondo dal Premier.   Via la Guidi, pausa, torna Calenda (già assistente di Luca Montezemolo in qanto ramopollo di buone famiglie… e qui è a posto la poltrona dello “Sviluppo economico “(ma de che?).   A Bruxelles ci va l’eroico Ambasciatore che – non – salvò Giulio Regeni.   E non importa che questo nuovo Rappresentante all’Unione Europea abbia poca o nulla esperienza di questo strategico settore delle relazioni “esterne” del Paese.   Suona bene, accontenta i diplomatici (ma quali?) e allude all’insoddisfazione italiana per il caso Regeni.

 

Infine il nuovo Ambasciatore alla UE avrà pure “scavalcato” vari funzionari di comprovata esperienza, ma – stando alle compiacenti cronache – sarebbe stanco del caldo polveroso del Cairo e gradirebbe la piovosa umidità bruxellese.     Mica fesso come il nostro povero Giulio che – viceversa – si avvia a diventare (e poveri i suoi genitori…) una ennesima immaginetta del Pantheon nazionale degli eroi-vittime divorati dal mistero…

 

Il tutto dimostra – a completamento di un triennio in cui Renzi ha distribuito decine di bastoni di Maresciallo a vari “caporali”  e ad innumerevoli membri della “nomenklatura” informale del Paese, come nulla conti (e men che meno gli interessi duraturi del Paese…) se non l’impatto mediatico e momentaneo di questa selezione alla “gratta e vinci”.   Forse ispirato da Andy Warhol e dal suo precetto che ciascuno può essere famoso per 15 minuti, ne è diventato il gran sacerdote.  E, del resto, se è toccato a lui, perché non agli altri?

 

Sorprende alla luce di quanto sopra che un anziano guru come il non innocente fondatore di “Repubblica” scomodi concetti come “carisma” (“Matteochissàquando” ne avrebbe , secondo lui, a iosa)  e poi ricordi una lunghissima serie di personaggi politici del passato mezzo secolo: tutti dotati di uno spessore politico e personale oggi sconosciuto.   Non gli viene il dubbio di essere uno dei responsabili di questo decadimento?   E non veda come Renzi ne sia il sacerdote in carica.    Disse Marchionne (fonte la rocciosa Camusso…) “lo abbiamo mandato a Palazzo Chigi per togliere i rottami dai binari….).

 

Missione compiuta.

 

Ed ora?

 

Ma l’Italia comincia a preoccuparsi e non pare far propria fino infondo l’aristocratica affermazione di Benedetto Croce (a Giustino Fortunato che guardava con apprensione le dquadracce fasciste…):  “sono i fermenti della storia…”.    E dunque lasciamo che si depositino….

 

Dovremmo fare lo stesso con le legioni di inquisiti formati da un Partito quale il cosiddetto Partito Democratico?    Sarebbero anche questi i fermenti della storia?

 

Ed allora ben venga – a fronteggiare il soldato Maria Elena – il Sindaco di Napoli De Magistris e le sue evocazioni di involontarie (ma forse meritate) funzioni corporali.

 

A questo siamo nell’anno III dell’era renziana.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto