Flash

22/02/2017

Flash | TRUMPISTI D’ITALIA

C_2_fotogallery_3009332_32_image

Sbaglieremo, ma – secondo noi – l’attuale sfracello italiano ha un punto d’arrivo ben preciso: il week end del 27/28 maggio allorché si terrà (nel grande topos turistico culturale di Taormina) il Vertice annuale G7 all’augusta presenza del leader del “mondo libero” Donald Trump anche se – chissà? – ancora una volta senza l’ottavo “Grande”, lo Zar Vladimir Putin.   E cioè l’Ottavo Grande.

 

Già ma che c’entra il caos nostrano con una scadenza tutto sommato di routine da qualche decennio e sempre più vuota di prospettive ed indicazioni rispetto a quello che ora si è scoperto anche nell’ottuso Belpaese essere il “caos globale” ?       Apparentemente niente: infatti i guai nostri sono prevalentemente endogeni, autoprodotti.   Meglio pallido e periferico riflesso di trasformazioni ed impasse che neppure immaginavamo….  Quando era il tempo di vederli e di preoccuparsene.

 

Ma niente paura, ora il nostro nostro-Clark Kent del contado fiorentino (già “Campione” dei preveggenti Marchionne e De Benedetti…) è tornato ad essere Superman ed è volato in California.  Non novello “Nando Mericoni” di un “Americano a Roma” del geniale Sordi, bensì astuto anticipatore di  svolte epocali.  Quali?

 

Lui dice sul suo blog (ma chi lo legge?) di andare a studiare le sconvolgenti novità del “fotovoltaico”…  Noi citeremmo suggestionati il grossolano “calembour” : “sei obbiettivo, allora fotografa sto c.”…   Ma – per educazione – ce ne asteniamo.

 

Un salto sulla West Coast (ma non gli bastava il Mugnone?) mentre l’Italia oscilla tra catastrofe e ridicolo.  Ma lui – giustamente – pensa a sé ed aveva bisogno di mettere tra parentesi gli ingrati Italiani ed i loro (suoi no?) guai.

 

Ed eccolo dunque vicino, vicino a quello che potrebbe essere il suo nuovo ispiratore: il grande Donald, il salvatore dell’America, magari anche della Svezia (ah, ah…) e perché no di quella civiltà occidentale di cui è cotanto campione.

 

Ed ecco Matteo lì dove le “cose succedono” e non a perdere tempo con gli Emiliano, i Bersani e perfino i Rossi e gli Speranza.  Intanto – mal che vada – si sarà “fatto vedere” negli USA e – benché vada – a fine maggio sarà alla scaletta del Force One dopo aver sgominato gli usurpatori…  Incluso quello che riteneva essere soltanto il suo “segnaposto”, ovvero Paolo Gentiloni…

 

Fantasia del provinciale frustrato o realtà lo vedremo presto…

 

Intanto a Roma si formano le “legioni trumpiste”: la Capitale è messa a sacco dalla storica sindacatura Raggi e dalla bellicosa orda tassinara (bombe carta e tirapugni altro che “Quarto Stato” e progresso popolare…), l’ordura dilaga e – forse – si supererà il record storico di Napoli.   Dice il duce pentastellato l’ex comico Grillo passando in rassegna le legioni insediate nella Capitale “diamogli tempo”: già anche Roma non è stata fatta in un anno e – per farla a pezzi definitivamente ci vorrà un po’ di tempo…   Buon lavoro.

 

D’altro canto la “fuga dalla (e “della”) politica continua con l’agonia (assistita?) del fu PD… sempre che Matteo non riesca – in “cento giorni” – a riprendersi tutto.. in tempo per Taormina

E per completare il processo di trasformazione dell’Italia.

 

Risate e cala il sipario.

 

Noticina finale.  Il casotto della politica italiana è stato nelle ultime settimane allietato dalle musichette degli aedi mediatici prezzolati (grande stampa…) che – orbi di fronte al trumpismo italico violentemente dilagante – hanno “scoperto” che ogni sortita “a sinistra” del PD non potrebbe che ridursi a quei disgraziati – fuori della storia – dell’americano Sanders e del britannico Corbyn.  Ohibò, mamma mia che paura.

 

Trumpisti d’Italia, unitevi.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto