Flash

10/04/2017

Flash | TRUMP E IL 38 PARALLELO

meet-the-fleet

Correvano gli anni ’50 del secolo scorso e chi scrive viveva l’infanzia (senza esserne evidentemente consapevole) di uno dei tanti “baby boomers” ( ovvero gli “antenati degli attuali “millennials”…) concepito in guerra e nato in pace.   La radio (la televisione era – almeno in Italia – di là da venire) portava fino alle nebbie della città della provincia padana in cui crescevo suoni e notizie di luoghi remoti e di misteriosi conflitti.   In particolare mi colpivano gli avvenimenti  – pressoché agli antipodi – della penisola coreana.  Lì era in corso l’anticipazione di quel conflitto Est-Ovest sotto il quale – come tutti – sarei poi cresciuto fino al fatidico 1989 e al crollo del Muro di Berlino.

 

Il 38 parallelo era per me il magico luogo dove si scontravano i “buoni” e i “cattivi”.  Anche se non sapevo bene quali fossero gli uni e gli altri tra “Nord” e “Sud” Coreani e poi gli Americani e i Cinesi e poi il fiume Yalu (così diverso evidentemente dal Po in cui d’estate si poteva fare il bagno… e i “grandi” pescare).  Tanto mi risuonava questo trentottesimo parallelo da essere diventato  il luogo simbolo in cui: ci si doveva fermare.   Così la bruciante medicazione delle mie scorticature si doveva fermare al punto x della scorticatura.  Non per altro ma per evitare il bruciore dell’alcool.

 

E’ forse per questa ragione, per questa memoria (che credevo sepolta ed invece riaffiora…) che dello scorso fine settimana ciò che più mi ha colpito non è stato né il bombardamento USA in Siria, né l’attentato “spicciolo” di Stoccolma, né il massacro interreligioso di Alessandria d’Egitto: entrambi i fatti episodi sostanzialmente routine della Terza Guerra mondiale “a rate” di Papa Bergoglio.  Viceversa vedere veleggiare la Sesta Flotta americana (comandata da una ufficiale afro-americana di appena mezz’età… tipo eroina di Star Wars…) verso la penisola coreana ed in particolare quel Nord dove “regna” il piccolo Kim, ebbene questo è stato uno choc.   Una stura di riflessioni sul carattere circolare della storia.  E sull’evidente assenza di un qualsivoglia “progresso”.

 

Non fosse tremendamente serio, il tutto farebbe pensare ad un “manga”: il gigantesco americano (130 chili, parrebbe) si appresta a schiacciare il mostricciattolo asiatico: piccolo ma crudele… Ed inflessibile nel suo storico oltranzismo che neppure il gigante cinese riesce a contenere e disciplinare.

 

Fin qui fiabe del passato, ma purtroppo spettri del presente ed immediato futuro.

 

D’altro canto la messa in moto dell’Amministrazione Trump (si fa per dire, dato che non è affatto chiaro chi comandi a Washington dietro la tonitruante facciata trumpiana) ha già comportato un’inversione di 180 gradi rispetto ai proclami elettorali dell’”America First” e di un neo-isolazionismo rivolto verso il proprio stesso Paese.  Anzi… Parrebbe quasi che il vero nemico degli Stati Uniti fosse il “self-restraint”, la prudenza obamiana).  Ora si fa sul serio: pompieri e piromani non sono più avversari ma due facce della stessa medaglia.

 

Ripete il Papa: “la guerra è la tragedia dell’umanità”.  Evidentemente non per tutti, forse questo vale solo per la stragrande maggioranza degli uomini e delle donne del pianeta.  Non per quell’uno per cento di chi non solo assomma la stragrande maggioranza delle risorse, ma anche la forza del comando.

 

Dunque si annuncia una Pasqua difficile.  E non è detto che verrà seguita – come è nella tradizione cristiana – da una resurrezione.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto