Flash

14/09/2016

Flash | TRA HILLARY E TRUMP GLI AMERICANI VOTANO PER RENZI

zio_sam

Se la Raggi è ad un pelo da far rimpiangere ai Romani quel “buontempone”,  il Sindaco chirurgo e presenzialista  (fino al punto di farci ricordare la barzelletta: “ma chi è quel tipo vestito di bianco a San Pietro alla finestra vicino a “Pippetto”?), così Renzi svapora di fronte alla grandezza del suo pre-pre predecessore Bettino Craxi, condannato dai comunisti (allora si chiamavano così) all’esilio ed alla “damnatio memoriae”.  Questo oblio non vale per noi che sempre ricordiamo quando i carabinieri di guardia all’aeroporto di Sigonella, Italia, sfidarono e respinsero in armi le arroganti “Delta Forces” per difendere la dignità nazionale italiana.   L’ordine di resistere alla prevaricazione dato da Craxi – un “atlantico” di ferro ma anche un patriota romantico, ma soprattutto un italiano fiero di esserlo – era di non cedere all’intimidazione.   Che l’Italia non era  la Repubblica di “Bananas”…

 

Questo non deve essere l’avviso di Renzi che con ogni probabilità invidia a Sergio Marchionne e a Carlo De Benedetti (suoi sponsor dichiarati e “colpevoli”) la loro mazzetta di passaporti soprattutto nord americani, ma anche elvetici.   Così, in attesa che vada Oltreatlantico a rifarsi una vita (”lascio la politica, cambio professione”) la sua irrefrenabile pulsione yankee (vizi di provincia….) si accorda perfettamente con le inverosimili dichiarazioni dell’Ambasciatore Statunitense a Roma contro il “no” referendario e a favore dello “smantellamento” costituzionale orchestrato dal prediletto Renzino con l’utopistico obiettivo di “attirare gli investimenti”.    Se doveva essere un “assist”, rinforzato dalla cenetta d’onore a Washington alla Casa Bianca tra gli Obama e i Renzi in programma per ottobre, suona più come una pietra tombale e un disvelamento dei reali mandanti di Renzi e del renzismo.   Certo non il popolo italiano cascato nell’ennesima trappola.

 

Considerato il degrado in atto nell’agenda elettorale USA che vede i due Partiti tradizionali (anzi ultracentenari…) candidare il peggio di sé, le parole dell’Ambasciatore costituiscono non una gaffe (stanco anche lui, come Hillary?) ma una provocazione ad un Paese che non ha mai lesinato un appoggio – praticamente “in bianco” – all’alleato statunitense.    Non solo ma, poiché quando piove ci si bagna, ecco il mostruoso “scivolone” di quelli che dovrebbero essere il nostro salvagente di fronte a Renzi e alla sua autistica megalomania, e cioè i “Cinque stelle” (senza contare che di stelle gli Americani ne hanno più di cinquanta….) che non hanno trovato di meglio che paragonare Renzi al “venezuelano” Pinochet.

 

A noi non scandalizza il paragone in sè, anzi – vista l’occupazione massiccia renziana di cariche pubbliche, semipubbliche e mediatiche – pensiamo che, quando se ne andrà, occorrerà procedere ad una sorta di “denazificazione” come si fece in Germania dopo la più che meritata sconfitta.   E, d’altro canto, il “continuismo” italiano (nonostante la Costituzione…) è a tutt’oggi la fonte principale dei nostri guai…

 

Viceversa ci scandalizza (ma non sorprende…) il livello di ignoranza dispiegato da quello che dovrebbe essere uno dei più qualificati candidati alla presidenza del Consiglio: la tragedia cilena è confusa  con altri Paesi di quel Continente (il “venezuelano” dittatore cileno Pinochet).   Atroce la difesa d’ufficio: “non era nato all’epoca…”.  Già ma chi di noi ha convissuto con il Re Sole, Napoleone e perfino il Cristo di Nazaret?

 

Insomma siamo a questo punto e da qualche parte bisognerà pur ricominciare…. Come si dice: “se non ora, quando”.

 

Quanto agli Americani (vacanze o fine mandato dell’Ambasciatore Philips a parte) forse sarebbe venuto anche per loro il momento di una “spolverata” a cattive abitudini a malapena mascherate da un “Soft Power” assai male assortito di colpi di forza le cui conseguenze si traducono in “vasi di Pandora” che massacrano interi popoli… E risparmiamoci gli esempi perché tanto li abbiamo alle porte di casa.

 

Infine un paio di osservazioni alla rinfusa.  Richiamo alla “Brexit” – ora paragonata al possibile ”infausto” “no” referendario -: ebbene gli Inglesi sono ancora vivi, si sono liberati dell’insulso Cameron, hanno dato un segnale di “resilience” (resistenza all’usura) come solo loro sanno fare, hanno rimescolato carte unte e bisunte.  Dunque che c’è da temere ad affidarsi alla sovranità popolare?      Elites di cartapesta: risparmiamocele… quando possiamo.

 

I “Cinque Stelle” seguano l’ammaestramento (peraltro verbale e non seguito col suo proprio figliolo…) del Bossi in canotta all’indomani della vittoria della Lega Nord: “eletti del popolo” studiate, andate all’Università, impratichitevi di diritto ed economia.    E magari anche storia. Vi serviranno, sono indispensabili per governare.   Grillo, che è chiaramente un autodidatta, non lo sa e, dunque, informiamolo che quelli che “non sanno” vincono solo nelle Sacre Scritture.    Fino ad ora non è mai successo e il futuro non si annuncia molto promettente….

 

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto