Flash

21/04/2017

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

gentilonitrump822

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di Francia…  Mentre l’”imprevisto” (davvero?) si è registrato nelle stesse ore nella visita sinodale di Paolo Gentiloni al Donald globale: imprevisto – se non altro – nella positiva “piacevolezza” dell’incontro.   Culminato con la nota di curiosità domestica dell’irruzione della figlia prediletta di Trump, Ivanka, nello studio ovale per “sbirciare” il nostro elegante amico Paolo Gentiloni. Primo Ministro della “spettacolare” Italia (Trump dixit…).

 

Partiamo da Parigi. E cominciamo con una nota “personale”.  Testimonianza, come si dice… nel gergo degli “speciali” televisivi…

 

Non più tardi di una settimana fa chi scrive si trovava a Parigi e nella tarda serata di venerdì (giorno tradizionalmente movimentato..) e percorreva in auto una strada tra due paesini della periferia nord della città, sul lato “chic” della foresta e del castello di Saint Germain en Laye. Così mentre con il nipote sedicenne osservavamo gli arrivi nella locale stazioncina ferroviaria (a Parigi tutto ciò esiste e funziona intorno alle grandi città, non come nel Belpaese…) una “banda” di ragazzotti venuti da un “ridotto” forse malavitoso certamente non “affluente” sortivano dal treno con l’aria di chi cerca di “svoltare” la serata. E, forse più l’automobilina rossa su cui eravamo che la possibilità di una rapina al volo li attirava all’aggressione (calci, pugni sui vetri, tentativo di aprire le portiere e possibilmente impadronirsi di auto e “bottino”).    Ma poi o la nostra fortuna o la loro ancor debole determinazione ci permetteva una ingloriosa fuga.  Con pochi o nulli danni.   Quale è la morale?

 

Semplice. Malessere e violenza sono dappertutto e Parigi, la Francia conservatrice e solo apparentemente benestante sono un focolaio sempre pronto ad esplodere: prima e dopo i “Lupi solitari” dell’ISIS. La polizia – oltre all’azione “d’istituto” – ci mette del suo come in un  caso recente di violenze fisiche e sessuali ad un marginale mariuolo ridotto in fin di vita.  Ed in Francia la memoria dura più che nella smemorata Italia.   Certo non è tutto qui, ma questo c’è e definisce la profondità del “malessere”.  Che non è né culturale, né strumentale ma è il conto di quanto si sarebbe potuto fare e si è fatto, ma al contrario: esacerbando le contraddizioni.

 

Intanto questa rimane la cornice della “contesa” elettorale di domenica.   Sulla quale è già stato detto (in anticipo…) tutto ed il contrario di tutto.  Vedremo.

 

Imprevisto – o forse fin troppo previsto – il successo dell’incontro bilaterale USA-Italia a poco più di un mese dal Vertice G7 (G8 se e quando Putin verrà di nuovo invitato…) di Taormina.

 

Certo un dato che si tende ad omettere è quello dei 30mila militari statunitensi acquartierati nella penisola come si conviene per un Paese che – anche se lo dimentica – la guerra l’ha persa e non vinta.  Un dato che peraltro ci ha a lungo “rassicurato” ma ora?   Intanto mentre – più o meno – mettiamo il carro dove vuole il “padrone” la dialettica tra i due Paesi si limita alla simmetrica richiesta di “fare di più”: noi spendere di più in armi, loro esserci quando da soli non siamo sufficienti anche nel nostro “cortile di casa” libico.

 

E allora buon fine settimana.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto