Flash

16/05/2016

Flash | “Sorvegliare e punire”. Grillo e Renzi come Kim Il Sung…. Chi vincerà?

renzi-grillo

 

La forsennata campagna di Grillo e dei grillini della sua “guardia pretoriana” contro “Capitan Pizza” (al secolo il sindaco di Parma Pizzarotti) costituisce l’unica novità di una campagna elettorale sempre più squallida, priva di contenuti e di prospettive.

 

Il nucleo politico (su cui si sono scatenati media sempre più acritici ed affamati) è ovviamente del tutto irrilevante: puro flatus vocis per riempire vuoto e silenzi.   Estemporaneo /come da manuale) Grillo, “passista” e attento al manuale Renzi.  Sintesi valida per entrambi: “Sorvegliare e punire”.

 

Quindi Grillo vuole finalmente (ci pensa da almeno un paio d’anni) esercitare una punizione ammonitoria contro il Pizza.  Trattasi di uno come tutti gli altri del movimento, ma dignitosamente fermo nelle sue opinioni.  Dunque – sorvegliare e punire – da castigare alla prima occasione utile.    E questa – udite, udite – sarebbe il “peccato veniale” di aver scelto una sovrintendente del Teatro Regio di Parma saltando (pare…) la precedente graduatoria.

 

Peccato ovviamente veniale (tranne magari per i potenziali danneggiati…) ed incomparabile con le accuse giudiziarie che girano a mazzi dalle Alpi al Lilibeo.

 

Peccato mortale – di lesa maestà… – per ogni autocrate che si rispetti e che tutto controlla e tutto vuole sapere.  E non importa se il suo regno è in condominio con il figlio del precedente comproprietario (diritto ereditario… salico della famiglia Casaleggio).  Ed ecco dunque ricentrata la campagna elettorale su di un “sorvegliare e punire” che non è reminiscenza del testo anti-autoritario di Foucault quanto piuttosto osservanza del “metodo Kim Il  Sung” (nonno ederedi…).

 

Accanto all’exploit del Grillo (che verosimilmente gli costerà nelle urne….) c’è il “passismo” illusionista del Renzi, altro noto campione di democrazia.   Noi scherziamo, si ironizza pensando che – più che da elezioni – fu “intronato”  (con tanto di bacio all’Expo”…) dall’anziano Presidente “Re Giorgio”.

 

Lo scenario è dunque duplice: Grillo tuona, Renzi arpeggia.  L’ultima trovata è il raddoppio delle giornate elettorali: una non bastava…   Si tratta di muovere legioni addizionali di “truppe cammellate”.   Ci vuol tempo….    Sorvegliare e punire.     Uno è l’obiettivo: istupidire sempre più il tremebondo popolo italiano, controllarlo inchiodandolo a falsi problemi, falsi temi, vuoto di pensiero, assenza di credibili alternative.    E, intanto, la “nave – non  va”. Nell’economia, nella mancanza di senso e di progetto.     Si prenda ad esempio l’archiviazione del problema libico: passati come siamo dall’”armiamoci e partite” (con la pdssina Pinotti alla “Difesa” che contava le truppe dalla finestra di casa, presumibilmente canticchiando tra sé e sé “Tripoli bel suol d’amore” come nel 1912…).   Ora si continuerebbe a “negoziare”.   Niente truppe… per “motivi di sicurezza” (e già in guerra si muore…) : ma si sono ricordati di dirlo se non all’opinione pubblica almeno alle maschere giulive sedute in Parlamento?

 

Sorvegliare e punire.   Ne vincerà uno, perderanno tutte e due, si metteranno d’accordo?

 

Ed intanto – come in un romanzo di fantascienza – corre tra chi “conta” la voce che “Matteochissaquando” ha già un successore: si chiama (Santa) Maria Elena.

 

Noi siamo italiani, mica nord-coreani….

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto