Flash

16/05/2016

Flash | “Sorvegliare e punire”. Grillo e Renzi come Kim Il Sung…. Chi vincerà?

renzi-grillo

 

La forsennata campagna di Grillo e dei grillini della sua “guardia pretoriana” contro “Capitan Pizza” (al secolo il sindaco di Parma Pizzarotti) costituisce l’unica novità di una campagna elettorale sempre più squallida, priva di contenuti e di prospettive.

 

Il nucleo politico (su cui si sono scatenati media sempre più acritici ed affamati) è ovviamente del tutto irrilevante: puro flatus vocis per riempire vuoto e silenzi.   Estemporaneo /come da manuale) Grillo, “passista” e attento al manuale Renzi.  Sintesi valida per entrambi: “Sorvegliare e punire”.

 

Quindi Grillo vuole finalmente (ci pensa da almeno un paio d’anni) esercitare una punizione ammonitoria contro il Pizza.  Trattasi di uno come tutti gli altri del movimento, ma dignitosamente fermo nelle sue opinioni.  Dunque – sorvegliare e punire – da castigare alla prima occasione utile.    E questa – udite, udite – sarebbe il “peccato veniale” di aver scelto una sovrintendente del Teatro Regio di Parma saltando (pare…) la precedente graduatoria.

 

Peccato ovviamente veniale (tranne magari per i potenziali danneggiati…) ed incomparabile con le accuse giudiziarie che girano a mazzi dalle Alpi al Lilibeo.

 

Peccato mortale – di lesa maestà… – per ogni autocrate che si rispetti e che tutto controlla e tutto vuole sapere.  E non importa se il suo regno è in condominio con il figlio del precedente comproprietario (diritto ereditario… salico della famiglia Casaleggio).  Ed ecco dunque ricentrata la campagna elettorale su di un “sorvegliare e punire” che non è reminiscenza del testo anti-autoritario di Foucault quanto piuttosto osservanza del “metodo Kim Il  Sung” (nonno ederedi…).

 

Accanto all’exploit del Grillo (che verosimilmente gli costerà nelle urne….) c’è il “passismo” illusionista del Renzi, altro noto campione di democrazia.   Noi scherziamo, si ironizza pensando che – più che da elezioni – fu “intronato”  (con tanto di bacio all’Expo”…) dall’anziano Presidente “Re Giorgio”.

 

Lo scenario è dunque duplice: Grillo tuona, Renzi arpeggia.  L’ultima trovata è il raddoppio delle giornate elettorali: una non bastava…   Si tratta di muovere legioni addizionali di “truppe cammellate”.   Ci vuol tempo….    Sorvegliare e punire.     Uno è l’obiettivo: istupidire sempre più il tremebondo popolo italiano, controllarlo inchiodandolo a falsi problemi, falsi temi, vuoto di pensiero, assenza di credibili alternative.    E, intanto, la “nave – non  va”. Nell’economia, nella mancanza di senso e di progetto.     Si prenda ad esempio l’archiviazione del problema libico: passati come siamo dall’”armiamoci e partite” (con la pdssina Pinotti alla “Difesa” che contava le truppe dalla finestra di casa, presumibilmente canticchiando tra sé e sé “Tripoli bel suol d’amore” come nel 1912…).   Ora si continuerebbe a “negoziare”.   Niente truppe… per “motivi di sicurezza” (e già in guerra si muore…) : ma si sono ricordati di dirlo se non all’opinione pubblica almeno alle maschere giulive sedute in Parlamento?

 

Sorvegliare e punire.   Ne vincerà uno, perderanno tutte e due, si metteranno d’accordo?

 

Ed intanto – come in un romanzo di fantascienza – corre tra chi “conta” la voce che “Matteochissaquando” ha già un successore: si chiama (Santa) Maria Elena.

 

Noi siamo italiani, mica nord-coreani….

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto