Flash

20/01/2017

Flash | SOPRAVVISSUTI ALLA SLAVINA. SOPRAVVISSUTI A TRUMP?

7630c01802f9f1858e5e9bf5b64f92cf

Ore strane queste e viste da qui. Stando nel Belpaese il fatto del giorno è che – nonostante tutto e lo vedremo – già due bimbi sono stati tratti vivi fuori dalla “bara di ghiaccio” che ha segnato l’acme di terremoto, gelo ed imprevidenza che hanno investito – da agosto – l’Italia appenninica.

 

Sull’altro lato dell’Atlantico alla gioia (!?) del diretto interessato e di circa il 30% dei cittadini statunitensi fa da contrappunto il rancore di coloro che negli Stati Uniti gli avevano votato contro (oltre due milioni di voti in più a favore della pur sgradevole Hillary Clinton).

 

Di fatto i due eventi sono collegabili soltanto per la contemporaneità e naturalmente per l’oggettiva carica emotiva che entrambi hanno al di là di coloro che vi siano direttamente interessati.   Del fatto italiano (che ha giustamente monopolizzato i media nazionali) si potrà – e dovrà – parlare più diffusamente quando – e se – l’emergenza sarà superata.  Nel bene e nel male.    Certamente a noi non paiono apprezzabili né gli spunti giustamente “sciacalleschi” del leader della Lega, il rozzo ma astuto Salvini.   Ma neppure i farisaici appelli all’unità emessi a tamburo battente dai due Presidenti italiani (della Repubblica e del Consiglio dei Ministri).   Insomma un botta e risposta che ci è sembrato di pari rilevanza per l’inconsistenza, la superfluità ed il carattere quasi provocatorio dei due “fronti”.    Il primo mirato a rosicchiare qualche frutto del malcontento, della sofferenza, del peso dei problemi nazionali irrisolti.    Il secondo l’ennesima riedizione di un mix fra la retorica patriottarda ed il “tiriamo a campare” in cui è involtato – sopra una cittadinanza di fatto compiacente o oggettivamente abulica – l’intero Belpaese a partire dalla sua inamovibile, pletorica e rapace nomenklatura.   Politica e non solo…

 

Incazzati (come dice di fatto Salvini), uniti (come invocano gli altri) ma non perché consapevoli, semplicemente perché questa sarebbe la loro indole, sociale e culturale.

E per ora basti… sperando che almeno l’energia elettrica venga ripristinata prima che gli sfortunati abitanti delle zone terremotate vengano decimati dal gelo.  E ci dispiace per i fortunati distributori di elettricità che difficilmente percepiranno bollette e profitti…

 

Intanto arriva da Washington l’eco dell’insediamento del 45esimo Presidente della super-potenza americana.  Un rituale formale rispettato, ma condito per la prima volta da un fiotto populista (lui sì, non i poveracci planetari e nostrani) sparato contro la “cricca” di Washington ed un florilegio di frasi tipo “il potere torna a voi americani”.

 

Nel frattempo e per cominciare, il Ministero del Tesoro viene affidato da Trump  ad un boss di quel noto ente benefattore che è la finanziaria Goldman Sachs, il ruolo di Segretario di Stato (cioè Ministro degli Esteri incaricato degli affari mondiali) ad un ex petroliere, e così via in una velleitaria girandola che da noi si definirebbe come il Consiglio del Rotary o di una loggia massonica…

 

O più semplicemente la risposta alla “rivelazione” di Oxfam (e del Forum di Davos) che un pugno di individui detiene ricchezze – e potere – come svariati miliardi (avete capito bene: miliardi, tipo i quattro quinti dell’umanità) e così deve rimanere.

 

Isolazionista, imbevuto di retorica pseudo nazionale, ebro di paccotiglia “religiosa” così l’esordio bellicoso del Donald…. Poiché “noi siamo protetti da Dio”.   Tronfia riedizione del “Destino manifesto” di oltre un secolo fa…  E’ vero e lo diceva anche un predecessore europeo.   Chi?   Semplice: un sadico imbianchino austriaco, di nome Adolfo Hitler.   Quello di “Got Mit Uns”.  Si è visto e ancora si vede quanto avesse ragione andando ancora oggi ad Auschwitz…

 

Certamente si “sgonfierà”.  E forse lo faranno gli Americani stessi.   A partire da domani. E anche da oggi, viste le manifestazioni già in atto a Washington.

 

Da noi intanto le lingue si lustrano e si continua imperterriti a farneticare della “grande democrazia” americana.

 

Auguri a tutti noi.  Americani inclusi.

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto