Flash

09/12/2016

Flash | “SLIDING DOORS”, PORTE GIREVOLI

A 30670

Tra i mille (almeno) proverbi di una tradizione – universale ma soprattutto italiana tenuto conto della nostra intolleranza per i ragionamenti complessi ovvero “pallosi” – c’è ne è uno che calza a pennello per l’attuale situazione post referendaria.

 

“Passata la festa, gabbato lo santo”.   E così eccoci qui ad assistere (grazie ad estenuanti e risibili dirette televisive) allo spettacolo delle porte girevoli (appunto: “Sliding Doors”) e soprattutto di quelle ubicate nell’antica residenza papale del Quirinale.   Altrimenti icasticamente denominato il “colle”: un simbolo autoprodotto della sacralità e del mistero che avvolge – obbligatoriamente…- il potere.    Purtroppo da quelle “porte girevoli” non esce nessuna Gwyneth Paltrow e non vi sono episodi di “serendipity” (felici ed inesplicabili coincidenze) quanto piuttosto allusioni continue ad una residenza misteriosa di un immaginario “Conte Dracula”.     Naturalmente scherziamo…

 

Intanto però il fervore partecipativo del 4 dicembre viene spegnendosi in un ritorno in forze dei “tristi eroi” (Presidente Juncker dixit, rivolto agli Inglesi della Brexit…) della nomenklatura politica italiana.  Costoro – dopo aver protocollarmente accettato la sberla del “no” referendario – hanno ricominciato come prima. Più di prima.

 

Dei problemi del Paese (e men che meno del vasto mondo…), della radicale insofferenza dei loro concittadini poco sanno e poco gli interessa.  Il gioco si limita ad una rinnovata lotta di potere attizzata dall’insperata eclissi precipitata sul cosiddetto “homo novus” Matteo Renzi.  Un tizio il cui inarrestabile arrivismo si era miracolosamente (!?)  tramutato in un sorta di vincita della Lotteria di Capodanno del potere.  Ora egli ha perso tutto, vittima della sua stessa incontinenza.   Di più l’idea che si diffonde in questi giorni è quella di tramutarlo (operazione non impossibile considerata la sua natura autistica) in una sorta di segnaposto mentre – tra morti e feriti – si consuma la battaglia per la successione.   La quale dovrà comunque subire un passaggio elettorale.   Quando e come (con quale legge elettorale…) non è ancora dato di sapere.

 

Insomma un vero e proprio caos.  Di più: il caos è destinato ad aumentare considerata la natura della principale “opposizione” agli equilibri esistenti.  Non vi è infatti chi non veda come la centralità – o peggio l’eventuale vittoria – dell’”opposizione” grillina – aprirebbe la strada non già alla rivoluzione democratica bensì allo sgretolamento definitivo di ogni possibile riforma del Paese.   Perché?    Perché non esiste in natura che i demolitori si trasformino in costruttori, perché la democrazia non consiste nel clic dei computer ma – magari – in partecipazione ideale ed elettorale, perché un movimento politico non può dipendere da una società privata e da un ispiratore detentore di un “marchio” (peraltro assai insulso: le cinque stelle…) .  Infine perché sono bastati pochi mesi per capire che l’esperimento di Roma fallisce nell’insipienza e nel ritorno massiccio dei neo-fascisti.

 

In breve ci pare che il passaggio attuale del Belpaese sia dal sinistro al surreale.

 

Altro che “nuovo che avanza” promessoci da Renzi e dai suoi accoliti.   E quanto al prossimo “nuovo” non occorre essere profeti per sentirsi tremare le vene nei polsi.

 

Dunque, per ora, limitiamoci ad aspettare i risultati del “minuetto” in corso. Dove?  Ma sul “Colle” naturalmente.      E non dimentichiamoci di ringraziare l’”inventore” di questa interminabile “transizione pilotata” della crisi nazionale…

 

O, magari, rimproveriamo noi stessi per non avere – in un intero secolo – seguito l’ammonimento di Garibaldi.  “Italiani, siate seri”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto