Flash

05/04/2017

Flash | SARIN E DINTORNI

assad

Per chi non lo sapesse, o non lo ricordasse il “Sarin” è un mortale gas nervino.  Usato in vari attentati (uno in Giappone molti anni addietro) e naturalmente come arma di guerra: soprattutto “civile”, ovvero dai dittatori contro la propria stessa popolazione.

 

Questo è quello che sarebbe accaduto – smentite a parte – nella martoriata Siria ad opera del sanguinario (questo non si può smentire…) dittatore Assad.  L’ometto, figlio del precedente “storico” dittatore Hafez Assad, rimane al cuore della tragedia di Siria forte dell’appoggio della Russia di Putin oltre che naturalmente delle incertezze degli altri Paesi occidentali.

 

Manco a dirlo, secondo Trump la responsabilità del massacro di bambini ricadrebbe sul suo predecessore Obama.  Come e perché non è dato saperlo.   Forse converrebbe interrogare un “esperto” italiano: quel senatore (sic!) Razzi che si è recentemente distinto per una foto che lo immortalava sorridente proprio al fianco dell’orrendo Assad.  E, così, anche l’Italia ha fatto il suo… Grazie Razzi per aver addirittura preceduto l’attribuzione (appena emessa dalla Russia…) dei massacri ad imprecisati “terroristi”….

 

Intanto mentre l’episodio entra nell’archivio degli orrori, il consenso per Trump scende sotto il fatidico 35%: primo record di questa “Presidenza”.    Il che non impedirà al Capo dello Stato Cinese Xi di recarsi “a cena” da Trump nella sua magione di villeggiatura in Florida.    In breve un ritorno costumi e prassi medievali…  E, a questo punto, valgono a poco le dichiarazioni del serio Senatore repubblicano McCain, secondo il quale la lotta all’ISIS non comporta necessariamente la complicità con il sanguinario, sorridente, Assad.

 

Ma questo capitolo ci porta alla constatazione che – ormai – esistono due Americhe.  Una quella di Trump e l’altra quella di un Paese come tutti gli altri.  Nel bene e nel male.

 

Intanto l’attentato islamico di Pietroburgo conferma quello che – ormai – è sotto gli occhi di tutti: cioè che non esistono confini alla “Terza Guerra mondiale”.   Ed è d’altro canto difficile credere che l’appello del solito Trump a “trattare” con la “mina vagante” Nord-coreana risponda alla complessità della febbre mortifera che avvolge il pianeta.   Se mai, sarebbe umoristico un incontro tra Trump ed il sanguinario dittatorino Kim, il terzo della dinastia…. Prototipo dello “Stato canaglia”.  Ammesso che ce ne siano… di “non canaglia”….  Vogliamo dire…

 

Fin qui – tra vivi e morti – lo stato del mondo.   Poi ci siamo noi: alle prese con l’imminente ritorno del “Conte di Montecristo” Matteo Renzi.  Il quale – tra meno di un mese – potrebbe ricevere le “chiavi di casa” del partito di maggioranza (fino a quando?) dell’Italia, il PD.  Sempre più votato all’autodistruzione.   Finalmente…

 

Ma qui ci sarebbe più che altro da ridere.  Sotto il motto: “la situazione è grave… ma non seria”…

 

Infatti ci vorrebbe un collegio di psichiatri, più che di analisti politici per spiegare perché il Belpaese avrebbe bisogno di un ritorno al timone di comando del più inconcludente, arrogante superfluo Primo  Ministro della storia repubblicana.   Ha un bel dire il serio Orlando sulla stabilità che (lui e Gentiloni…) assicurerebbero al Paese: il fascino di una “stamina” da bullo di paese “mesmerizza” la politica italiana. L’inequivocabile verdetto popolare del 4 dicembre viene considerato come “acqua passata”… che non macina più.

 

Più che ad una “allegria di naufragi”, qui siamo di fronte ad un “cupio dissolvi” da drogati terminali.   Farsi del male da soli.    Come del resto testimonia la sbornia grillina, sintetizzabile con l’adagio popolare: “per punire mia moglie, mi taglio i c…”.    E così sia…

 

Buona preparazione alla santa Pasqua.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto