Flash

05/04/2017

Flash | SARIN E DINTORNI

assad

Per chi non lo sapesse, o non lo ricordasse il “Sarin” è un mortale gas nervino.  Usato in vari attentati (uno in Giappone molti anni addietro) e naturalmente come arma di guerra: soprattutto “civile”, ovvero dai dittatori contro la propria stessa popolazione.

 

Questo è quello che sarebbe accaduto – smentite a parte – nella martoriata Siria ad opera del sanguinario (questo non si può smentire…) dittatore Assad.  L’ometto, figlio del precedente “storico” dittatore Hafez Assad, rimane al cuore della tragedia di Siria forte dell’appoggio della Russia di Putin oltre che naturalmente delle incertezze degli altri Paesi occidentali.

 

Manco a dirlo, secondo Trump la responsabilità del massacro di bambini ricadrebbe sul suo predecessore Obama.  Come e perché non è dato saperlo.   Forse converrebbe interrogare un “esperto” italiano: quel senatore (sic!) Razzi che si è recentemente distinto per una foto che lo immortalava sorridente proprio al fianco dell’orrendo Assad.  E, così, anche l’Italia ha fatto il suo… Grazie Razzi per aver addirittura preceduto l’attribuzione (appena emessa dalla Russia…) dei massacri ad imprecisati “terroristi”….

 

Intanto mentre l’episodio entra nell’archivio degli orrori, il consenso per Trump scende sotto il fatidico 35%: primo record di questa “Presidenza”.    Il che non impedirà al Capo dello Stato Cinese Xi di recarsi “a cena” da Trump nella sua magione di villeggiatura in Florida.    In breve un ritorno costumi e prassi medievali…  E, a questo punto, valgono a poco le dichiarazioni del serio Senatore repubblicano McCain, secondo il quale la lotta all’ISIS non comporta necessariamente la complicità con il sanguinario, sorridente, Assad.

 

Ma questo capitolo ci porta alla constatazione che – ormai – esistono due Americhe.  Una quella di Trump e l’altra quella di un Paese come tutti gli altri.  Nel bene e nel male.

 

Intanto l’attentato islamico di Pietroburgo conferma quello che – ormai – è sotto gli occhi di tutti: cioè che non esistono confini alla “Terza Guerra mondiale”.   Ed è d’altro canto difficile credere che l’appello del solito Trump a “trattare” con la “mina vagante” Nord-coreana risponda alla complessità della febbre mortifera che avvolge il pianeta.   Se mai, sarebbe umoristico un incontro tra Trump ed il sanguinario dittatorino Kim, il terzo della dinastia…. Prototipo dello “Stato canaglia”.  Ammesso che ce ne siano… di “non canaglia”….  Vogliamo dire…

 

Fin qui – tra vivi e morti – lo stato del mondo.   Poi ci siamo noi: alle prese con l’imminente ritorno del “Conte di Montecristo” Matteo Renzi.  Il quale – tra meno di un mese – potrebbe ricevere le “chiavi di casa” del partito di maggioranza (fino a quando?) dell’Italia, il PD.  Sempre più votato all’autodistruzione.   Finalmente…

 

Ma qui ci sarebbe più che altro da ridere.  Sotto il motto: “la situazione è grave… ma non seria”…

 

Infatti ci vorrebbe un collegio di psichiatri, più che di analisti politici per spiegare perché il Belpaese avrebbe bisogno di un ritorno al timone di comando del più inconcludente, arrogante superfluo Primo  Ministro della storia repubblicana.   Ha un bel dire il serio Orlando sulla stabilità che (lui e Gentiloni…) assicurerebbero al Paese: il fascino di una “stamina” da bullo di paese “mesmerizza” la politica italiana. L’inequivocabile verdetto popolare del 4 dicembre viene considerato come “acqua passata”… che non macina più.

 

Più che ad una “allegria di naufragi”, qui siamo di fronte ad un “cupio dissolvi” da drogati terminali.   Farsi del male da soli.    Come del resto testimonia la sbornia grillina, sintetizzabile con l’adagio popolare: “per punire mia moglie, mi taglio i c…”.    E così sia…

 

Buona preparazione alla santa Pasqua.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto