Flash

17/02/2017

Flash | RENZI, TRUMP E… GENTILONI

(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Il ritorno a queste note dopo circa un mese di disintossicazione in altri climi non può non imbarazzarci.. di più metterci in ansia… tanto più nel trovarsi in un venerdì 17…  Per di più nel neonato 2017 seguito ad un tragico anno bisestile…

 

Ma – tant’è – questo è quello che ci tocca e proveremo,  toccando ferro, a dipanarlo un po’.

 

Cominciamo da Renzi.  Che sia arrivato al capolinea (lui e la sua famiglia a partire da quel padre Tiziano che aveva inaugurato l’”era del figlio” con una vacanza in bermuda fiorentini a Miami degna del più classico cine-panettone…) e potrebbe concluderla in aule di tribunale non pare più dubbio a nessuno.  Tranne forse a lui medesimo e cioè all’unico disposto a credere di avere svolto altro ruolo da quello del becchino di quello che fu il più grande partito riformista d’Europa.

 

Che si scindano, si frazionino, si rilancino interessa solo loro medesimi.  Tanto ormai l’occasione di uscire di scena con qualche plumbea grandezza (come fece decenni addietro il “fratello” francese PCF) è ormai del tutto improponibile e la questione è soltanto quella del “fine vita”. Speriamo solo che duri il meno possibile.. Per loro e per noi…

 

Dunque, a questo punto, auguriamoci che il loro “congresso” sia veloce e breve.

 

Naturalmente l’Italia intanto rimane il “malato d’Europa”.   Eppure – svanita l’”era Baricco” di Renzi e delle sue “girls”– il quotidiano sembra riservare qualche “sorpresa” di vitalità e di sopravvivenza “ultra vires”.  Ovvero la specialità in cui – forse – siamo da secoli i campioni d’Europa. Ne parleremo oltre.

 

Intanto il vasto mondo si sta godendo il trionfale debutto dell’era Trump.  Scintille – e ceneri – dappertutto.  Una specie di Pompei annunciata ben rappresentata dalle “prime donne” (Stati Uniti ed Israele per cominciare) accucciate intorno al caminetto della Casa Bianca. Superfluo esaminare – scacchiere per scacchiere – il caos in atto.  Tanto – e in questo ha ragione lui – non è che prima fosse meglio…

 

Nel frattempo – grazie soprattutto alla stampa statunitense – si cominciano a conoscere i veri contorni del personaggio che – tanto per dirne una – già prima della “liason” con Putin faceva affari con la mafia russa del quartiere newyorkese di Queens.   E c’è dell’altro molto altro come scrive – non smentito – il Premio Pulitzer David Johnston (in Italia pubblicato da Einaudi). Perciò “allacciate le cinture di sicurezza” in attesa degli sviluppi della guerra civile (per così dire) USA.

 

Quanto al Belpaese, forse rinvigorito dalla totale assenza di proposta politica minimamente credibile (o dovremmo continuare a ritenere tale quella del “Wilma dammi la clava” grillino) vive una esistenza in cui la dimensione “politica” ha toccato il diapason dell’inconsistenza….

Con la nomenklatura nelle vesti non di dirigente quanto piuttosto di anticorpo da controllare con il sistema immunitario acquisito in secoli dagli Italiani.

 

Ed infine c’è Paolo Gentiloni del quale si parla con qualche circospezione ed interesse nel vasto mondo: stupito di un Italiano che non strilla, non si produce in scherzi di dubbio gusto, non proclama insulsaggini, è moderato ed educato. Perfino ascolta…  Certo fa poco ma – almeno – contiene guai e pseudo-novità.   E allora viene anche a noi un dubbio: che sia questo – paradossalmente – il “nuovo che avanza”?   E allora – in attesa di improbabili “tempi migliori” – ringraziamolo…

 

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto