Flash

23/05/2016

Flash | Questione umanitaria o questione globale?

siria-onu-744x445 (1)

 

Per un paio di giorni le Nazioni Unite si riuniscono in un – nientepopodimeno che – “Vertice Umanitario Mondiale”.   E dove lo fanno?  Beh, è semplice: in quella Istanbul dove regna l’aspirante sultano Erdogan.   Sarà per lui un felice intervallo in mezzo al sempiterno massacro della minoranza kurda, alla co-gestione dei massacri siriani, alla repressione feroce delle libertà nel suo stesso Paese continuamente ricacciato nell’autocrazia a dispetto di una società – e di milioni di giovani – convinti che il progresso non si misura in chilometri di autostrada, né nel proliferare di ponti sul Bosforo.

 

D’altro canto l’ONU continua nel suo inutile mestiere “decorativo” e fintamente suppletivo eredi un vuoto di cooperazione internazionale come non si era conosciuto neppure nei tempi più oscuri della Guerra fredda.  Senza contare che aver preposto all’unico embrione di Governo mondiale uno scipito personaggio come Ban Ki Moon costituiva un’ipoteca ed una dichiarazione di intenti negativa da pare dei maggiori Stati Membri (Italia inclusa).

 

Lo stesso fenomeno di denegazione dell’integrazione positiva – regionale e globale – che ci ha regalato uno Juncker a Bruxelles (e si guardi al disperato travaglio dell’Europa…) ha spazzato infatti via ogni ipotesi di reale cooperazione trans-nazionale: oltre, fuori e dopo l’assetto che ci ha regalato due guerre mondiali.  Oltre naturalmente la possibilità, anche teorica, di regolare e disciplinare la globalizzazione.

 

Infatti non abbiamo solo Ban e Juncker, ma anche la dame “Rive Droite” Lagarde al Fondo Monetario (al posto del politicamente scorretto e potenzialmente eversivo nonché intrappolato dal “democratico” Sarkozy, Strauss Kahn… reo di presunte e forse orchestrate “violenze” sessiste) e tanti altri in una corona di rappresentanti di poteri più o meno occulti.  Anzi non del tutto occulti dato che figurano in quel loro “elenco del telefono” costituito da quei “Panama Papers” che registrano i loro mostruosi e “segreti” averi.    Quello – sia detto per inciso – è l’organigramma dell’unico vero potere che sovraintende alla gestione della globalizzazione….

 

Una globalizzazione che lascia fuori almeno i due terzi dell’umanità.

 

Per loro ci sono le buone parole che – senza dubbio – sortiranno dalle chiacchiere imbalsamate della “due giorni” sul Corno d’Oro.  Del resto la realtà non la vede solo chi non la vuole vedere o- peggio – la vuole nascondere.  Un esempio a “ciccio di sedano” (come direbbero i vecchi Stanlio ed Ollio) è quello del nesso immigrazione/sviluppo.   Ricordiamo la storia del problema.   Già nei primi anni ’80 del secolo scorso l’OCSE (i “tecnici”, non i Paesi membri) aveva mostrato come le “piramidi” delle età- ovvero il rapporto tra numero dei vecchi e numero dei giovani- (esempio: riva Nord e riva Sud del Mediterraneo) ci condannassero all’attuale caos… a meno di promuovere crescita e consenso nei Paesi poveri.   E’ stato fatto il contrario: rapinarne le risorse, appoggiare i dittatori, rifiutare la vera cooperazione (cooperazione… non la carità propugnata dal povero Pannella e dalla sua campagna “anti-sterminio per fame”).

 

Ed ora arriva il conto….   Ma niente paura: quei Paesi che ci faranno da “kapò” (sigillando le loro frontiere…) riceveranno congrui aiuti.   Ma non per la crescita e l’utilizzo delle loro risorse, bensì per trasformarsi da sé in prigioni sigillate.   Ovviamente alla lunga non funzionerà, ma darà respiro agli spaventati governi europei.

 

Ed intanto l’Onu ad Instanbul si esibirà in un vano esercizio oratorio.   Di più, tenterà di ridurre un “divide” storico-politico  sempre rinviato, sempre messo tra parentesi e ridotto ad una questione tipo i libri ottocenteschi sul pauperismo determinato dal “progresso” industriale nella Gran Bretagna dell’Ottocento.

 

Ed infatti il termine da utilizzare non sarebbe “umanitario” bensì “diseguale”.  Diseguale in un “solo mondo”. Con conseguenze ormai globali.

 

Altro che “far del bene”, aiutiamoli a casa loro, applichiamo a tutti i principi democratici e via inventando o scimmiottando Papa Bergoglio.   Il quale – sia detto per inciso – comincia a muoversi sul filo sottile del “detto”, più che su quello del “fatto”…

 

Per queste ragioni il garbato e buonista approccio sciorinato su “Repubblica” dall’amico Roberto Toscano (“La contraddizione degli aiuti umanitari”) non convince per nulla: infatti non ci troviamo di fronte a buone intenzioni frustrate da una dura realtà, bensì a male, malissime intenzioni camuffate da buone.

 

Infine – “si parva licet comparare grandis” – gli sviluppi politici in Italia si muovono nella stessa logica: mentire, mentire ad oltranza, capovolgere i ragionamenti e la realtà.  Tentare di smantellare le garanzie costituzionali con il consenso dei cittadini-vittime.   Aggredire i contenuti democratici, governare con avventurieri e trasformisti reazionari ed accusarne con l’epiteto (inventato ed immotivato) di “populisti” le vittime stesse cioè i cittadini refrattari all’orchestrata propaganda.  Eccetera, eccetera.

 

Sta funzionando in America con Donald Trump. Perché non dovrebbe durare con il piccolo Renzi?   Dicono di tutto e fanno e faranno il contrario.  L’unico risultato sarà che la realtà picchierà ancora più duro.   Fino al giorno in cui a pagare saranno tutti.  Servi e padroni.

Infine una modesta proposta, per sollevarci il morale: nominare una commissione parlamentare per accertare e quantificare non già il tasso di corruzione del PD, bensì gli asseriti centimetri di cellulite della sentenziosa ministra Boschi, la “vera” partigiana.

Come disse il poeta: “E lasciatemi divertire” (Aldo Palazzeschi, 1910).

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto