Flash

23/05/2016

Flash | Questione umanitaria o questione globale?

siria-onu-744x445 (1)

 

Per un paio di giorni le Nazioni Unite si riuniscono in un – nientepopodimeno che – “Vertice Umanitario Mondiale”.   E dove lo fanno?  Beh, è semplice: in quella Istanbul dove regna l’aspirante sultano Erdogan.   Sarà per lui un felice intervallo in mezzo al sempiterno massacro della minoranza kurda, alla co-gestione dei massacri siriani, alla repressione feroce delle libertà nel suo stesso Paese continuamente ricacciato nell’autocrazia a dispetto di una società – e di milioni di giovani – convinti che il progresso non si misura in chilometri di autostrada, né nel proliferare di ponti sul Bosforo.

 

D’altro canto l’ONU continua nel suo inutile mestiere “decorativo” e fintamente suppletivo eredi un vuoto di cooperazione internazionale come non si era conosciuto neppure nei tempi più oscuri della Guerra fredda.  Senza contare che aver preposto all’unico embrione di Governo mondiale uno scipito personaggio come Ban Ki Moon costituiva un’ipoteca ed una dichiarazione di intenti negativa da pare dei maggiori Stati Membri (Italia inclusa).

 

Lo stesso fenomeno di denegazione dell’integrazione positiva – regionale e globale – che ci ha regalato uno Juncker a Bruxelles (e si guardi al disperato travaglio dell’Europa…) ha spazzato infatti via ogni ipotesi di reale cooperazione trans-nazionale: oltre, fuori e dopo l’assetto che ci ha regalato due guerre mondiali.  Oltre naturalmente la possibilità, anche teorica, di regolare e disciplinare la globalizzazione.

 

Infatti non abbiamo solo Ban e Juncker, ma anche la dame “Rive Droite” Lagarde al Fondo Monetario (al posto del politicamente scorretto e potenzialmente eversivo nonché intrappolato dal “democratico” Sarkozy, Strauss Kahn… reo di presunte e forse orchestrate “violenze” sessiste) e tanti altri in una corona di rappresentanti di poteri più o meno occulti.  Anzi non del tutto occulti dato che figurano in quel loro “elenco del telefono” costituito da quei “Panama Papers” che registrano i loro mostruosi e “segreti” averi.    Quello – sia detto per inciso – è l’organigramma dell’unico vero potere che sovraintende alla gestione della globalizzazione….

 

Una globalizzazione che lascia fuori almeno i due terzi dell’umanità.

 

Per loro ci sono le buone parole che – senza dubbio – sortiranno dalle chiacchiere imbalsamate della “due giorni” sul Corno d’Oro.  Del resto la realtà non la vede solo chi non la vuole vedere o- peggio – la vuole nascondere.  Un esempio a “ciccio di sedano” (come direbbero i vecchi Stanlio ed Ollio) è quello del nesso immigrazione/sviluppo.   Ricordiamo la storia del problema.   Già nei primi anni ’80 del secolo scorso l’OCSE (i “tecnici”, non i Paesi membri) aveva mostrato come le “piramidi” delle età- ovvero il rapporto tra numero dei vecchi e numero dei giovani- (esempio: riva Nord e riva Sud del Mediterraneo) ci condannassero all’attuale caos… a meno di promuovere crescita e consenso nei Paesi poveri.   E’ stato fatto il contrario: rapinarne le risorse, appoggiare i dittatori, rifiutare la vera cooperazione (cooperazione… non la carità propugnata dal povero Pannella e dalla sua campagna “anti-sterminio per fame”).

 

Ed ora arriva il conto….   Ma niente paura: quei Paesi che ci faranno da “kapò” (sigillando le loro frontiere…) riceveranno congrui aiuti.   Ma non per la crescita e l’utilizzo delle loro risorse, bensì per trasformarsi da sé in prigioni sigillate.   Ovviamente alla lunga non funzionerà, ma darà respiro agli spaventati governi europei.

 

Ed intanto l’Onu ad Instanbul si esibirà in un vano esercizio oratorio.   Di più, tenterà di ridurre un “divide” storico-politico  sempre rinviato, sempre messo tra parentesi e ridotto ad una questione tipo i libri ottocenteschi sul pauperismo determinato dal “progresso” industriale nella Gran Bretagna dell’Ottocento.

 

Ed infatti il termine da utilizzare non sarebbe “umanitario” bensì “diseguale”.  Diseguale in un “solo mondo”. Con conseguenze ormai globali.

 

Altro che “far del bene”, aiutiamoli a casa loro, applichiamo a tutti i principi democratici e via inventando o scimmiottando Papa Bergoglio.   Il quale – sia detto per inciso – comincia a muoversi sul filo sottile del “detto”, più che su quello del “fatto”…

 

Per queste ragioni il garbato e buonista approccio sciorinato su “Repubblica” dall’amico Roberto Toscano (“La contraddizione degli aiuti umanitari”) non convince per nulla: infatti non ci troviamo di fronte a buone intenzioni frustrate da una dura realtà, bensì a male, malissime intenzioni camuffate da buone.

 

Infine – “si parva licet comparare grandis” – gli sviluppi politici in Italia si muovono nella stessa logica: mentire, mentire ad oltranza, capovolgere i ragionamenti e la realtà.  Tentare di smantellare le garanzie costituzionali con il consenso dei cittadini-vittime.   Aggredire i contenuti democratici, governare con avventurieri e trasformisti reazionari ed accusarne con l’epiteto (inventato ed immotivato) di “populisti” le vittime stesse cioè i cittadini refrattari all’orchestrata propaganda.  Eccetera, eccetera.

 

Sta funzionando in America con Donald Trump. Perché non dovrebbe durare con il piccolo Renzi?   Dicono di tutto e fanno e faranno il contrario.  L’unico risultato sarà che la realtà picchierà ancora più duro.   Fino al giorno in cui a pagare saranno tutti.  Servi e padroni.

Infine una modesta proposta, per sollevarci il morale: nominare una commissione parlamentare per accertare e quantificare non già il tasso di corruzione del PD, bensì gli asseriti centimetri di cellulite della sentenziosa ministra Boschi, la “vera” partigiana.

Come disse il poeta: “E lasciatemi divertire” (Aldo Palazzeschi, 1910).

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto