Flash

29/07/2016

Flash | PAUSA DI SANGUE, ACCELERAZIONE DI IDIOZIE

papaauschwitz_6

Lungi dall’utilizzare la pausa di sangue degli ultimissimi giorni per riflettere, cercare di capire, smettere di diffondere fanfaluche e diversioni i media (quelli italiani massimamente e consuetudinariamente) hanno tirato fuori vari fondi di magazzino.   Avrebbero potuto utilizzare gli spazi liberati dalla spirale dell’orrore per spiegare agli Italiani perché la “più antica banca del mondo” (non proprio, ma tant’è….) aspetta il giudizio monetario sulla propria oggettiva bancarotta.   Anche perché forse ci sono ancora italiani che non riescono a spiegarsi perché le banche falliscano.  Semplice: perché “prestano” esclusivamente a chi a tutto pensa meno che a “restituire”.  Ovvero si mangiano i risparmi dei poveracci ed il frutto del “moltiplicatore” del credito.   Tipo la Banca Etruria del papà della Ministra Boschi.  L’autrice della “Costituzione bis” del referendum autunnale..

 

Ma parliamo piuttosto delle “idiozie” sul terrore universale.  “Odio i musulmani e la puzza di piedi delle loro moschee” (Sic).   Così tal Filippo Facci su “Libero” (sbracato quotidiano di destra”).   Non occorrono commenti.   Tanto più che l’area “progressista” non è da meno, ripescando un dimenticato “politologo” nippo-statunitense – Francis Fykuyama – definito per l’occasione da “Repubblica” il “profeta della fine della storia”.   Quando poi si tratta del folle che scambiò il 1989 – e l’abbattimento consensuale del Muro di Berlino come il trionfo dell’Occidente e del liberismo iper-capitalista e finanziario.  Fine della storia…. E si è visto…..

 

Anche il papa non si sottrae al “deja vu” con la visita di prammatica ad Auschwiz.    Noi suggeriremmo invece il Museo annesso al mega cimitero di Redipuglia.  Lì fanno bella mostra di sé (se non li hanno tolti…) i due modelli di mazze ferrate con cui reciprocamente gli Italiani o gli AustroTedeschi si sfondavano a morte i crani saltando nelle altrui trincee.  Debitamente e preventivamente gassate.  Ecco lì la “gloriosa” Prima Guerra mondiale: anteprima della seconda.

 

Il punto è sempre quello dell’”indivisibilità “ del male. Ed anche della definizione del male.   Forse Bergoglio (che ha certamente coraggio fisico) potrebbe anche visitare gli ospedali (anche e soprattutto quelli dei bambini) nel teatro di guerra siriano.     E restituire i quattrini  dell’ospedale romano del Bambin Gesù (sic) dirottati sulla “penthouse” del Cardinal Bertone.

 

Noi pensiamo – e non crediamo di essere i soli – che, se si continua a mettere tra parentesi l’imperativo della coerenza, tutti i nostri problemi si riducono alla “sicurezza”.   Ed alla puzza di piedi nelle moschee.  Della quale peraltro noi non ci eravamo mai accorti…

 

Ma anche qui – a circa un quarto di secolo dalla pubblicazione del “Clash of Civilizations” del bistrattato ma attendibile Huntington – il problema rimane quello di non credere alle proprie rispettive propagande.   E di cercare viceversa contenuti e metodi delle verità comuni.   In primo luogo quelle del rimettere le rispettive religioni nell’ambito loro proprio.   Che in questo l’”Occidente” sia avanti è un fatto.   E da qui bisognerebbe partire, non dalla puzza dei piedi….

 

Ma, di nuovo, siamo ancora a tempo?  Inutile chiederlo alle elites della psicopolitica: quella stessa che ordinava di cancellare le prove video dell’assenza di presidio militare sul lungomare di Nizza.  E che appena una settimana dopo lasciava entrare nella chiesa di Rouen un sorvegliato “elettronico” rivelatosi un massacratore.

 

Nonostante tutto, buon fine setimana.   E – senza scherzi – auguri alle banche,   Che Dio (o Satana…) le protegga…

 

Infine un piccolo quiz.    Ora che sappiamo che la disfida sarà a novembre tra l’uomo dai capelli arancioni (Donald Trump) e la moglie più tenace d’America (“Hillary Clinton”) ci domandiamo che ne sarà (dal punto di vista mediatico…) del referendum renziano sulla liquidazione dell’”anacronistica” Costituzione italiana.

 

Anche qui auguri… e vinca il migliore…

 

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto