Flash

27/05/2016

Flash | OBAMA A HIROSHIMA, GIRONE IN ITALIA, REGENI SENZA GIUSTIZIA

obama-hiroshima

 

La Conferenza “umanitaria” di Istanbul si è chiusa con un nulla di fatto e la vana protesta di “Medecins sans frontieres” con i loro ospedali bombardati senza giustificazione alcuna.   Zero a zero anche al G8 “giapponese” chiusosi senza alcun impegno collegiale (sgradito a Berlino e Londra) di misure anti-crisi.     Obama visita e parla ad Hiroshima e tenta una mossa destinata ai libri di storia (ma chi li studia o, almeno, chi li legge più?) simile al “mano nella mano” di Mitterrand e Kohl sui campi di battaglia di  Verdun teatro di uno dei più sanguinosi carnai della Prima Guerra Mondiale.   Purtroppo, a parte il sostegno indiretto al leader nipponico Shinzo Abe (membro per “diritto di famiglia” della nomenklatura del paralizzato  e già trionfante Arcipelago)  c’è ben poco da aspettarsi dall’omaggio di un presidente uscente alle centinaia di migliaia di uomini donne bambini polverizzati in una mattinata di sole per evitare uno sbarco e battaglie terrestri “fino alla morte” in Giappone.

 

Oltre naturalmente soddisfare gli scienziati ed ammonire il mondo post-bellico.   Con addirittura un “replay” dopo un paio di giorni a Nagasaki.   E ringraziamo Madame Roosevelt se il “gioiello” di Kyoto fu risparmiato.    D’altro canto chi ha visto con i propri occhi ad Hiroshima l’ombra dell’uomo (o donna) polverizzato ed impresso su di un muro sa che nessuna parola – neanche di un Presidente statunitense – può cancellare l’orrore.  E neppure può spiegarlo la lettura di “La spada ed il crisantemo” della geniale antropologa americana Ruth Benedict reclutata per spiegare ai militari la psicologia, anzi i “valori” del popolo giapponese che conoscono ed accettano ed omaggiano la sconfitta ma solo dopo aver resistito fino allo stremo umanamente possibile.

 

In sintesi un’altra settimana abbastanza inutile in cui noi – l’Italia – forniamo soltanto folklore e patetiche misere diversioni.     Alla rinfusa.   Firenze, a due passi da Ponte Vecchio e dagli Uffizi, affonda mentre il Sindaco renziano dorme.    E poi ripete instancabilmente che i lottizzati dell’acqua municipalizzata cittadina pagheranno loro.  Già ma con i soldi di chi?

 

Ancora una volta dilettanti allo sbaraglio.   “Sin verguenza”, svergognati.  Soprattutto a fronte delle migliaia di “eroi” della incolpevole alluvione degli anni ’60.

 

In sintesi una metafora dell’Italia renziana che spera di vincere le elezioni (che dovrebbero viceversa sanzionarla…) con l’accomodamento con l’India e con il tribunale arbitrale internazionale.   L’”eroe” Girone rientra a casa, palesemente stufo della vacanza a cinque stelle a Nuova Delhi.

 

I pescatori indiani abbattuti restano senza giustizia, ma le loro famiglie ormai vivono con i quattrini italiani versati per tacitarli.

 

Dunque Renzi si aspetta un trionfo per le corrotte gestioni municipali del PD.   Bravo, grazie, continua così.    Per ora ha liberato il maro’, ma quando tocca agli Italiani che non hanno lasciato una scia di sangue dietro di sé?

 

E’ evidente che la coalizione verdiniana di governo conta sulla memoria “da pesci rossi” (cioè prossima allo zero…) degli Italiani.  Tra l’altro si sono anche dimenticati del “trionfo” su di un caso ben più grave di quello strombazzato dei marò: quello di Giulio Regeni.    Anche qui all’orrore e alla umana pietà si è aggiunto – per colpa tutta italiana – l’infastidita “presa per il c.” messa in scena della dittatura cairota.   Di fatto su nostra richiesta.  Volete che vi prendiamo in giro, lo faremo volentieri.   Magari facendo fuori qualche nostro mariuolo.   E poi datevi una calmata.  Talmente troppo che dovrebbe far pensare che “gatta ci cova”.   E non è detto che la gatta sia al Cairo…

 

Il tutto però non sembra preoccupare: gli Italiani non sono Francesi (truismo….) e quindi si sono bevuti il famigerato “Jobs Act” come una gazosa.   Ci pensano i sindacati che – per salvare la propria pelle – li aiutano a stare calmi e rassegnati.     Così mentre la Francia combatte per limitare i danni dell’offensiva reazionaria dei cosiddetti socialisti (ricorda qualcun altro?…), l’Italia si assopisce nei primi tepori estivi.

 

Godiamoceli. Senza farci troppo turbare dai barconi rovesciati in un mondo che è esso stesso rovesciato e l’importante è solo stare dalla parte giusta.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto