Flash

28/10/2016

Flash | NON E’ VERO… MA CI CREDO

non_vero_ma_ci_credo_peppino_de_filippo_sergio_grieco_005_jpg_ubfr

Così recita il titolo di un grandioso film degli anni ’50 (udite, udite…) del secolo scorso, scritto ed interpretato dal “minore” (Peppino) dei fratelli De Filippo affiancato dall’indimenticabile presunto (?!) jellatore Carlo Croccolo.   Quest’ultimo per di più gobbo…

 

Poiché – come ben sappiamo – la storia d’Italia “avanza”, ma non cambia. questo tema dela jella ci è irresistibilmente venuto in mente alla notizia del nuovo terremoto in Italia centrale… e lasciamo a chi legge l’individuazione di chi potrebbe essere il nuovo jellatore del Belpaese… sempre nell’assunto che – come diceva il filosofo Benedettto Croce – si potrebbe scrivere un intero volume per demolire questi pregiudizi ma… lui e noi “non teniamo tempo…“.

 

Dunque ci crediamo.

 

Più seriamente si ricorda che la millenaria cultura cinese associa i fenomeni naturali (catastrofici…) alla fine di una dinastia… L’esempio classico fu nel 1976 il disastroso terremoto di Tangshan (più di mezzo milione di vittime) a cui seguì l’uscita di scena del mitico Presidente Mao Zedong… Chi scrive era lì e si ricorda il “frisson” che percorse l’intero Paese…

 

La nostra “scala” attuale è evidentemente più modesta ma ci aiuta la trama del vecchio film in bianco e nero: con Peppino che si deciderebbe (per auto-conservarsi) a dare in sposa la figlia Rosina proprio allo jellatore gobbo Croccolo.  Insomma una specie di entrismo “trotzkista”… l’ultima ratio.    E indovinate un po’ chi sono gli eroi di oggi…  A caso…  L’obsoleta nomenklatura italiana che si “auto-pratica” una vera e propria cura ringiovanente cooptando un virgulto prodotto da tutte le tare nazionali.  Il fine ovvio è la propria sopravvivenza…  Quanto a Rosina essa è la nostra sfortunata – ma non incolpevole – amata Patria.

 

I protagonisti ci sono tutti.   Gli spettatori siamo tutti noi.

 

E veniamo ai giorni nostri.  Sempre incrociando le dita ed augurandoci che nessuno ci lasci la pelle… Delle condizioni comatose del Paese (con i suoi indicatori, i suoi scandali a getto continuo e soprattutto il triste “mood” collettivo prevalente…) si è più volte detto.  Mentre ferve il lagnoso negoziato di fine anno con l’Unione Europea che ovviamente non può oscurare l’evidenza che il Governo Renzi (si fa per dire) non ha smosso, ma incistato la recessione e l’assenza di prospettive.   Di più ha aggravato il deficit e locupletato imprenditori (“stanchi eroi e suoi riferimenti prediletti…) che ormai tutto fanno tranne che “imprendere”.  Tanto meno sul suolo patrio – e con i lavoratori italiani –. Quanto a Renzi ha dovuto abbassare il livello dei suoi “antagonisti”: ormai siamo a quella macchietta del Balaton di nome Orban….

 

In questo scenario di macerie ferve soltanto il maquillage (pagato da noi cittadini) su di un (presunto) nuovo governo del fare.   Triste ricordo dello “spolpamento” berlusconiano.  Che – almeno – non era triste.  E perfino meno falso del battage che ci propina la (miliardaria) televisione di Stato.   Naturalmente senza contare che il referendum stesso è basato su di un equivoco: che la bozza governativa (approvata certamente da un Parlamento supino, incostituzionale, ed interessato soltanto alla propria sopravvivenza.. parassitaria) contenga una “riforma” e non un maslsano pateracchio.   Di più la vera e propria pietra tombale della nostra malandata democrazia.

 

Questo è il vero contenuto della scadenza del 4 dicembre.  Come è stato autorevolmente detto (professor Zagrebelski?) la conta del giorno elettorale è tra quelli che sanno e quelli che non sanno.     Altro che alba di un giorno migliore….

 

Intanto il destino picchia duro.  E non ci riferiamo ai “pargoli di regime” arrestati per far mescolare colla e cemento.  Quelli ci sono da sempre ma fino ad ora non erano assurti al rango di eroi nazionali.   Ci voleva un Governo di cosiddetta (?!) centro-sinistra….  Ed un giovane, flamboyant leader.    Bel regalo ci è stato fatto. Curare gli acciacchi del Paese a colpi di restrizione dei diritti e trombette propagandistiche.

 

Ancora una volta ci piace citare senza paura di irriverenza il paradosso del vecchio Mao: “Molto il disordine sotto il cielo.  La situazione è eccellente”.    A patto di sapere che fare….

 

Intanto partono i torpedoni per le pensioni al mare.  Lì gli “sfollati” saranno – come diceva dopo il terremoto dell’Aquila il buon Berlusconi – “serviti e riveriti”.    Proprio come i pensionanti borghesi di una volta…   Quanto alla ricostruzione dell’Aquila siamo ancora lì.

 

In sottofondo prosegue la loquela del Premier (!?): questa volta reclama il ritorno dei “cervelli” e rincuora quelli che sono restati…  Forse per non avere dove andare…, più che per avere qualcosa da fare.      A meno di essere figli di, o protetti da…

 

Intanto “non è vero, ma ci credo”.   Voi?   Per intanto ricordatevi di incrociare le dita e pregustate un nuovo bonus partorito dall’ufficio miracoli di Palazzo Chigi.  Udite udite: sta per nascere il “bonus sismico”.  Sarà come il “ristoro” di Banca Etruria? Grazie Matteo.  Non Don Matteo: quello ci piace…

 

Ancora una volta, buon fine settimana.

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto