Flash

28/10/2016

Flash | NON E’ VERO… MA CI CREDO

non_vero_ma_ci_credo_peppino_de_filippo_sergio_grieco_005_jpg_ubfr

Così recita il titolo di un grandioso film degli anni ’50 (udite, udite…) del secolo scorso, scritto ed interpretato dal “minore” (Peppino) dei fratelli De Filippo affiancato dall’indimenticabile presunto (?!) jellatore Carlo Croccolo.   Quest’ultimo per di più gobbo…

 

Poiché – come ben sappiamo – la storia d’Italia “avanza”, ma non cambia. questo tema dela jella ci è irresistibilmente venuto in mente alla notizia del nuovo terremoto in Italia centrale… e lasciamo a chi legge l’individuazione di chi potrebbe essere il nuovo jellatore del Belpaese… sempre nell’assunto che – come diceva il filosofo Benedettto Croce – si potrebbe scrivere un intero volume per demolire questi pregiudizi ma… lui e noi “non teniamo tempo…“.

 

Dunque ci crediamo.

 

Più seriamente si ricorda che la millenaria cultura cinese associa i fenomeni naturali (catastrofici…) alla fine di una dinastia… L’esempio classico fu nel 1976 il disastroso terremoto di Tangshan (più di mezzo milione di vittime) a cui seguì l’uscita di scena del mitico Presidente Mao Zedong… Chi scrive era lì e si ricorda il “frisson” che percorse l’intero Paese…

 

La nostra “scala” attuale è evidentemente più modesta ma ci aiuta la trama del vecchio film in bianco e nero: con Peppino che si deciderebbe (per auto-conservarsi) a dare in sposa la figlia Rosina proprio allo jellatore gobbo Croccolo.  Insomma una specie di entrismo “trotzkista”… l’ultima ratio.    E indovinate un po’ chi sono gli eroi di oggi…  A caso…  L’obsoleta nomenklatura italiana che si “auto-pratica” una vera e propria cura ringiovanente cooptando un virgulto prodotto da tutte le tare nazionali.  Il fine ovvio è la propria sopravvivenza…  Quanto a Rosina essa è la nostra sfortunata – ma non incolpevole – amata Patria.

 

I protagonisti ci sono tutti.   Gli spettatori siamo tutti noi.

 

E veniamo ai giorni nostri.  Sempre incrociando le dita ed augurandoci che nessuno ci lasci la pelle… Delle condizioni comatose del Paese (con i suoi indicatori, i suoi scandali a getto continuo e soprattutto il triste “mood” collettivo prevalente…) si è più volte detto.  Mentre ferve il lagnoso negoziato di fine anno con l’Unione Europea che ovviamente non può oscurare l’evidenza che il Governo Renzi (si fa per dire) non ha smosso, ma incistato la recessione e l’assenza di prospettive.   Di più ha aggravato il deficit e locupletato imprenditori (“stanchi eroi e suoi riferimenti prediletti…) che ormai tutto fanno tranne che “imprendere”.  Tanto meno sul suolo patrio – e con i lavoratori italiani –. Quanto a Renzi ha dovuto abbassare il livello dei suoi “antagonisti”: ormai siamo a quella macchietta del Balaton di nome Orban….

 

In questo scenario di macerie ferve soltanto il maquillage (pagato da noi cittadini) su di un (presunto) nuovo governo del fare.   Triste ricordo dello “spolpamento” berlusconiano.  Che – almeno – non era triste.  E perfino meno falso del battage che ci propina la (miliardaria) televisione di Stato.   Naturalmente senza contare che il referendum stesso è basato su di un equivoco: che la bozza governativa (approvata certamente da un Parlamento supino, incostituzionale, ed interessato soltanto alla propria sopravvivenza.. parassitaria) contenga una “riforma” e non un maslsano pateracchio.   Di più la vera e propria pietra tombale della nostra malandata democrazia.

 

Questo è il vero contenuto della scadenza del 4 dicembre.  Come è stato autorevolmente detto (professor Zagrebelski?) la conta del giorno elettorale è tra quelli che sanno e quelli che non sanno.     Altro che alba di un giorno migliore….

 

Intanto il destino picchia duro.  E non ci riferiamo ai “pargoli di regime” arrestati per far mescolare colla e cemento.  Quelli ci sono da sempre ma fino ad ora non erano assurti al rango di eroi nazionali.   Ci voleva un Governo di cosiddetta (?!) centro-sinistra….  Ed un giovane, flamboyant leader.    Bel regalo ci è stato fatto. Curare gli acciacchi del Paese a colpi di restrizione dei diritti e trombette propagandistiche.

 

Ancora una volta ci piace citare senza paura di irriverenza il paradosso del vecchio Mao: “Molto il disordine sotto il cielo.  La situazione è eccellente”.    A patto di sapere che fare….

 

Intanto partono i torpedoni per le pensioni al mare.  Lì gli “sfollati” saranno – come diceva dopo il terremoto dell’Aquila il buon Berlusconi – “serviti e riveriti”.    Proprio come i pensionanti borghesi di una volta…   Quanto alla ricostruzione dell’Aquila siamo ancora lì.

 

In sottofondo prosegue la loquela del Premier (!?): questa volta reclama il ritorno dei “cervelli” e rincuora quelli che sono restati…  Forse per non avere dove andare…, più che per avere qualcosa da fare.      A meno di essere figli di, o protetti da…

 

Intanto “non è vero, ma ci credo”.   Voi?   Per intanto ricordatevi di incrociare le dita e pregustate un nuovo bonus partorito dall’ufficio miracoli di Palazzo Chigi.  Udite udite: sta per nascere il “bonus sismico”.  Sarà come il “ristoro” di Banca Etruria? Grazie Matteo.  Non Don Matteo: quello ci piace…

 

Ancora una volta, buon fine settimana.

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto