Flash

06/05/2016

Flash | Non c’è due senza tre

bonnie-andclyde

 

Papa Francesco ha ritrovato la voce e, ricevendo dai leader europei il Premio Carlo Magno (a rotazione andato più o meno a tutti i regnanti del Vecchio Continente), ha messo il dito sulla piaga europea.  Questa Europa che non è più madre, ma “nonna” avvizzita.   Guarda al passato e non al futuro, di più riecheggia il peggior passato: quello dell’intolleranza, della strage intestina, delle contraddizioni esacerbate invece che risolte.

 

Non è una novità.  Siamo quasi ad un secolo dalla famosa lettera del 1 agosto 1917 con la quale Benedetto XV Giacomo Della Chiesa tentava di far cessare il carnaio della I Guerra Mondiale(che tra l’altro aveva già raggiunto il suo scopo di macellare un paio di generazioni d’Europa per le quali non c’era evidentemente “posto” – vi da idee sull’oggi?)  Nasceva così la bella espressione “inutile strage” che – peraltro – si addice a tutte le guerre…

 

Francesco – come è sua abitudine – è partito dall’ovvio per aggiungervi un pizzico di pepe.   Ed è questo che conta: sul passato in cui ha incluso la corresponsabilità della Chiesa (tanto per dirne una l’intolleranza e l’Inquisizione), sul presente descrivendo senza infingimenti l’attuale sterilità della costruzione europea sia come processo interno, sia come fattore di integrazione extra-europea.    In breve crisi interna e crisi esterna: non c’è male…..

 

Musica per orecchie – come le nostre – che non da oggi ritengono che il circo di Bruxelles si giustifica solo se attrattivo verso l’esterno: l’unione regionale che fa da innesco per una più ampia giustificata dalla attuale globalizzazione planetaria.   Sogno?  Non tanto ed infatti puntigliosamente Bergoglio ritorna sulla “questione” immigrazione e movimenti trans-regionali.   Perché di questo si tratta e non – come dicono gli idioti nostrani – di straccioni che vogliono rubarci il nostro cappuccino e cornetto.   E se lo facciano a casa loro….  Come, non si sa…

 

D’altro canto Francesco fa (bene) il suo mestiere, la nomenklatura d’Europa (quasi tutta e non solo quella italiana) non ne ha alcuno e, quindi, si accontenta di mestar l’acqua nel mortaio…

 

E qui da noi ci riesce.  Pensiamo solo alla raffica esplosa negli ultimi giorni nello Stivale: non c’è due senza tre.   Il pirata di droga Pozzallo, il Sindaco di Lodi che si annetteva le piscine, il super-sardo Soru (Tiscali più molto altro e la politica regionale) condannato per giri di milioni di euro Tra Cagliari e Londra senza passare per le grinfie del fisco…

 

Tre casi senza connessione alcuna… salvo quella di avere in tasca come un santino tutti e tre i protagonisti la tessera del PD: un rituale propiziatorio che si sta rivelando assai pernicioso.   E rivelatore di un degrado storico (sì storico) che nessun belletto marca Renzi e/o Boschi può nascondere.      Ma lasciamo questi Bonnie and Clyde ai loro sogni realizzati e diciamo invece un paio di parole sulla saga del giorno: Giudici contro politici, revival del ’92 del secolo scorso (l’arcifamosa mani pulite, la febbre terzana della partitocrazia).

 

Ebbene qui concordiamo con la ritrovata prudenza del giovane Premier: “non c’è complotto”, anzi stiamo calmi.   Infatti non c’è nulla da agitarsi, basta aspettare che finisca la turbolenza.   Infatti semplicemente i giudici (tra l’altro formalmente vincolati all’azione penale obbligatoria) hanno deciso – in vista delle sacrosante vacanze estive – di applicare alcune delle decine di cartacee norme penali che discriminerebbero lecito ed illecito: partendo dai fatti grossi e chiudendo un occhio su quelli insignificanti.   Insomma se rubo l’omogeneizzato per mio figlio che ha una fame che non posso soddisfare  (“stato di necessità”) non mi becco più i cinque anni di galera del recente passato (nell’Inghilterra dell’Ottocento: impiccagione), ma ne becco tre se faccio svolazzare indisturbati oltralpe milioni e milioni di euro.

 

Durerà?  Boh?  Comunque si risparmino, ci risparmino, le iperboli del conflitto tra “poteri dello Stato”.    Lo scenario è ben più modesto, quello vero è – ancora una volta – quello di Papa Bergoglio.  Ci si misuri – se non altro per sopravvivere – con quello e non con questi – pardon – ladri di polli.   Naturalmente espletati i tre – tre – gradi di giudizio.   Sarà corrotta l’Italia, ma alla legalità ci tiene….

Buon fine settimana di primavera.

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto