Flash

01/04/2016

Flash | L’ITALIA DI GIULIO E QUELLA DI FEDERICA E LE LOCUSTE RENZIANE

Annata delle Locuste - 8

 

Francamente non ci sentiamo di celebrare il 1 aprile.   Anzi: niente scherzi.  La realtà ci pare più che sufficiente.

 

Ed intanto spieghiamo il titolo della nota di oggi.   Lo sapevate che – mentre era in corso al Cairo il martirio di Giulio Regeni – sotto quel cielo quasi sempre stellato che Giulio non vedeva e non vedrà mai più – la ministra italiana Federica Guidi (erede personale di una delle fortune più ingenti dell’Italia Settentrionale e tra l’altro del gruppo Ducati) brindava all’accordo energetico con una delle più feroci dittature del Medio Oriente.   A quanto risulta dalle cronache manco una parola venne spesa intorno alla sparizione del ricercatore (dell’Università di Cambridge) italiano.    E non risulta che l’Ambasciata d’Italia avesse utilizzato la presenza governativa ed il “credito” economico con gli Egiziani per avere un immediato intervento di quel Governo su di una sparizione che non poteva non conoscere.

 

Semplicemente la si fece rientrare… per non “sporcare” la fausta giornata.   Seguì la “melina” che ha permesso a “Matteochissaquando” ( o forse ora medesimo….) di inventare la “verità vera”.   Ed infatti lui ne conosce parecchie di verità…

 

Certo non è una colpa trovarsi nello stesso posto di una tragedia e neppure ignorarla o fare come se non ci fosse… Eppure annichilisce la sequenza successiva di eventi che riguardano i due protagonisti: di Giulio si sa (anzi non si sa…), di Federica invece si sa abbastanza.

 

Colta con le mani nel sacco (intercettazioni di una Procura di Provincia) mentre certificava di aver fatto guadagnare un milione di euro al suo “fidanzato (ohibò) grazie all’intervento positivo di un’altra Ministra – la Madonnina Boschi, sì la figlia del banchiere di provincia indagato come bancarottiere –  sempre sollecita con i poveri, gli orfanelli ed i membri della ghenga del contado fiorentino…

 

E questa è l’Italia invasa dalle locuste renziane e dal cadavere putrefatto di quello che fu il Partito della sinistra italiana, del “popolo lavoratore”: l’Italia di Federica, quella che una volta si definiva l’Italia dei padroni e dei loro accoliti.    Del resto questo è il panorama dalle Alpi al Lilibeo, tutta invasa da locuste che ci fanno rimpiangere il caro vecchio Berlusconi: in fondo era buono d’animo e – oltre tutto – aiutava tante pecorelle smarrite e – potendo – non faceva male a nessuno.    Accontentandosi di sedare un popolo fiaccato dall’odore di marcio e – di fatto – preparandolo al peggio da venire.

 

Ma l’Italia di Giulio?  E’ tutta sedata ed indifferente?     Non proprio però sa, o intuisce, che – come già nelle storie passate – qui c’è ben poco da fare.   E gira il mondo, come da secoli gli Italiani fanno.   Per sopravvivere e per dare un senso alla propria esistenza.    Non fuga dei cervelli, fuga delle anime che non siano “morte”.    Ed intanto le locuste sviluppano quella distruzione non solo economica ma morale: fanno a pezzi la Costituzione, insinuano il servilismo dei lustrini, sparano panzane da far rabbrividire.   La Guidi è un’eroina non una “colta sul fatto” (altro che “servizio pubblico” della politica), la Boschi non c’entra, anzi le si applica il dogma dell’Immacolata concezione.   E via così.

 

Al cittadino comune (il cosiddetto detentore della sovranità…) si regalano le 80 lirette – pardon euro – del mega consigliere del Principe già israelo statunitense Yomar Gutgeld a cui non fu solo donata la cittadinanza ma (dal geniale Bersani?) anche un seggio parlamentare.  Dalla McKinsey (che non è una ONG….) alla legislatura italiana. Là dove già operava.     Regeni emigra, Gutgeld arriva, gli immigrati attentano alla “polenta taragna”.   Se non è questa la “nuova” Italia, quale è?

 

E per finire con il 1 aprile un altro pesciolino, anzi pesciolone.   Il massiccio ex Segretario di Stato Bertone, già “cocco” del serafico Papa Ratzinger, è sempre più sotto le luci della ribalta per aver fatto finanziare la ristrutturazione della sua sterminata “penthouse” (attico principesco) su San Pietro con i quattrini dell’Ospedale dei bambini “Bambin Gesù” (povero Gesù).   Ma in fondo con buona pace del già loquace Papa Francesco che c’è di male se un ex Cardinale vive come l‘anziano patron di Playboy Hugh Hefner.   Ci aveva provato – con l ‘imprimatur di Bergoglio anche l’Immacolata (tanto nomine) Chaouqui.

 

Ma allora in conclusione come condividere con Papa Francesco il sollievo perché non ci sia più Papa Borgia (Alessandro VI)?    Tranne il veleno, a noi pare ce ne siano parecchi e tutti da queste parti.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto