Flash

08/05/2017

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

1493019874518-jpg

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato alla mente vedendo l’eco (soprattutto nel Belpaese…) della vittoria elettorale dell’ottavo Presidente della Repubblica Francese ed il rilievo dato alla cerimonia di festeggiamento di fronte alla “piramide” vetrata del Louvre.

 

Una cerimonia che – peraltro – echeggiava piuttosto il lancio di un nuovo I-Phone: un lancio riuscito per un pubblico di bocca buona e probabilmente ancora sotto l’influenza del noto refrain francese: “che tutto il mondo ci invdia”… sia esso un profumo, un aeroplano militare o civile, per terminare con prodotti correnti che, viceversa, tutto il “mondo apprezza”… e non è necessario farne l’elenco.  Tanto più che ne abbiamo di analoghi anche noi… E soprattutto le elezioni presidenziali di Francia vanno al di là di un contest “mozzarella versus pathé”…

 

In verità di “lancio” si è trattato e corona una preparazione rapida ma meticolosa: non nuova (era iniziata con addirittura Barack Obama..) ma probabilmente l’unica a disposizione sotto il motto (inventato da noi): “cambiare qualcosa perché nulla cambi”.  Il motto del Gattopardo che segna però una fine e non un principio… come pretenderebbe.

 

D’altro canto un motto critico come “en marche” – in cammino – comporta indifferentemente sia l’andare avanti che il continuare come sempre… anche se si è visibilmente affaticati…

 

In questo senso anche se i commenti italiani “scoprono” con emozione che la parola “marche” figura anche nell’inno nazionale della “Marsellaise”, va detto che essa ha aperto i due secoli più sanguinari (in tutti i sensi) della storia umana e, dunque, non è necessariamente propizio.  Soprattutto se ripetuto fino alla nausea.

 

E qui sta – a nostro avviso – il punto.   Macron non è né buono, né cattivo.  Non è nulla e non cambia nulla.  E non lo diciamo per preconcetto ma semplicemente perché ci risulta incontrovertibile che trattasi di cosmesi e non di rinnovamento.  Farne l’asse di un possibile cambiamento – ad esempio sul versante europeo – risulta francamente ridicolo.   Non ci sono né analisi sul passato né idee sul futuro: sono una bandiera fresca appesa a finestre di una casa assai muffita. E basti pensare ad un revival (fuori tempo massimo e come?) dell’asse franco-tedesco…

 

Eppure da noi la “novità di Parigi” è piaciuta ai pelosi benpensanti scottati dal referendum del 4 dicembre a difesa dei “minimi” contenuti nella Costituzione Repubblicana.    Costoro cercano la “revanche” (già avviata con l’intronazione nel PD del Montecristo-Renzi) e ne cercano conferme e suggerimenti.   Elogiare Macron e pensare a Renzi.   Per loro è un complimento, per noi è una pietra tombale a qualunque rilancio dell’indigeribile ex ragazzotto del contado fiorentino: non ci piace Macron e men che meno Renzi.  Anzi non è che i due non ci piacciano, è che non ci convincono manco un secondo.  Di più, Renzi ha già mostrato come la sua direzione politica vada nel senso opposto a quanto pubblicitariamente annunciato.   E l’Italia sotto di lui è andata indietro, non avanti.

 

Così il “pompaggio” (italiano) dell’”europeismo” di Macron è soltanto un pio desiderio, un frutto di nostre (anzi della italica nomenklatura…) fantasie.   Il nuovo in Macron non è nell’Europa ma – se mai – nel suo stesso personaggio, nel suo essere “uno” e “doppio” con la sua moglie, professora e “coach” Brigitte.  Nonno senza mai essere stato padre eccetera eccetera.

 

Con garbo lo scrittore franco-marocchino Tahar Bel Jallun (che pure di Macron è estimatore) lo ha scritto, ricordando l’inopportunità di soffermarsi sulla struttura della sua composita famiglia.   Questa sì che è innovativa (e non per la differenza d’età…tra i due coniugi) e potrebbe essere per questa ragione celebrata.  Non da noi (chi scrive) che il “segno dei tempi” lo vorrebbe vedere altrove.   E più precisamente in una risposta (o in un tentativo di…) alla crisi, ai drammatici squilibri globali ed infine al vuoto di programmi e progetti.

 

Ma forse proprio in questo  “parlar d’altro” risiede la ragione del “successo” italiano (meglio presso una parte della politica italiana…) di Emmanuel Macron.

Lui medesimo “Novità di Parigi”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto