Flash

30/12/2016

Flash | LE 33 NON RISPOSTE DI CAPODANNO

capodanno_colosseo-r50

Proprio perché avevamo detto da subito tutto il bene possibile del nostro amico Paolo Gentiloni (in sintonia con quella Luciana Castellina che è l’opposto geometrico della “sinistra” Madame Finocchiaro appena riassurta ai vertici ministeriali a “compensazione” della ripulsa popolare nel referendum del 4 dicembre) la conferenza stampa da lui tenuta per Capodanno ci ha lasciati senza parole.

 

Certamente la novità di veder archiviati i toni aggressivi e volgari – anziché no – da rissoso “strapaese” usati dal Renzi ci è stato di un qualche sollievo, ma i contenuti – ancorché prevedibili e previsti (secondo il “mandato” affidatogli dal Colle a difesa della nomenklatura politica) non potevano non rattristarci… attestati com’erano in una strenua difesa del più recente passato. Quello che Gentiloni non ha esitato a definire come “il cammino delle riforme”.

 

Evidentemente noi eravamo distratti (e con noi la stragrande maggioranza del Paese, e dei suoi sfortunati abitanti: abitanti, più che cittadini, considerato quanto poco contiamo…)   perché di “riforme” non abbiamo visto neanche l’ombra…  E dunque perché mai proseguirle?

 

Non è forse bastato per adempiere al “mandato” ricevuto (da chi?) l’aver polverizzato (oltre che il Sindacato, la partecipazione democratica e praticamente la generalità dei cosiddetti “corpi intermedi” e  – en passant – mezzo secolo di garanzie democratiche)?    Parrebbe di no, se Gentiloni si è sentito in dovere di andare di andare al di là della cosiddetta cortesia istituzionale e di tessere un peana a “Matteo chissaquando” dipinto come un “salvatore della Patria” distolto (da chi? da noi? dalla maggioranza del popolo italiano, dalle urne “ciniche e bare”, dagli insulsi e in ultima analisi immotivati strepiti grillini?).    Evidentemente no: e così il nostro Gentiloni si è ripromesso di fare di più e di meglio…  Vedremo.

 

Intanto che aspettiamo di vedere all’opera il “sigillo” della continuità renziana (un po’ come il “fascismo senza Mussolini” vaticinato dal Gran Consiglio del fascismo il 25 luglio del 1943…)  possiamo scorrere alcune delle 33 (?!) (non) risposte sobriamente e cortesemente fornite dal neo Primo Ministro ai media.   Naturalmente (poiché non è nella nostra natura) ci asterremo dal dipingere la “performance” come un “Adagio di Albinoni” temprato nel grigio (colore dell’acciaio…): questo è un compito ben svolto da “giornalisti” come tal Merlo che “retour” di una lucrosa “collaborazione” con la Rai Renziana avvia la formazione degli aedi di un possibile nuovo – felpato – regime….

 

Efficiente certo il caro Paolo nelle sue sintetiche risposte, ma le mille miglia lontano dalla realtà.  Prendiamo due perle: una di politica internazionale e l’altra di politica interna.

 

Sulla prima, il posto d’onore è spettato – come di prammatica dai remoti tempi del De Gasperi incappellato a Washington nel 1947 (pensate un po’…) a quel faro di democrazia che sarebbero gli Stati Uniti.  Non un accento (se non positivo, rassicurante) sulla transizione da Obama a Trump.   Gentiloni non si è accorto – e se sì non l’ha detto – come le elezioni americane siano state più che altro un “duello” tra la CIA e l’FBI con gli incursori di Putin in veste di spettatori/compartecipi.    Nelle aree a noi più vicine (Medio Oriente) l’eclissi europea e il disinteresse americano non sono state neppure menzionate e, del resto, l’inesistenza italiana nel “cortile di casa” si bilancia solo con l’umanesimo mediatico per i profughi.   Insomma un ruolo di comprimaria con gli scafisti e – perfino – (Berlino insegni) una sorta di scuola-quadri per terroristi.    Del fatto che il condominio storico anglo-francese (Iraq, Siria) sia stato soppiantato da quello russo-turco-iraniano non una parola.   Quanto a noi, si è detto e speriamo che la cara Israele di Netanyahu non si irriti che il tutto italiano si limiti all’eclissi del nostro storico interesse per il mondo islamico.   A proposito che fine ha fatto il “mostro” ISIS?

 

Il meglio però Gentiloni lo ha affidato alla politica interna. Le elezioni (quando, come?) non sarebbero uno spauracchio della democrazia (di che parla?) e i voucher (imitazione con 2000 anni di ritardo delle “frumentarie” dell’Impero romano…) non sono un virus.  Basta addomesticarli…  Ed infatti ha ragione: il “virus” – ormai incistato nel corpo del Paese non sono i voucher, bensì il PD e le sue politiche anti-sociali.   Altro che il solidarismo democristiano. Qui si “spara” e non resta che consolarsi con le unioni civili e la tratta di ovuli e sperma.

 

Povertà di massa, inesistenza dei servizi sociali, eliminazione di intere “classi” (e peggio se “colte”), sistema bancario distruttore e non fecondatore di risorse: tutti temi cancellati.  Avanti con le “riforme” ed il “legato” renziano.

 

Davvero meno male che il 2016 bisestile si chiude….

 

Accogliamo il meglio possibile il 2017.   Auguri a noi e a – quasi – tutti.

 

 

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto