Flash

16/12/2016

Flash | LADRO LUI, LADRA LEI

ladro_lui_ladra_lei

Apriamo con questa divertente citazione dal titolo di un delizioso film di Luigi Zampa del 1958, cioè alla vigilia del grande boom che cambiò la faccia all’Italia prima che questa decidesse di avvizzire fino all’attuale marcescenza. Il “lui” e il”lei” non sono ovviamente persone fisiche ma piuttosto le città e la loro decadenza morale e civile.

 

Milano e Roma uniti nella lotta. I mancati Senatori/Sindaci (come prevedeva la famigerata – e cestinata a furor di popolo – “riforma” Renzi/Boschi/Finocchiaro) a capo di Roma e Milano sono da questa mattina alla ribalta criminale del Belpaese.

 

Noi non siamo sorpresi ma soltanto riconoscenti alla magistratura che ha fatto, o meglio avviato, quell’opera di pulizia che la nomenklatura non intende minimamente non si dica “fare” ma neppure immaginare. Come conferma il mostruoso Gabinetto Gentiloni, vero e proprio schiaffo in faccia alla maggioranza degli Italiani. Altro che “uno vale uno”…

 

A Roma – la grande “meretrice” – l’arresto del braccio destro della Sindaca Virginia Raggi, tal Marra, mette un primo punto al dilagare del malaffare (e del collasso) della Capitale d’Italia: la resistenza fin qui dispiegata dall’”improvvida” neo-Sindaca è stata sempre nella direzione di difendere i suoi protetti: dall’indagata (e oggi forse dimesssasi) e promossa Assessora Muraro fino alla trincea per quel Marra che – tra l’altro – raddoppiò in articulo mortis il salario del suo proprio fratello… Eppure nulla è stato sufficiente per far cambiare l’approccio autistico dell’ex praticante dello Studio Previti….

 

Intanto Roma affonda nel degrado e nella sozzura.

 

A Milano, invece, esplodono come i botti di Capodanno gli strascichi dell’idiota (ma variamente profittevole…) operazione dell’Expo gastro-tecno-alimentare. Passata la sbornia di provinciale protagonismo si scoprono via via i reali motivi dell’operazione. E così l’efficiente deus ex machina dell’operazione il neoSindaco Sala rischia di pagarne (colpevole/semicolpevole?) le spese. Anche qui – all’uso italiano – “passata la festa gabbato lo santo”….

 

Questo è il quadro di fondo, ma – considerata la logica autoreferente su cui è stata “costruita” la crisi di Governo – siamo solo al’inizio….

 

E qui – per amor di anedottica – citiamo un po’ di fatterelli alla rinfusa. Tanto per sapere dove siamo… e dove potremmo finire. Innanzitutto l’impatto delle tracotanti nomine governative. Di Boschi e Finocchiaro manco a parlarne: trattasi di sberleffo all’opinione pubblica ed in particolare ai cittadini-votanti. Due casi sollecitano la nostra attenzione: quello della Signora pdssina Paola Fedeli alla Pubblica Istruzione (cioè dell’apparato che dovrebbe garantire all’Italia un qualche futuro) e del “junior partner (come si autodefinisce l’interessato) di questo bel Governo, Angelino Alfano.

 

La prima costituirebbe la risposta del Governo Gentiloni alla crisi della scuola e della ricerca… Peccato che la parlamentare dalla “pettinatura assiro-babilonese” (l’unica sua caratteristica – insieme all’ossessione per le tematiche “gender” ) si sia rivelata perfino priva della maturità liceale. E così – finalmente – il PD ha raccolto il proclama di Lenin (mai realizzato) della cuoca a capo dello Stato.

 

Di Alfano, che palesemente nulla sa del vasto mondo, molto è già stato detto ed ancora più egli ha fatto in campo internazionale. Meno male che la sua scarsa dimestichezza nelle principali lingue veicolari lo terrà al riparo (speriamo) dai rischi. I rischi sono tutti per noi.

 

Nal frattempo – alla faccia del libero mercato – il nuovo Governo lotta contro la Francia per spezzare le reni all’imprenditore Bolloré colpevole di aver assestato un contropiede finanziario al nostro indimenticabile Silvio Berlusconi.

 

Non sorprenda: Regeni non l’hanno né salvato, né gli hanno reso giustizia. Ma guai a chi tocca il nostro caro Berlusconi. Giudichi chi legge. Ed aspetti il giorno delle elezioni… se mai ci saranno elezioni.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto