Flash

07/03/2013

Flash – La Marcetta Su Roma

Ormai finita la “marcetta” su Roma degli eletti grillini, acclamati i Capigruppo alla Camera e al Senato, e -sull’altro fronte – espletato il rito della Direzione del Partito Democratico – si entra ormai nel vivo delle eventuali possibili soluzioni o – come direbbe Grillo che si è testè paragonato a Napoleone di fronte al leader della coalizione “normalizzatrice” europea il Duca di Wellington – nel vero e proprio campo di battaglia.

Diamo dunque un’occhiata preliminare agli schieramenti, a chi li guida, a come si costruisce il morale delle truppe e – per quel che è dato conoscere – i piani di battaglia. Mettendo per ora tra parentesi il “terzo incomodo”, quel ”fantasma dell’Opera”, che aspetta un aumento dello sfacelo italiano per tentare un inserimento: del resto il primo “assist” al Caimano è già stato dato (e apparentemente semi-ritirato) dal sempreverde “King Maker” della “Casta” vecchia e nuova: il finto auto-pensionato D’Alema pronto all’“ultimo hurrah”, naturalmente per sé stesso. E perfino l’ex Segretario Pd Veltroni si aggira nei pressi dispensando inutili “consigli”. “Auguri” ad entrambi ed incrociamo le dita.

E cominciamo con il novello Napoleone e le sue armate. I numeri ci sono: mancano i “quadri” e i marescialli (Murat, Bernadotte, ecc. ecc.). Per ora nella logica della “marcetta” su Roma la “Interior Designer” per sceicchi Roberta Lombardi ha debuttato come capogruppo con un elogio del Primo Fascismo (quello che ha spazzato via l’impianto parlamentare liberale): qui nonostante il “dadaismo” del Grillo Mascherato (del tutto fuori contesto) ed il “mistero” del suo socio tardo capellone e neo tecnologico, è del tutto evidente (senza snobismi, né paternalismi) un impressionante deficit culturale e motivazionale dei neo-eletti. Altro che la “cuoca” al vertice dello Stato vaticinata da Lenin…

La principale strategia per motivare e qualificare i neo “rappresentanti del popolo” è quella di iscriverli in massa all’Università privata confindustriale LUISS: così verranno su bene e rispetteranno chi comanda. Ed anche queste scelte “minori” spiegano insoliti compiacimenti segnalati addirittura in “Goldman Sachs” per l’affermazione di “Cinque stelle”.
Lo schema di Grillo non è evidentemente quello della liberazione dei molti, bensì quello dei “sommersi” e “salvati”. Questi ultimi in Parlamento, gli altri rimasti sulla rete…

In breve, difficile per ora condividere gli entusiasmi del già bistrattato, anziano, Premio Nobel Dario Fo (“Il movimento è un rock, non un minuetto”). E certo il minuetto richiede grazia e consapevolezza, valori poco compatibili con il “maschio vigore” del nuotatore leader.

Sull’altro fronte, la Direzione PD ha tentato un’operazione impossibile: passare da “sconfitti” a quelli che presentano il conto agli altri e ne chiedono ragione (le cosiddette “sfide del PD”…secondo la stampa “embedded”.). Naturalmente non un’ombra di autocritica per una piattaforma elettorale mirata a Monti e Casini (altri sconfitti) ed ai “poteri forti”, ma certo non agli Italiani in generale e agli elettori di riferimento. Ma questi avrebbero dovuto ancora una volta obbedire e tacere: peccato che ad un precario, ad un giovane “emigrato”, ad un qualunque lavoratore non poteva bastare la “ricompensa” di altri cinque anni con Madame Finocchiaro &co (le nostalgiche di Gerardo Bianco e dei vecchi democristiani che le avevano cooptate per durare essi stessi) ed in generale di tutto un quadro dirigente sfiatato, privo di visione, incapace perfino di capire le trasformazioni in atto e parteciparvi costruttivamente. Tanto, non capendo un c… (come direbbe Grillo) chiamano sempre uno della Banca d’Italia nella speranza che almeno non faccia casini… E li lasci comandare in pace..

In più, come segnalava in un recente intervento Paolo Mieli (certo non un eversore), a furia di operare una selezione “a rovescio”, il blend dirigente del PD (e dunque della coalizione di centro-sinistra) è costituito da “giovani” imbecilli e da vecchie cariatidi. Il ruolo loro assegnato dagli elettori nel loro complesso è – al più – quello di resistere al peggio (es.: intesa con il Caimano e la destra) e sembra sia stato inteso. Viceversa era chiaro da mesi che nessuna proposta articolata poteva essere presentata sui drammatici e cruciali temi dello spazio e delle prospettive italiane nel rilancio dell’integrazione europea. D’altro canto come aspettarsi una capacità di visione su “noi e il vasto mondo” (di cui l’Europa è il nostro “frammento”) quando eventi enormi come l’MPS e tutto il resto vengono dirottati su di una cronaca nera che – in fondo – non riguarderebbe il Governo: Ed è così da decenni, con uno spazio pubblico ormai solo virtuale (l’“agorà” democratica di Casaleggio?) mentre la “polpa” e il cuore dei problemi è in mano privata. Su questo tutti (o quasi) d’accordo. Ed allora ben venga l’ultimo diversivo: la marcetta su Roma.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto