Flash

30/03/2016

Flash | La madre di Regeni al Senato, “Matteochissàquando” in Nevada – “Boycott Egypt”

票据美元金字塔-1247348

 

Che non fosse un Churchilll (il conservatore che condusse la Gran Bretagna fuori della II Guerra mondiale dopo aver resistito imperterrito all’aggressione nazista), che qualcuno – irriverente assai – lo definisse un “burattino”  (anche Pinocchio con il suo naso estensibile alle bugie veniva dalle sue parti…) animato dai suoi “grandi elettori” (anzi SOLI elettori) quelli che l’avevano incaricato di “sgombrare i rottami dalle rotaie” (Camusso dixit) lo sapevamo da subito.     Eppure non immaginavamo il pericolo che comporta il “lusso” di avere un siffatto Primo Ministro…     La struggente conferenza stampa di ieri della madre di Giulio Regeni ha – forse involontariamente ma implacabilmente – acceso un fascio di luce che mette, e sempre più metterà, in chiaro l’illusione propagandistica di un Paese dei balocchi.

 

Parliamone, prima che sia troppo tardi.   Tanto più che abbiamo sott’occhio un “test case” di primordine:  l’impunito martirio di Giulio Regeni.    Un evento che – lo ripetiamo ancora una volta – nasce in Egitto ma cresce in Italia: un Paese che nulla ha imparato dall’infelice esperienza del caso marò.   Anche se lì non si era “fatto male” nessuno.   Tranne evidentemente due sfortunati pescatori indiani…    Qui il caso è stato colpevolmente fatto crescere fino alle attuali abnormi dimensioni: nessuna reale pressione o ritorsione, soltanto un atteggiamento che rievoca – completamente a sproposito – il contadino prussiano che resisteva al suo Re invocando “i giudici a Berlino”…..  Al Cairo di oggi (basta leggere la stampa internazionale o averci viaggiato una sola volta, magari per ammirare la Sfinge) questi giudici non ci sono.   O se ci sono parlano a mezza bocca, non potendo ribellarsi al loro padrone.

 

Il Governo Renzi (intanto “Matteochissàquando” è in vacanza “intelligente” in Nevada…USA) continua infatti ad annaspare in una nebbia da esso stesso prodotta.   Quando Giulio era ancora vivo in mano ai suoi aguzzini il Governo parlava di affari (ignaro e comunque omertoso) e l’Ambasciata al Cairo “proteggeva” la missione governativa in corso, invece di utilizzarla per individuare e stoppare il martirio.   Se poi vogliamo essere “innocentisti” non possiamo tuttavia non dire come la strada della “cooperazione” con quelli che potrebbero essere – quanto meno -  i tutori dei boia era fin dal principio irrituale, stupida: un vicolo cieco regalato al Cairo.  Lasciandolo cullare nell’illusione che prima o poi l’ira italiana sarebbe “sbollita”.  Anzi un Ministro egiziano ha parlato di “esagerazione” italiana.   Certo che sarà mai: noi si va in Nevada e chissenefrega di un intellettualino friulano.      Ragazzino, lasciaci lavorare, lasciaci pavoneggiare a “giro nel mondo” e svolgere le funzioni di commesso viaggiatore per il grande capitale….   Intanto si inventano missioni di anziani giudici e di intelligence “ex post”.         Un consiglio alla Signora Regeni: la mostri la foto del figlio così gli Italiani – se non questo Governo – capiranno di cosa stiamo parlando. Ma forse dopo Cucchi ed il massacro del Collatino quel “nazismo” di cui parla questa mamma già c’è….

 

Intanto l’Europa da Nord a Sud (ed ovviamente la Riva Sud del Mediterraneo) variamente esplodono e qui il problema è di non avere né Governo né Primo Ministro in grado di formulare una politica conforme agli interessi nazionali… il tutto in un’orgia di cinismo senza precedenti…    Possibile mai che tra le svariate migliaia di membri della nomenklatura che i cittadini pagano per dissertare di uteri ed embrioni (ma non di approvare una legge nazionale sulla tortura)  non si trovi un dirigente minimamente all’altezza di questo Paese e di questo caos?

 

 

Finiamo – con qualche leggerezza – con una domanda: ma se il pur determinato Procuratore Pignatone non è riuscito a debellare su i “sette colli” Mafia Capitale (almeno così dice il “Moralizzatore di Stato” giudice Cantone) poteva riuscirgli di vincere all’ombra delle  Piramidi?      Certo non è colpa sua, ma un giorno o l’altro andrà spiegato a tutti gli italiani (e a chi li governa) che la giurisdizione italiana non è universale.   Lo è – quando c’è – il rispetto di sé.

 

Ed infine un modesto interrogativo. libero o no il governo italiano di continuare la sua “melina”, esiste pur sempre la possibilità di lanciare una grande campagna popolare, degli italiani per bene: potremmo chiamarla in stile renziano “Boycott Egypt”.

Per vedere le piramidi c’è sempre tempo…

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto