Flash

02/01/2017

Flash | ISTANBUL, BAGDAD: L’IS FA GLI AUGURI

iraq-170102094412

Evidentemente abbiamo fatto male a chiederci che ne fosse dell’”Islamic State” (IS) in apparenza quanto meno bloccato nella sua espansione territoriale, transfrontaliera, su vari teatri del Medio e Vicino Oriente.    Dopo Berlino – il cui “sigillo” poteva essere incerto e comunque riferibile ad un ”lupo solitario” – la strage di Capodanno ad Istanbul e l’auto bomba di oggi a Bagdad riconfermano che la capacità omicida e comunque di offesa su scala militare non appartengono solo agli Stati territoriali ma anche a strutture fluide come appunto l’IS.

 

39 vittime sul Bosforo e 25 nella sempre martoriata Bagdad riconfermano che il monopolio della guerra non è definitivamente più nelle sole mani delle élites statuali ma può essere contestato da altre forze organizzate e soprattutto sorrette non solo da risorse economiche ma da un “corpus” ideologico-culturale (ebbene sì….).   Del resto è nostra diretta esperienza (avendo speso poco meno che un quinquennio in Indonesia cioè nel più popoloso Paese a stragrande maggioranza islamica) che il “Califfato islamico” ovvero il nerbo dello “Stato islamico” non è una fantasia bensì un’ipotesi politico-religiosa non più infondata dell’Europa carolingia….

 

In questo senso e nonostante le modalità della violenza esercitata, perfino l’etichettare i sanguinosi eventi degli ultimi anni come “terrorismo” e pertanto a circoscriverli in un’area di diversità ed estraneità, condanna ad una relativa impotenza e, comunque, non avvicina alcuna soluzione definitiva.

 

Viceversa sembra a noi che le acrobazie statuali armate e al tempo stesso circoscritte a “teatri” sempre meno remoti contribuiscano a mantenere un’atmosfera di perenne e sempre più grave insicurezza.    Analogamente, ci sembra che l’affrettata condanna della globalizzazione e la patetica difesa degli Stati nazionali non abbiano altro risultato che innescare una sorta di caccia del gatto al topo.   Con i risultati prevedibili…

 

Il punto problematico che sarà all’ordine del giorno del 2017  non potrà che essere quello di verificare se la regolazione della globalizzazione è ancora un tema viabile ovvero se lo smantellamento di tutte le forme ed istituzioni di cooperazione internazionale incautamente realizzato (anche a “colpi” di guerre dirette e/o per procura) da almeno un decennio possa essere arrestato ed invertito.

 

L’uscita di scena dell’opaco Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon è certamente un evento positivo anche se la successione al portoghese Guterres non sembra proprio rivoluzionaria ma piuttosto routinaria.   E certamente il cambio di marcia – anzi di direzione – non verrà a fine gennaio dal “Vertice” annuale di Davos…  Anzi c’è da domandarsi di che chiacchiereranno.

 

Il punto finale, la “bottom line” – sembra a noi – consiste nel fatto che l’opinione pubblica globale (ai più vari livelli di consapevolezza e/o responsabilità, anzi gli uni in relazione inversa agli altri…) stia affondando in una diffusa sensazione di essere entrati in un mortale “cul de sac”.    Forse senza ritorno, almeno per le nostre generazioni.

 

E permetteteci di dubitare che le “soluzioni” siano la Brexit, o l’eclissi del progetto europeo, ovvero l’elezione di un personaggio-emblema come lo statunitense Donald Trump, ovvero infine il controllo militare delle migrazioni planetarie…  Migrazioni che erano prevedibili (e da qualcuno previste…) poco meno che mezzo secolo fa.   Eppure nulla fu fatto se non speculare sugli squilibri e le motivazioni delle medesime…  E, come si usa dire, ora “il danno è fatto”.

 

Scusate il pessimismo di Capodanno.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto