Flash

11/11/2016

Flash | IL PAPA E L’ANTICRISTO

trump-anticristo-nostradamus-3

Ancora una volta ci voleva Papa Bergoglio per mettere le cose a posto nell’inverosimile caos di commenti intorno all’imprevista vittoria di Donald Trump nelle elezioni statunitensi. Vediamo come…

 

Mentre gli eventi seguono un binario perlomeno doppio o triplo, Papa Francesco si affida alla penna (più che volenterosa…) dell’ottuagenario Eugenio Scalfari (formatosi a suo tempo con un altro Gesuita, il cardinale di Milano, Carlo Maria Martini…) per ristabilire alcuni punti fermi nella confusione suscitata da un evento che comunque ha lasciato il mondo stupefatto: imprevedibilità “personale” ma anche sostanziale al punto che uno dei quesiti di fondo –rimane del tutto irrisolto lasciandoci tutti incerti se dobbiamo iscrivere l’”arancione” tra le novità del nuovo millennio ovvero nell’orrendo archivio del passato.   Chiamato in perfetta contraddizione a risolvere i rebus (e le tragedie del presente…), Trump è istantaneamente passato dalla provocazione traumatica alla conservazione autorevole.  Insomma beato chi ci capisce qualcosa: ringrazia Hillary per il servizio di Stato reso ed elogia quell’Obama che lo ha disperatamente attaccato fino al momento delle urne elettorali.

 

Ci sono spiegazioni “teatrali” sul vecchio/nuovo Trump e sostanziali (esempio: ma chi c’è dietro di lui?)  e tutte comunque ci invitano ad aspettare tempi e corso di un processo di insediamento che prima di gennaio non sarà completato.   Uomini, linee, scenari restano ancora indeterminati e le bocce sono ancora tutt’altro che ferme.

 

Proteste nell’America “decente”, gridolini di entusiasmo dei “fascisti” globali (anzi quando riscopriranno il “viva la muerte” franchista?), ammiccamenti dei ceti più privilegiati ed anzi sempre più rapaci, disorientamento nella stragrande maggioranza dei cittadini globali.  Succede sempre così quando la ragione, la razionalità umana si eclissano ed i disegni restano occulti.   Così come quei pochi che li muovono.  Pochi perché perfino il grande teorico dei movimenti profondi della storia (Fernand Braudel) confidava in “camera caritatis” (a sua volta me lo raccontava l’indimenticabile Alberto Cavallari) che “vi sono momenti in cui a decidere sono due o tre – o uno… – uomini” e gli altri come i semi del nuovo grano possono solo aspettare.

 

Quindi ci sarà tempo per vedere ed interpretare se e come il mondo sia cambiato. D’altro canto chi avrebbe pensato che la Russia sarebbe diventata – dopo la caduta del Muro – un paese iper-capitalista affidato alla ”terapia” spirituale della più rigida ortodossia cristiana (più del colonnello del KGB Putin che del Patriarca di Mosca…).

 

In questo “buio a mezzogiorno” Papa Francesco non scappa, non vaticina, ma parla.  E, dopo le prammatiche parole del Segretario di Stato vaticano Parolin (“diamogli almeno il tempo di cominciare a governare…”) Bergoglio mette una serie di fatti in fila (assenti dai commenti più diffusi…) ed annota le contraddizioni vere che il mondo è chiamato a risolvere.  Sangue guerre violenza in primo luogo.  E poi ritorna sulla dicotomia “ponti” e “muri” e si schiera ancora una volta per i primi e rifiuta i secondi.   Poi si sofferma sulla diseguaglianza (oggi così di moda come valore positivo!) come punto centrale delle contraddizioni globali.  Passa poi con piena ottica illuminista (ci perdoni Santità….) ad indicare il punto centrale della diseguaglianza ovvero il denaro e la sua modalità, ovvero la finanza (più o meno globale), Mammona, lo sterco del demonio.   Cosicché l’Oceano che lo separa da Trump è veramente totale… non così forse come lo si vede dalla terrazze della “penthouse” romana dell’ex Segretario di Stato cardinal Bertone….  Ma per questa contraddizione dovremo attendere un Giubileo della coerenza.   Speriamo presto…

 

Quanto a Papa Francesco basti ricordare il suo ammonimento a “salvare le persone umane e non le banche” ed il continuo grido per i rifugiati, le vittime e gli esclusi.

 

Cosicché – mentre il Vaticano non parla di Trump – non sappiamo quanto il neo-Presidente possa sentirsi apprezzato.    Anche se (come diceva Stalin): ma quante divisioni ha il Papa? Dunque chissenefrega…  Salvo poi vedere come Papa Woytila smantellò l’impero sovietico in Europa orientale e (ahimé) in Polonia…

 

In verità qui il segnale lanciato da Bergoglio è universale, per tutti… impregnato del più razionale cosmopolitismo.  Altro che “meticciato culturale”… siamo al di là di questo e piuttosto ad un messaggio globalmente opposto a quello (tanto confuso quanto irrazionale) di un Trump: il quale porta avanti (per ora a parole) un messaggio di esclusione, di potere e forza bruta.   Che ovviamente manda in sollucchero personaggi da Marine Le Pen a Matteo Salvini e forse lo stesso Grillo.  Ed anche genuini cretini nostrani che gioiscono per l’autarchia annunciata (in campagna elettorale…) da Trump contro Messico e Messicani.  Guai ad importare da loro merci e uomini.    Rivedere gli accordi… spezzargli le reni.   Già, ma poi?

 

In breve ancora una volta – ed in attesa di fatti, non di commenti ed adulazioni preventive – grazie Papa Francesco.   E, naturalmente, della nomenklatura italiana (vecchia e “nuova”) manco a parlarne.

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto