Flash

20/02/2018

Flash | IL MALE E PEGGIO

schermata-2018-02-20-alle-18-12-04

Una volta – ovvero molti anni fa – nell’Italia centrale contadina (e non ancora post-contadina né tanto meno “biologica”…) un numero enorme di lavori nell’edilizia e soprattutto nelle ristrutturazioni veniva compiuta a mani nude da contadini inurbati e trasformatisi in “maestri” muratori.    Uno strumento principe della loro manualità veniva chiamato appunto “male e peggio” per la doppia capacità di “rompere” di dritto e di taglio.   Quando poi li interrogavi sul loro lavoro di città, ti rispondevano con un’arcaica evidenza: “la terra è bassa…” ed allora era certamente vero, date le condizioni ancora primitive dell’agricoltura nell’Italia appena uscita dalla guerra e dalla parentesi fascista (oggi inverosimilmente rimpianta…  probabilmente  a causa del connubio italico tra antica ignoranza ed ottusità “di ritorno”).

 

Il “male e peggio”  ci ritornava in mente in queste giornate pre-elettorali vedendo ancora una volta la perversa congiunzione – “ad peius” – tra politica ed informazione.

 

E, d’altro canto, il binomio male/peggio costituisce la principale risposta che possiamo fornire a chi ci accusa di preconcetta ostilità verso questo “nuovo che avanza” di cui anche volendo non troviamo positività alcuna sia per come nasce (dipendenza da una società privata in mano di singoli) sia per come procede (assenza di qualunque “check and balance” con principi democratici, tipo lo “staff” al posto degli organismi partecipati).   E tanto basti senza altro aggiungere…

 

Ma, tornando al binomio male/peggio, vogliamo riferirci alla disgustosa prova e conferma data dal mondo dei media (e soprattutto dai singoli “operatori” corporati) nel corso di questa campagna elettorale.   Nessuno escluso: carta stampata editori e giornalisti, mezzi audiovisivi, rete.   Insomma nessuno escluso.

 

Archiviata la stagione della grande “leccata” – e correlata “acchiappanza” – renziana, si è passati alla ricerca dei possibili “vincitori” provvedendo con ogni mezzo a facilitarne la corsa anche a costo di disorientare il Paese.  Archiviando definitivamente ogni criterio etico e/o di obiettività, si è sparsa confusione e fuga dalla realtà.  La triste epopea salviniana ne è una prova; per non parlare poi dei “Cinque stelle” ove una decennale mistificazione e voluta ignoranza dei dati fondativi (incluso il personaggio Grillo intronatosi nientepopodimeno a “Garante”) hanno lastricato la corsa del cosiddetto movimento.

 

In questa azione di deliberata disinformazione si sono raggiunti vertici come quel Scanzi che ritualmente presente in Televisione (e a Sanremo…) invocava comprensione e favore per “un giovane che intende lanciarsi in politica”.   E perché non al Soglio di Pietro (come nella serie tv del “giovane Papa”…  di Sorrentino)?

 

Parlava del Di Maio…

 

Ma siamo qui più che ad una evidente perdita di dignità professionale ad una deliberata deriva dalla propria funzione di informazione e chiarificazione.    Appunto i media come fattori di confusione di massa: senza remore e senza pudori.   Peggio: talvolta credendoci essi stessi….

 

Sono passati molti anni da quando il grande Pierre Bourdieu spiegava perché le pagine meno lette dei giornali erano quelle dedicate alla “politica”: semplice perché sono quelle con meno, o nulle, o false, informazioni.

 

Ora, e da noi, in Italia il dato si è fatto palmare e così “fake” per “fake” vengono preferite direttamente quelle inventate nella rete e per la rete: la foto di un piatto “sociale” (gustato da uno di fronte a tutti) di pastasciutta interessa di più del “Casini-Pensiero” e, se mai, meglio il truculento patriota alla portata di tutti Salvini.  Per non parlare di vaccini e Cinque Stelle…

 

Naturalmente se l’informazione stampata è quella che è ci sono ragioni economiche: siamo agli antipodi della stampa “libera” (quella del film “Post” per intenderci).   Solo che in Italia il cammino è stato quello inverso: servi ed omologati.   Il male e il peggio.

 

Due aneddoti.   Un paterno amico, il grande giornalista Alberto Cavallari (vedasi) mi raccontava di aver ricevuto “suggerimenti” governativi nell’imminenza di provvedimenti legislativi a favore (finanziario) della “libera” editoria.  In cambio di che?   Forse di parlare bene di “loro” invece che di analizzare sulla carta stampata i problemi di tutti.

 

E quando egli aveva coniato la felice (e fallace) frase “moriremo democristiani?”, a me che lo consolavo “ricordandogli” il suo “privilegio” di parlare pubblicamente, replicava con l’aneddoto del “tenore” di sinistra e quello di destra.    Uno – fintamente – contro l’altro, l’uno che annullava l’altro verso un’anestesia ora trasformata in delirio febbrile ed impotente.

 

Ma anche qui Alberto generosamente sbagliava: arrivati come siamo alla notte in cui tutte le pecore son bigie.  E così manco si vedono. Ed ogni c..zzata è vera.

 

Il tutto – e qui ci fermiamo – trascolora in un presente in cui l’informazione e la fiction coincidono. Anzi – come accade in tv – meglio la prima della seconda perché “costa meno” e favorisce più sogni.   E se sono incubi poco male perché danno più mano libera ai fantasmi maligni.  Quelli che ottundono cervelli e coscienze.

 

Male e peggio.

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto