Flash

14/07/2016

Flash | I VIVI E I MORTI

trmp2

I morti e i vivi ci sono dappertutto, Anzi i primi “convivevano” con i secondi e – senza scomodare il culto degli antenati della Cina classica – la vera differenza tra le civilizzazioni consisteva nella capacità di fondare il nuovo sulla memoria.  Che non è il passato da archiviare bensì  la fondazione del presente.  La sua sola speranza di durare al di là della vita fisica.

 

Questo genere di riflessioni ci veniva in mente non potendo sfuggire alla marea di chiacchiere suscitate dalla catastrofe ferroviaria tra gli ulivi di Corato ed Andria e nella vana speranza di non dover assistere allo sconcio spettacolo degli applausi quando si celebreranno i funerali delle vittime.   Applausi che paiono essere diventati l’unico surrogato del pensiero e del cordoglio intimo e – magari – della riflessione su di un possibile “che fare”, cosa imparare, come reagire.

 

Questo stato d’animo cresceva – in un apparente paradosso – nell’apprendere della crisi finale del capo mafioso Bernardo Provenzano.   Da tempo ridotto in stato vegetativo e tuttavia ristretto nel reparto sanitario di una struttura carceraria.  Ovvero sottoposto ai “rigori” del carcere duro e totale del “41 bis”. Ovvero il surrogato nostrano della pena di morte.  Ovvero essere gettati in una discarica sociale perpetua.  Il famoso “fine pena mai”.

 

Un filo logico – al di là dell’evidenza della morte come dato essenziale dei due episodi – li collega e potrebbe mettere in luce come tutto il sistema italiano sia basato sull’esorcizzazione, l’esclusione della responsabilità.   Il problema  non è quello di trovare cause e rimedi, quanto quello di allontanarsi dal centro del “problema”.  Dalla dissonanza rispetto ad un contesto che storicamente si dipinge in fittizie tinte rosee.

 

Astenendoci dalla polemica sul “binario unico”: certo che non è questa la causa ma – poiché con due binari non ci si scontra e quella tratta era stata finanziata dalla UE da quasi un decennio qui c’è una indubbia responsabilità: amministrativa, politica, magari storica. Ma dove c’è una responsabilità, ci sono i responsabili.  Nella logica, se non nel costume italiano.

 

D’altro canto ricordo di aver sentito l’audizione su “Mafia Capitale” dell’attuale Capo della Polizia e già ViceBertolaso Franco Gabrielli.   Nulla veniva detto sull’intreccio a monte di “mafia Capitale”, viceversa venivano lamentate – nel degrado romano – le occupazioni di case (qualche centinaio in una megalopoli…) e le aggressioni alle forze dell’ordine da parte dei micro-spacciatori del quartiere off del Pigneto. Che ci azzecca?  Il disastro pugliese apre un mare di occasioni per questo tipo di “fuga dalla realtà”.

 

Ma così nulla cambia e nulla può cambiare nella palude italiana.

 

Intanto il vasto mondo – grazie a Dio – si muove.  Ed è divertente – sì divertente – vedere che l’Inghilterra, quella di Woodhouse e di Jerome – invece di disperarsi per l’”errore” compiuto – continua imperterrita su di una strada che manco sa dove porti.  La nomina del sofisticato ed apparente canaccio ringhioso dell’ex Sindaco di Londra nonché pretendente rinunciatario a Downing Street Boris Johnson a Ministro degli Esteri del post-Brexit non può che suscitare interesse e curiosità.  Per non dire altro.

 

Viceversa da noi la coppia di “Pierini” Renzini e Sala (neoSindaco di Milano e già “ras”dell’Expò) proprio il giorno della sciagura di Andria erano intenti a promuovere (si fa per dire…) Milano come possibile “sostituto” della piazza finanziaria di Londra.   Una roba da poveracci illusi.   Un codice genetico da animali che passano dopo i leoni ed i ghepardi.  Per mangiarsi i resti…

 

Che c’entra questo con i treni di Bari Nord?  C’entra, c’entra.  Non foss’altro perché le ore passate dall’impatto mortale hanno confermato ancora una volta (incluso il compunto endocrinologo e Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Del Rio) la patente inettitudine di questa classe dirigente.

 

Non era al posto di guida dei treni, ma moralmente era come se lo fosse.  Lasciarcela?

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto