Flash

19/05/2016

Flash | I MORTI E I VIVI

Marco-Pannella-potrebbe-avere-un-tumore-ai-polmoni

 

La giornata era cominciata male con le notizie della sparizione sul mare di Grecia di un Airbus Egypt Air con diverse decine di passeggeri e di membri dell’equipaggio, è proseguita peggio quando si è saputo che l’energia vitale dispiegata fino a pochi giorni da Marco Pannella era giunta al suo termine.   Nell’uno e nell’altro caso, accomunati solo dal loro carattere luttuoso, sono già partiti i consueti rituali.    Pannella un “leone” della politica (Mr Iperbole Renzi dixit), l’aereo ed il suo contenuto umano un mistero da rivelare e molte ipotesi da avanzare anche a seconda degli orientamenti e degli interessi di ciascun commentatore.

 

Qui diremo poche cose, possibilmente fuor di retorica.  Di Pannella sapevo già quasi tutto quando mi chiamò agli Antipodi della terra dove mi trovavo per ragioni di pubblico servizio: e solo il sapere che mi chiamasse mi preoccupò al punto di lanciare un allarme a tutti i collaboratori.    In verità era una telefonata di cortesia per una questione sua personale: una sorta di garbata segnalazione dell’imminente arrivo per un anno accademico di un suo giovane discepolo.    A cortesia non si poteva che rispondere con cortesia e così gli confidai la mia predilezione per Radio Radicale.   A tutt’oggi la sola emittente italiana che trasmetta – più o meno – tutte le dirette della politica e molte della cultura, senza né tagli, né censure, né opinioni proprie appiccicate.   Ne seguì un suo invito ed un suo “inseguimento” durato almeno un paio di settimane “spalmato” tra Nuova Zelanda  (dove ero), Roma e Bruxelles.

 

Confesso che mi attenni (e forse oggi mi rammarico) alla linea professionale della fuga da quello che mi sembrava un inutile pericolo di contagio.   Quello che mi convinceva lo conoscevo già ed era pubblico, quindi il caso era per me chiuso.

 

Dovrebbe viceversa essere ben aperto per quella vasta platea della nomenklatura politica italiana che per vari decenni lo ha usato come una sorta di ariete o – alternativamente – di spaventapasseri al fine di mantenere quekllo “status quo” che per lui era l’orrore assoluto, ma che al fondo garantiva con la sua stessa presenza.   Solo apparentemente eversiva, qualche volta propulsiva, ma di fatto strutturalmente marginale.

 

Quando c’erano i comunisti (almeno così si autodefinivano) lui era esplicitamente contro, poi aveva iniziato la sua fase matura tutta votata ad un allargamento dei diritti e la rottura della crosta di ipocrisia che tuttora avvolge la società italiana .   Fino all’ipocrita “salto della quaglia” dell’attuale Governo proteso (costi quello che costi in termini di ulteriore disgregazione della società italiana) a conquistarsi un consenso di istanze che Pannella non fece mai proprie nei termini attuali.

 

Lui si autodefiniva un uomo di strada.  Non di trine e merletti, come oggi si usa.

 

Eppure lo faranno diventare un antesignano del “mood” attuale.  E poco male se ne era del tutto estraneo.    Le sue incongruenze erano palesi, senza belletto.

 

E forse per questo gli si rifiutò la nomina a senatore a vita.  Proprio lui che l’avrebbe forse meritato: la sua sostanza era tutta dentro – non fuori – delle istituzioni.    In breve un liberale, non un arlecchino.   A dispetto dell’apparenza.    Altri, molti altri dell’oggi sono appunto dentro questo schema: il rovescio del provocatore Pannella.

 

Il secondo lutto con le sue vittime “accidentali” è ancora tutto da chiarire.  Allo stato attuale l’Egitto ed il suo regime autoritario può solo immaginare il conto che dovrà pagare.

 

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto