Flash

30/11/2016

Flash | I DUELLANTI E LA CANIZZA

Ilya_Repin

Da oggi a lunedì 5 dicembre queste note osserveranno un ampio silenzio: non zelo nel rispettare la “tregua” legale, quanto radicato fastidio per la canizza nella quale sono sprofondati i “duellanti”.  Anche se non ci pare che le due parti ne portino uguale responsabilità…

 

La prima – quella renziana – si è infatti inventata di sana pianta una scadenza della quale non si sentiva proprio il bisogno in una fase in cui il Belpaese di guai ne aveva già abbastanza (recessione, depauperamento della popolazione e della sua vitalità, disoccupazione giovanile e non, corruzione su inusitata scala, mancanza di senso ed incapacità a misurarsi con cambiamenti epocali dalla globalizzazione alle migrazioni per finire con i conflitti armati e la violenza alle nostre porte..)…     A fronte di tutto ciò l’ambizioso giovanotto toscano interinato da un anziano Presidente ex-riformista non trovava di meglio che rimasticare stantie ricette neo-liberiste e prodursi in un profluvio di chiacchiere e scelte (prevalentemente verbali…) demagogiche:  Per finire con una cosiddetta “riforma” mirata a togliersi dai piedi quel che restava della Repubblica.

 

E anche qui tanto basti, se non chiarire il concetto con un aneddoto.   Moltissimi anni fa una gita a Siena (peraltro bestia nera dei Fiorentini) si concludeva al mercato del centro assistendo ad un furibondo alterco tra un’anziana signora ed un non identificato interlocutore che tentava una pacificazione con un timido esordio “scusi signora”.  La fulminea risposta era: “signora una sega” e giù urli e strepiti.   Ebbene Matteochissaquando ci ha sempre ricordato – mostrando la sua vera natura – essere questo il suo spirito arrogante e divisivo ad oltranza.   Sia pure involtolato in un posticcio buonismo giovanilista.  Tipo il suo furbetto amico Fabio Volo…

 

E così è arrivato al suo “colpo gobbo” di una “riforma” per allocchi, che forse perderà ma che – intanto – ha già inutilmente spaccato il Paese in due fronti immaginari: i nuovisti e gli inciucisti.   Ebbene delle tante c. di cui è impastata la politica italiana, questa è il capolavoro assoluto.

 

E, scusateci, ma non ci pare necessario spiegare perché. Basta rivedersi l’illustrazione televisiva del referendum destinata ai “sordo-muti”.    Sempre che anche questi non abbiano cambiato nome…

 

E non vorremmo ancora una volta richiamare quanto scrisse intorno al 1820 Giacomo Leopardi nel suo saggio su “I Costumi degli Italiani”.  Ci siamo tutti e non è una lettura edificante.  Soprattutto quando si constata che – dopo due secoli – siamo ancora lì.  Proviamoci – tanto per cominciare a dimostrare che il tempo non passa sempre invano – domenica 4 dicembre.     E poi, sgombrato il terreno dalle macerie (reminiscenza delle parole con cui Sergio Marchionne investì la “missione” di Renzi) tentare un punto e a capo.  Lasciamo Marchionne a gestire la “perla” del capitalismo il giovane Lapo,  E Renzi ai suoi misteriosi e minacciati “cambi di professione”.   Ed infine possibilmente  non confidare l’eventuale “cambio di passo” alle trippe (“ascoltatele alle urne”) del luciferino guitto di Genova.    Troppo comodo per i nostri Tartufi e Farisei.    Sempre alla ricerca (facile, troppo facile) di antagonisti di comodo.

 

Infine come non stupirsi ancora una volta del patrio provincialismo: dalla morte di Castro all’ascesa di Trump lo spettro è enorme e cruciale, ma noi siamo alle prese non solo col “piatto forte” del referendum più inutile della storia nazionale, ma anche con gli assassini (accusati e forse provati) dell’Ospedale di Saronno.  Medici e sanitari che uccidono.  Metafora possente del nostro Paese e di chi lo dirige.

 

Arrivederci a lunedì 5 dicembre.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | GRILLO E IL BUON DIO

16/02/2018

Ancora non basta.   La  “scoperta” che il movimento “Cinque stelle” (ancora con questo insulso nome…) truccava i propri stessi impegni “steccando” qua e là un po’ delle risorse pubbliche (indennità parlamentari) da destinare – udite udite – alle “piccole imprese” non ha incrinato (stando ai ...
Leggi tutto

Flash | RINCOGLIONITI?

12/02/2018

Che gli Italiani siano “a pezzi” è evidente constatazione.   Perfino la sagra nazional-popolare di tardo inverno (o precoce primavera?) di Sanremo è passata con una specie di innocuo auto-trionfo ma senza lasciare traccia alcuna.   Certamente le sensibilità e le capacità di ...
Leggi tutto

Flash | IL “MALIGNO” DALLE ALPI AL LILIBEO

30/01/2018

Prima di tutto due parole sul nuovo scandalo (a poco dire…) dell’industria automobilistica tedesca che, evidentemente non paga di aver taroccato dati sull’inquinamento di alcuni tipi di vetture, è passata alla “dimostrazione” che i suoi motori diesel non fanno poi troppo male…   E ...
Leggi tutto

Flash | DA DAVOS AL CAIRO PASSANDO PER ROMA

25/01/2018

La settimana che si sta chiudendo non offre granchè salvo forse una rinfrescante tregua nella più squallida campagna elettorale della storia repubblicana dell’Italia: tasso d’interesse da parte dei cittadini (esistono ormai solo figurativamente e non riescono evidentemente a svegliarsi e ...
Leggi tutto

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto