Flash

04/05/2016

Flash | HERI DICEBAMUS

Degrado Villa Altachiara Portofino 84

 

 

Qualcuno ha trovato la nostra nota del “Primo Maggio a rovescio” inutilmente pessimista e di fatto fuori della realtà che sarebbe viceversa in movimento e registrerebbe dinamiche positive nella “classe politica” (da noi ritenuta non da oggi una “nomenklatura” parassitaria ed autonominatasi…).      Peccato che lo stesso Primo Maggio in fine di un telegiornale veniva data una notizia su di un dirigente del PD che in un porto siciliano veniva arrestato mentre si accingeva a salpare con una barca zeppa di droga.    Probabilmente si trattava di allucinazione dal momento che il giorno dopo la notizia era “sparita”.    Insomma nella nostra visione “preconcetta” dovevamo esserci sbagliati…

 

Salvo poi vedere il dietrofront del MinCulPop renziano (l’apparato di propaganda e condizionamento dell’informazione inventato da Mussolini… e riesumato dai Fiorentini) che – dopo 48 ore – era costretto a levare l’”embargo” opportunista sul caso misterioso del “pirata” PD arrestato con chili e chili di “roba”.   Uso personale trans-mediterraneo?

 

Passavano un altro paio di giorni e dall’operoso Settentrione arrivava il flash dell’arresto del Sindaco PD di Lodi, apparentemente impegnato nello “steccare” – con una bella “turbativa d’asta” – l’appalto delle piscine comunali.    Ora delle due una: o si stabilisce che la tessera del PD è una esimente di responsabilità (né più né meno di quanto si è fatto per Berlusconi nel suo “ventennio”) oppure si conclude che da “rottamare” c’è un intero Partito.   E soprattutto il suo “Amministratore delegato”.    Ovvero “Matteochissàquando”.

 

Minuzie, incidenti di percorso, “chi non fa non sbaglia”?    Evviva l’Italia del sì, contro quella del no….   Ma potremmo annegare questa schifezza in siffatti slogan per deficienti?   O dovremmo apprezzare la formazione  dei “fasci di combattimento renziani”, il “porta a porta” minacciato per convincere gli elettori riluttanti, (annunciata in queste ore) per far passare il Sì popolare allo smantellamento della Costituzione Repubblicana.    Io “nuovo”(dice il Premier) voi “contro” perchè vecchi: sembrerebbe una barzelletta se non fosse il cuore del pensiero renziano e dei suoi ispiratori.     Pare a noi che il guasto sia profondo e che sia arrivato il momento di tentare di mettervi rimedio.   Le elezioni municipali del prossimo mese saranno il primo test.    Pensiamoci, prima che sia troppo tardi.

 

Intanto i tamburi della propaganda inventano successi – interni ed internazionali – inesistenti: uno classico è quello degli “eroici” marò (i pescatori indiani si fottano, tanto sono morti…), l’ultimo dei quali ancora “vittima” della vacanza a cinque stelle nell’Ambasciata d’Italia a Nuova Delhi….   Pare che torni in Italia ad attendere (magari ospite di Bruno Vespa… nei ritagli di tempo lasciatigli da parenti ed affini di responsabili dei più mostruosi crimini) il verdetto dell’arbitrato internazionale che dovrebbe rimediare al cumulo di fesserie messe in scena da vari Governi italiani e da varie gestioni della Farnesina.

 

D’altro canto qui il problema è lo speculare di quello del caso Regeni ormai condannato all’oblio nell’inerzia più totale della nomenklatura.   Peggio: Giulio è stato messo nella stessa icona della povera Valeria Soresin.   Peccato che la giovane era un vittima “casuale” del terrorismo che l’ha colpita al ballo, mentre Giulio…..   Ma questo è il livello di confusione e mistificazione mentale che regna nel Belpaese.

 

Viceversa tanto i Marò che Giulio (o la sua memoria) possono ringraziare la nomenklatura che in entrambi i casi ha di fatto ignorato, impasticciato, casi che non dovevano neppure sorgere: dei Marò si è più volte detto, per Giulio il problema nasce (e muore) dall’assoluta intempestività dell’azione di tutela al Cairo (Ambasciata), a Roma (Governo Renzi): la prima – impegnata a festeggiare la Ministra Guidi e l’accordo petrolifero con l’Egitto, sembrava non dare importanza alcuna alla sparizione di Giulio.      Poi la Guidi tornava in Italia ad aiutare il suo “fidanzato” ed i suoi affarucci e Giulio – straziato a morte – veniva trovato sul ciglio della strada.

 

D’altro canto gli Egiziani perché avrebbero dovuto preoccuparsi con uno Stato, Italia, che neppure ha una legge attuativa degli impegni internazionali contro la tortura….ed anzi, nel rifiuto di varare una legge ad hoc, ha lodato in Parlamento gli “interrogatori robusti” (vedasi atti parlamentari). Aspettiamo e gli Italiani si dimenticheranno…. Questo il mantra che sottende alla ridicola “navetta” Roma/Cairo.

 

Infine, se a 360° Governo e partito di Governo (con i suoi accoliti ex berlusconiani… per lo più pluri-inquisiti) perseguono politiche ultraliberiste ed antipopolari sarebbe arrivato il momento di chiamare la destra “destra” e smetterla di ingannare il popolo italiano.

 

Cantava lo chansonnier fiorentino (il delizioso Odoardo Spadaro, il nostro Chevalier): “è primavera, svegliatevi bambine…”: Speriamo che gli Italiani assumano questo ruolo già il 5 giugno.   Non pare ci sia bisogno di aspettare l’autunno referendario….  E sopportare altri mesi di questo strazio nazionale.

Certo meglio il parco delle cascine che l’inferno di Caivano.

Di più, ha ragione Renzi, parliamo del vecchio ma a noi piace di più di un certo “nuovo”. Dal Collatino a Caivano.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto