Flash

24/04/2017

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

unita32_20170316183631731-755x515

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co – tal Macron – a fronte del populismo para-fascista della Le Pen.

 

Così, anche i “cugini” d’Oltralpe francesi potranno godersi quello che noi abbiamo sperimentato in quasi un trentennio: quello della crisi, della decadenza e del massacro sociale sperimentati  dal Belpaese.  “En marche”: verso dove, per che cosa, forse soltanto per il suicidio (eutanasia?) di quella che – nonostante o forse grazie al gollismo – fu la democrazia di Francia.  Hollande se ne va raccogliendo il nulla che ha seminato.  Esattamente come accadrà con la prevista “vittoria” di Renzi alla testa del PD, un “fu-Partito” che uscirà polverizzato alle prossime (quando?) elezioni.

 

In Francia la situazione pare perfino peggiore ove anche si considerasse figura e ruolo del “giovane” Emmanuel Macron: “pulcino” dell’ENA e soprattutto della Banca Rotschild che ne “intuì” (come da noi col Renzi di Rignano i “padri della Patria” Marchionne, De Benedetti e – perché no – Giorgio Napolitano) le duttili, suadenti caratteristiche di trasformismo (prima banchiere, poi militante e Ministro socialista, infine totem offerto all’entusiasmo “popolare”) dell’ambiguo giovanotto.

 

L’unica dote che gli si conosce è l’ambizione del provinciale di buona famiglia, passato per le grandi scuole e gli esami di Stato, aiutato perfino da una (in Francia assai dubitata…) storia sentimentale con la sua insegnante (di vent’anni maggiore di lui) assurta al doppio ruolo di moglie e di ninfa egeria.   “Scoperto” da quell’eminenza oscura del “socialismo” francese, il mitterandiano Jacques Attali, Macron fu introdotto giovanissimo all’Eliseo, poi Ministro di Hollande, infine “inventore” di questa etichetta “En Marche”: che ovviamente non significa nulla…

 

Per chi – come chi scrive – ha avuto il “privilegio” di incrociare ripetutamente il suo padrino originario Attali (già intellettuale originale, poi eminenza grigia di Mitterrand ed infine “stregone” della decadenza d’Oltralpe) non esiste nessuna prospettiva positiva per la crisi francese qualora Macron vincesse il 7 maggio.   Facendo recuperare gli ingenti investimenti assicuratigli dai suoi “sponsor”. Di queste realtà poco o nulla figura nei pateticamente provinciali commenti dei media e della politica italiana.   Pur di “esserci” cancellano l’evidenza che il Macron non soltanto è l’ennesima riedizione di Blair, Cameron, perfino dello stesso decoroso Obama per finire con la punita Hillary Clinton, ma aggiunge di “suo” a questa infelice formula una stucchevole retorica europeista.

 

Dispiace che il candidato “di sinistra” – l’intelligente Melenchon – nonostante premiato da un buon 19% – non abbia fin qui trovato di meglio che invitare chi lo ha votato a trasferirsi – in nome della “coscienza” – nel campo indifferenziato di Macron.    Evitando lo spettro Le Pen…

 

E, naturalmente, esiste la possibilità (come insegna l’apologo del Nobel Saramago in “Saggio sulla lucidità”) di restare in massa a casa il 7 maggio prossimo venturo…

 

Questa potrebbe – allo stato – essere l’unica risposta alla pretesa dei “poteri forti” planetari di imporre la formuletta (ahimé lanciata con la Presidenza Obama) del candidato “fresco” e “progressista”.   Una formula “magica” che gira per tutto il mondo e non solo non funziona (nel senso che rimane le mille miglia al di sotto dei problemi sul tappeto e dei nodi globali, anche guerreggiati) ma finisce per produrre il suo contrario.   Esempio: Trump.  Oggi Le Pen. Quanto ai Francesi di giovanotti al potere ne hanno avuto uno solo: si chiamava Napoleone Bonaparte ed era Corso, cioè Italiano…

 

Insomma si insiste (senza paura del ridicolo…) con un trionfo planetario di impotenza ed auto-allucinazione.     Giova a chi – potendo – vive bene nell’oggi.  E gli altri?  E la stragrande maggioranza?

 

Semplice: come dice il vecchio detto: “Mangia questa minestra o salta dalla finestra”.

 

Buona settimana, buon 25 aprile….

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto