Flash

14/12/2016

Flash | FACCE DI BRONZO: l’ITALIA SOTTOPOSTA A TSO

185233948-f3ab9699-f02e-45e8-8c5d-d9679817bed3

Credevamo di averle viste più o meno tutte (e quelle che non avevamo viste le abbiamo studiate a scuola…), ma lo squallido spettacolo del voto di fiducia – e delle scelte di governo che lo avevano preceduto rappresentano anche per noi un record assoluto.

 

Di che?  Ma di faccia di bronzo al limite dell’impudenza.  Certamente della provocazione: i perdenti assoluti del referendum costituzionale sono i vincitori siderali della crisi di Governo seguita alle inevitabili dimissioni (da lui annunciate in anticipo…) di Matteo Chissàquando.

 

La logica è stata ribaltata con una piroetta – certificata dal Quirinale – che in Italia non si era mai vista.  Neppure novant’anni or sono con la conquista del potere di Benito Mussolini…  Vediamo perché.

 

Innanzitutto con la raffica di nomine invereconde nella compagine governativa plebiscitata da sé stessa, dalla propria incostituzionale maggioranza (la Corte dixit): di più, l’aver perso la battaglia referendaria è diventato un nastrino di merito, il sigillo dell’”avanguardista”. Altro che Governo-fotocopia, il Gabinetto Gentiloni è una provocazione costruita sotto vuoto spinto, anzi nel mondo immaginario non solo di Renzi e Mattarella ma anche della stragrande maggioranza.  De che?   Ma è semplice: della fatiscente nomenklatura politica.      Delegittimata dal 60% (per ora…) degli Italiani.

 

La promozione “gabinettista” delle due “fate” della sgangherata controriforma costituzionale – Boschi e Finocchiaro – è uno schiaffo in faccia a 19 milioni di cittadini.   Non si pretendeva certo di processarle in piazza per la schifezza prodotta e cestinata dal voto popolare ma – almeno – di metterle da parte visto che la loro presenza al governo non è una scelta di diritto divino ma – almeno dovrebbe – essere sanzionata da una qualche forma di approvazione se non popolare almeno rappresentativa.   Niente di tutto ciò.

 

Non bastasse questo gesto simbolico (simile al piegamento del braccio dal finestrino dell’automobilista prepotente) la promozione di un incompetente Ministro dell’Interno come l’Alfano senior (quello junior si rilassa al lucroso “servizio” delle Poste) al suo massimo livello possibile di incompetenza (la Farnesina).  Incompetenza peraltro già certificata dalla espulsione della signora Shalabaheva (“puttana” russa la definirono gli uomini di Alfano nelle cronache dell’epoca) e della figlioletta di sei anni e “colpevoli” di non essere amate dal dittatore Nazarbahev.   Dunque Alfano è la risposta italiana al caos globale: loro Trump, noi Alfano….

 

Ma, per le facce di bronzo dell’insostituibile (?!) nomenklatura italiana perfino Trump potrebbe rappresentare non una consacrazione bensì un pericolo.   Il grande “affare” (indispensabile secondo la nostra Aereonautica, che non è più quella di Balbo, ma di Cocciolone….) dell’acquisto di un congruo numero di F35 rischia di essere messo in forse.

 

“Costi fuori controllo” proclama Trump… mentre Finmeccanica trema per il rischio di perdere le “briciole” dell’affare in cui è stata (pour cause…) cooptata.   Il tutto ricorda sinistramente e fin dal principio un altro affare italo-Lockheed che coinvolse non solo un Ministro della Difesa ma anche un Presidente della Repubblica.   Auguri preventivi a tutti i fan degli F35…

 

Ma tutto ciò non bastasse è l’atmosfera generale ad essere puteolente e forse senza speranza.

 

A caso…:  Gentiloni esordisce reclamando il “rispetto di tutti” per il leonino coraggio di Renzi (fulgido esempio di coerenza) che dopo aver da buon rodomonte promesso di sparire se avesse perso (ohibò), perso il referendum si è accontentato di ritirarsi nella trincea del PD arpionando a stesso l’intero nuovo Gabinetto.  Ammazza che coerenza…

 

Eppure è così che costoro ragionano: gli indagati per reati comuni sono “eroi” quando si dimettono: ogni principio etico viene calpestato e ridicolizzato.  Il falso vince sul vero e guai a chi si metta di traverso.  Guai a chi affermi l’evidenza di un ex Primo Ministro che ha spaccato il Paese intorno a sé stesso e lo ha inchiodato – in un fiume di false promesse – nella recessione economica e morale peggiore dal dopoguerra.   Che ha percorso centomila leghe (a spese nostre) per omaggiare tutti i “capitalisti” e “signoroni” (meglio se stranieri o “oriundi” per sanare il suo provincialismo).

 

Il 60 per cento di “no” è solo l’antipasto e – se e quando – si voterà, Renzi trascinerà con sé (finalmente!) comunisti, post comunisti, finti comunisti, democristiani della peggior razza. In verità la piccola borghesia – rapace, ignorante e provinciale – dell’Italietta.

 

E gli Italiani resteranno – finalmente – soli: non bastando certo la compagnia dell’armata Brancaleone del “Garibaldi de noantri” Beppe Grillo…    E come disse il neo-Presidente Mattarella nel suo primo discorso: “basta così”.   Ma davvero.

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto