Flash

25/02/2013

Flash – ELEZIONI

“Fuori i pagliacci dal campo della lotta” così intimava rudemente Palmiro Togliatti mezzo secolo fa all’epoca del bipartitismo (non ancora ribattezzato bipolarismo…) semi-perfetto Democrazia Cristiana/Partito Comunista.    E’ stato – quasi – accontentato.    Il “quasi” va controbilanciato, mentre ancora i dati elettorali sono del tutto parziali e provvisori, con la vistosa affermazione (inorno al 25%) del movimento anti-Partiti, cosa diversa dall’etichetta “populista” incautamente affibbiata come riflesso di autodifesa dalla nomenclatura politica alle “Cinque Stelle”  di Grillo.   La pressochè totale eliminazione della “rivoluzione civile” del procuratore Ingroia (con la sua “soma” di Dipietristi, Diliberto e Ferrero) e – soprattutto – Fini e quel Casini, che il vertice del PD riteneva l’asse risolutore di un “nuovo” possibile Governo riformatore,  esaudiscono finalmente il chiarificatore auspicio del vecchio capo comunista.  Come pure il drastico ridimensionamento delle aspettative dell’ex Premier (già “tecnico”) Monti (sotto il 10% di consenso) svela l’impossibilità di trasferire intese (ancorchè ragionevoli e/necessitate) di vertice in un consapevole consenso popolare.

Del resto – come si era più volte sottolineato – più che di una campagna elettorale  si era trattato di un circo sfocato, quasi immaginario, del tutto fuori “fuoco” non solo rispetto alle scadenze di fondo  in cui l’Italia (non diversamente da altri Paesi europei e non solo europei) si trova, ma anche di fronte a tutte le preoccupazioni congiunturali che investivano gli elettori chiamati – sia pure nel modo distorto consentito dalla legge elettorale dei “nominati” – a dire la loro in ossequio alla (o a quel che ne resta) democrazia rappresentativa.

Ed ora, mentre è in corso un balletto di cifre che -con le “regionali”- si trascinerà ancora un paio di giorni (mediaticamente fino alle dimissioni “operative” del Papa del 28 febbraio…), il solo dato certo -ancorchè impudentemente negato dai commentatori “in house”, nonché ovviamente dai diretti interessati seppure risvegliati a forza dalla spartizione inutilmente progettata fino ad ieri- è che neppure il “risveglio della mummia” (come “Liberation” definì Berlusconi) potrà spostare indietro le lancette più che dell’orologio, del calendario.

Solo nella giornata di domani si potrà cominciare a capire la portata del cambiamento (anzi dell’inizio del medesimo) imposto dal drammatico esito delle urne e così ci si potrà liberare dello sterile spettacolo di un dibattito datato, inutile e – ancora – del tutto fuori tempo massimo.    Anche senza conoscere gli esiti finali del voto, dei voti, certo è che l’agenda – quella vera – è completamente da riscrivere.  E’ dubbio che lo possano fare i responsabili primi dell’attuale “débacle” che – ahinoi – viene da lontano.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto