Flash

25/02/2013

Flash – ELEZIONI

“Fuori i pagliacci dal campo della lotta” così intimava rudemente Palmiro Togliatti mezzo secolo fa all’epoca del bipartitismo (non ancora ribattezzato bipolarismo…) semi-perfetto Democrazia Cristiana/Partito Comunista.    E’ stato – quasi – accontentato.    Il “quasi” va controbilanciato, mentre ancora i dati elettorali sono del tutto parziali e provvisori, con la vistosa affermazione (inorno al 25%) del movimento anti-Partiti, cosa diversa dall’etichetta “populista” incautamente affibbiata come riflesso di autodifesa dalla nomenclatura politica alle “Cinque Stelle”  di Grillo.   La pressochè totale eliminazione della “rivoluzione civile” del procuratore Ingroia (con la sua “soma” di Dipietristi, Diliberto e Ferrero) e – soprattutto – Fini e quel Casini, che il vertice del PD riteneva l’asse risolutore di un “nuovo” possibile Governo riformatore,  esaudiscono finalmente il chiarificatore auspicio del vecchio capo comunista.  Come pure il drastico ridimensionamento delle aspettative dell’ex Premier (già “tecnico”) Monti (sotto il 10% di consenso) svela l’impossibilità di trasferire intese (ancorchè ragionevoli e/necessitate) di vertice in un consapevole consenso popolare.

Del resto – come si era più volte sottolineato – più che di una campagna elettorale  si era trattato di un circo sfocato, quasi immaginario, del tutto fuori “fuoco” non solo rispetto alle scadenze di fondo  in cui l’Italia (non diversamente da altri Paesi europei e non solo europei) si trova, ma anche di fronte a tutte le preoccupazioni congiunturali che investivano gli elettori chiamati – sia pure nel modo distorto consentito dalla legge elettorale dei “nominati” – a dire la loro in ossequio alla (o a quel che ne resta) democrazia rappresentativa.

Ed ora, mentre è in corso un balletto di cifre che -con le “regionali”- si trascinerà ancora un paio di giorni (mediaticamente fino alle dimissioni “operative” del Papa del 28 febbraio…), il solo dato certo -ancorchè impudentemente negato dai commentatori “in house”, nonché ovviamente dai diretti interessati seppure risvegliati a forza dalla spartizione inutilmente progettata fino ad ieri- è che neppure il “risveglio della mummia” (come “Liberation” definì Berlusconi) potrà spostare indietro le lancette più che dell’orologio, del calendario.

Solo nella giornata di domani si potrà cominciare a capire la portata del cambiamento (anzi dell’inizio del medesimo) imposto dal drammatico esito delle urne e così ci si potrà liberare dello sterile spettacolo di un dibattito datato, inutile e – ancora – del tutto fuori tempo massimo.    Anche senza conoscere gli esiti finali del voto, dei voti, certo è che l’agenda – quella vera – è completamente da riscrivere.  E’ dubbio che lo possano fare i responsabili primi dell’attuale “débacle” che – ahinoi – viene da lontano.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto