Flash

12/12/2016

Flash | DA PACE E GUERRA A GUERRA E PACE

9

“Attenzione e rispetto” ma per chi….  Ecco qui il macigno che pesa sul diligente lavoro compiuto dal “nuovo” inquilino del Quirinale.    Ha parlato con tutti e in qualche modo li ha soddisfatti tutti, eccezion fatta per quei cittadini (19 milioni di uomini e donne, ovvero il 60 per cento dei  votanti al referendum costituzionale del 4 dicembre…) che – attraverso la scheda – hanno cercato di far capire che “la misura è colma”.   Ovvero che gli Italiani sono completamente stanchi e disillusi di una nomenklatura politica che – più che inetta – è totalmente parassitaria ed ostile alla generalità dei suoi concittadini.  Insomma tutto meno che classe dirigente riconosciuta del Belpaese. Piuttosto due Paesi: uno largamente maggioritario che cerca di sopravvivere anche se non è capace di esprimere una classe dirigente dignitosa e commisurata ai “tempi fatali” che stiamo vivendo; in Italia e nel vasto mondo sempre più sinistramente interconnesso. E l’altro (il solo riconosciuto da Mattarella, a sua volta chiara figura del passato, né più né meno del suo predecessore Napolitano) eternamente autoreferente.  Fino a quando.

 

Questo è il contesto in cui va collocata la nomina di Paolo Gentiloni a Presidente del Consiglio incaricato.   Incaricato de che?   Non è stato detto ai cittadini.   Che tanto evidentemente non contano.   Fino a quando?

 

Ciò detto.  Aggiungiamo la nostra voce a quella che – ahimè – condividiamo della stupenda “vegliarda” Luciana Castellina che di Paolo Gentiloni (come di molti di noi) fu la “levatrice” nei remoti anni 80 del secolo scorso.   “Paolo era bravo, poi non so cosa gli è capitato…”.

 

Era bravo e siamo e gli rimaniamo amici.   Però non “sappiamo” come si possa passare indenni da “Pace e Guerra” a guerra e pace.    Cioè dove il termine negativo si “mangia” quello positivo, lo eclissa e lo annulla.    Infine lo inverte: prima la guerra e poi – eventualmente – la pace.

 

Insomma anche tra amici ci possono essere posizioni opposte.  L’uno si è “adattato” all’esistente, altri pensano che le ragioni dell’antagonismo non siano venute meno, anzi siano più forti che mai nell’evoluzione tossica ed anarchica della realtà nazionale ed internazionale.

 

Senza contare che alla felice sintesi di Castellina ne aggiungeremo un’altra – più personale – infatti ci è sempre risultata estranea una banale massima: “rivoluzionari a vent’anni, conservatori dai quaranta in su”. E così si finisce cambiati e stremati proprio quando ci sarebbe bisogno del massimo di lucidità ed energia.   Ed ecco perché condividiamo quanto scrisse Natalia Ginzburg al “giro” del millennio: “sento nostalgia per “Pace e Guerra”. Sentiva – la scrittrice – che i tempi “nuovi” richiedevano più idealismo che realismo.

 

Il “caso Gentiloni” è un po’ questo: adottare l’omeopatia. Dosi massicce di Verdini e Verdiniani, di Alfano ed Alfaniani quando questi – se mai – rappresentano la malattia.  Certo non il rimedio…

 

La “splendida regia” del Presidente Mattarella, emulo del “grande Leviatano” Napolitano ha dato il “là” all’operazione di sedazione a cui stiamo assistendo in queste ore.     Non vorremmo essere profeti di sventura ma ragionevolmente non possiamo pensare che mentre la CIA sfida l’FBI sul ruolo russo nell’elezione di Trump (il quale a sua volta provoca il gigante cinese), mentre da noi arrivano sempre più e sempre più caoticamente “flussi” umani, mentre le banche italiane cascano a pezzi ed il Paese si avvita nel nulla renziano e post-renziano, ebbene mentre tutto ciò accade come potrebbe l’ottimo Gentiloni rivestire l’inusitato ruolo di “fatina buona”.   E poi dove nasconderebbe la sua “bacchetta magica”?  Certo non l’ha usata nel caso Regeni (che si avvia a diventare il “caso Dreyfuss” italiano più che egiziano) irrisolto a fronte del “successo” sull’incomparabile e – per noi – ininteressante ”caso marò” o caso “pacifesse” riscattate in Siria.

 

Ma tant’è: la sobria kermesse del Quirinale (trasformato per l’occasione nello studio 5 di Cinecittà) attiene più all’universo mediatico (con tutti quei “generici” e comparse sempiterni, per non parlare dei “critici” ed i “commentatori”) che alla vita reale di milioni di “cittadini”…

 

Infine una (piccola) cattiveria.  Si parla tanto (sbagliando) di un Gentiloni/Renzi fotocopia.   Ma quando mai?  Anzi – avesse deciso lui, Matteo – avrebbe messo (dopo l’evanescente Mogherini) a capo della Farnesina una ragazzotta misteriosamente assunta nei ranghi della famigerata Trilaterale, tal Lia Quartapelle vicina al capo Expò Sala.    Altro che mettersi a fianco un vecchio (scusateci) routard della politica nazionale.    Evidentemente Paolo e Matteo hanno fatto pace e dimenticato lo sgarbo .   Buon per loro….

 

Auguri a tutti loro e sinceramente a Paolo, ma soprattutto a noi.   Che ne abbiamo più bisogno….

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto