Flash

12/12/2016

Flash | DA PACE E GUERRA A GUERRA E PACE

9

“Attenzione e rispetto” ma per chi….  Ecco qui il macigno che pesa sul diligente lavoro compiuto dal “nuovo” inquilino del Quirinale.    Ha parlato con tutti e in qualche modo li ha soddisfatti tutti, eccezion fatta per quei cittadini (19 milioni di uomini e donne, ovvero il 60 per cento dei  votanti al referendum costituzionale del 4 dicembre…) che – attraverso la scheda – hanno cercato di far capire che “la misura è colma”.   Ovvero che gli Italiani sono completamente stanchi e disillusi di una nomenklatura politica che – più che inetta – è totalmente parassitaria ed ostile alla generalità dei suoi concittadini.  Insomma tutto meno che classe dirigente riconosciuta del Belpaese. Piuttosto due Paesi: uno largamente maggioritario che cerca di sopravvivere anche se non è capace di esprimere una classe dirigente dignitosa e commisurata ai “tempi fatali” che stiamo vivendo; in Italia e nel vasto mondo sempre più sinistramente interconnesso. E l’altro (il solo riconosciuto da Mattarella, a sua volta chiara figura del passato, né più né meno del suo predecessore Napolitano) eternamente autoreferente.  Fino a quando.

 

Questo è il contesto in cui va collocata la nomina di Paolo Gentiloni a Presidente del Consiglio incaricato.   Incaricato de che?   Non è stato detto ai cittadini.   Che tanto evidentemente non contano.   Fino a quando?

 

Ciò detto.  Aggiungiamo la nostra voce a quella che – ahimè – condividiamo della stupenda “vegliarda” Luciana Castellina che di Paolo Gentiloni (come di molti di noi) fu la “levatrice” nei remoti anni 80 del secolo scorso.   “Paolo era bravo, poi non so cosa gli è capitato…”.

 

Era bravo e siamo e gli rimaniamo amici.   Però non “sappiamo” come si possa passare indenni da “Pace e Guerra” a guerra e pace.    Cioè dove il termine negativo si “mangia” quello positivo, lo eclissa e lo annulla.    Infine lo inverte: prima la guerra e poi – eventualmente – la pace.

 

Insomma anche tra amici ci possono essere posizioni opposte.  L’uno si è “adattato” all’esistente, altri pensano che le ragioni dell’antagonismo non siano venute meno, anzi siano più forti che mai nell’evoluzione tossica ed anarchica della realtà nazionale ed internazionale.

 

Senza contare che alla felice sintesi di Castellina ne aggiungeremo un’altra – più personale – infatti ci è sempre risultata estranea una banale massima: “rivoluzionari a vent’anni, conservatori dai quaranta in su”. E così si finisce cambiati e stremati proprio quando ci sarebbe bisogno del massimo di lucidità ed energia.   Ed ecco perché condividiamo quanto scrisse Natalia Ginzburg al “giro” del millennio: “sento nostalgia per “Pace e Guerra”. Sentiva – la scrittrice – che i tempi “nuovi” richiedevano più idealismo che realismo.

 

Il “caso Gentiloni” è un po’ questo: adottare l’omeopatia. Dosi massicce di Verdini e Verdiniani, di Alfano ed Alfaniani quando questi – se mai – rappresentano la malattia.  Certo non il rimedio…

 

La “splendida regia” del Presidente Mattarella, emulo del “grande Leviatano” Napolitano ha dato il “là” all’operazione di sedazione a cui stiamo assistendo in queste ore.     Non vorremmo essere profeti di sventura ma ragionevolmente non possiamo pensare che mentre la CIA sfida l’FBI sul ruolo russo nell’elezione di Trump (il quale a sua volta provoca il gigante cinese), mentre da noi arrivano sempre più e sempre più caoticamente “flussi” umani, mentre le banche italiane cascano a pezzi ed il Paese si avvita nel nulla renziano e post-renziano, ebbene mentre tutto ciò accade come potrebbe l’ottimo Gentiloni rivestire l’inusitato ruolo di “fatina buona”.   E poi dove nasconderebbe la sua “bacchetta magica”?  Certo non l’ha usata nel caso Regeni (che si avvia a diventare il “caso Dreyfuss” italiano più che egiziano) irrisolto a fronte del “successo” sull’incomparabile e – per noi – ininteressante ”caso marò” o caso “pacifesse” riscattate in Siria.

 

Ma tant’è: la sobria kermesse del Quirinale (trasformato per l’occasione nello studio 5 di Cinecittà) attiene più all’universo mediatico (con tutti quei “generici” e comparse sempiterni, per non parlare dei “critici” ed i “commentatori”) che alla vita reale di milioni di “cittadini”…

 

Infine una (piccola) cattiveria.  Si parla tanto (sbagliando) di un Gentiloni/Renzi fotocopia.   Ma quando mai?  Anzi – avesse deciso lui, Matteo – avrebbe messo (dopo l’evanescente Mogherini) a capo della Farnesina una ragazzotta misteriosamente assunta nei ranghi della famigerata Trilaterale, tal Lia Quartapelle vicina al capo Expò Sala.    Altro che mettersi a fianco un vecchio (scusateci) routard della politica nazionale.    Evidentemente Paolo e Matteo hanno fatto pace e dimenticato lo sgarbo .   Buon per loro….

 

Auguri a tutti loro e sinceramente a Paolo, ma soprattutto a noi.   Che ne abbiamo più bisogno….

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto