Flash

04/07/2017

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

paolo-villaggio-eta-causa-morte-diabete-vita-privata-bio-wikipedia-figli-moglie

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là delle dichiarazioni – assomiglia alla condizione del cavaliere che continuava restare in sella… ma era morto.

 

Le fiumane umane che in questi giorni hanno iniziato gli “hunger games” (giochi della fame, ndr) per un posticino esecutivo in Banca d’Italia (peraltro posto di lavoro assimilabile ad un “albero della cuccagna” ) danno la misura della catalessi in cui si trova il Belpaese.   Una catalessi rinforzata nei previsti tre mesi di vacanze… a partire dalla televisione di Stato…

 

E così, mentre l’estate (una volta era l’inverno e la ripresa post-natalizia…)  si conferma come la stagione degli “addii” l’uscita di scena finale di Villaggio acquista – almeno per noi – un valore emblematico.  E ci spinge a riflessioni più ampie di quelle direttamente riservate (con rispetto) a lui.     Il suo disperato Fantozzi è stato una grande molla non già di impotenti auto-risate o di rassegnazione bensì l’ossigeno di una vera e propria rivoluzione culturale.

 

Ovvero i vinti che non si rassegnano eppure passo passo riescono a sopravvivere e – anche in silenzio – denunciano la vuota arroganza di tutti i “megadirettori”: meglio la loro ottusa stronzaggine.  Un ricordo personale che testimonia dell’impatto del personaggio.   Mi trovavo in pubblico servizio agli Antipodi e – cercando di dare un senso all’”esilio” – mi rivolgevo ad un immigrato polacco (abile artigiano) reduce da un soggiorno di profugo in Italia (uno della moltitudine al seguito del Papa polacco) il quale compiva uno splendido lavoro di “italiano ad honorem”.   E, da italiano, mi chiedeva oltre ala giusta retribuzione, una cortesia personale alla quale teneva molto.   Indovinate cosa?  Qualche pellicola nella nostra smilza biblioteca tratta dai film di Villaggio.  Il profugo (allora…) subiva la nostalgia della rivoluzione fantozziana.

 

Da vero Italiano ad honorem.

 

Si dirà: altri tempi.   E già chi mai oggi chiederebbe – agli Antipodi e come prova del suo legame con l’Italia – un ruggito scatarrante di quell’altro comico genovese assurto all’incredibile ruolo di “Garante”.  Ma de che? Il furbo Grillo appunto.

 

O peggio del peggio qualche vuota fumisteria del già “Premier” (ed ora capo del Partito di relativa e declinante maggioranza, ovvero il cosiddetto Partito Democratico) Matteo Renzi.

 

Il paragone passato/presente è schiacciante come il passaggio dalla lucidità all’illusione. Peggio se pilotata, spacciata come “il nuovo che avanza”.   Ed infatti non c’è consultazione democratica che non segni un arretramento degli “alfieri!” renziani e delle panzane di cui si ammantano.   Mentre continua a prosperare la finta opposizione dell’armata Brancaleone grillina. Quella nata con il “vaffa” e proseguita tra scontrini (da controllare, ah ah) e incapacità strutturale di governo e amministrazione (es.: Roma, Torino sporche come non mai e magari anche mortifere…).

 

Che il mondo (e l’Italia) stessero andando indietro anziché avanti era un “dubbio” anti-storicista che avevamo da tempo ma il fatto – e i paragoni che sollecita – del giorno ce lo conferma appieno, se solo lo vogliamo considerare nel contesto che solleva.

 

E, per questa ragione, noi come l’immigrato polacco-italiano in Nuova Zelanda (in cerca di riscatto e serenità) non possiamo non essere riconoscenti ad un uomo come Paolo Villaggio.  Ci faceva ridere (chi più, chi meno) ma – soprattutto – squarciava un velo di ipocrisia e, così facendo, ci faceva sperare in un avvenire meno falso.   Non è avvenuto così ma – a differenza di altri – non si può negare che abbia fatto la sua particolare, onesta rivoluzione.   Ce ne era – e ce ne è – bisogno.

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto