Flash

06/02/2018

Flash | CRONACHE ITALIANE TRA INVASIONE MARZIANA E “DISPETTO ALLA MOGLIE”

macerata-arresto_675

Non sembra che – tranne isolate eccezioni e tisane calmanti  governative – i “fatti” di Macerata abbiano prodotto alcun salto di qualità in una campagna elettorale tanto squallida quanto vuota di contenuti reali.

 

E, d’altro canto perché dovrebbe averne quando si consideri che la “nuova” legge elettorale “fresca” di stagione lascia ai cittadini italiani meno spazio di scelta di quanto non ne abbia la giuria esterna al Festival di Sanremo…    Il che ci permette di ricorrere nelle note che seguono a due metafore forse non eleganti ma assai comprensibili.

 

Per intanto non possiamo non costatare che – in un panorama complessivo di totale insignificanza – i partiti hanno fatto il loro dovere: il bilancio delle candidature prevede infatti otto condannati e ben trenta indagati.   Insomma il livello parlamentare non rischia di salire rispetto al consueto infimo standard.    E non lo diciamo certamente per aggressivo qualunquismo quanto piuttosto per aver seguito negli ultimi decenni dibattiti parlamentari caratterizzati perfino da carenze nella lingua italiana basica (delle lingue “estere” manco a parlarne…).

 

Quanto ai fatti di Macerata va da subito detta una circostanza certa, ma fin qui solo accennata: il nesso tra la morte della giovane tossicodipendente e lo spacciatore africano riguarda la droga ed il vilipendio del cadavere.  Non esiste un’accusa di omicidio.

 

Dunque la tentata mattanza razzista del “patriota” si annida soltanto nella testa – fragile e condizionata – dello sparatore “patriota”.  Che anzi avrebbe voluto “giustiziare” il giovane nell’aula di giustizia. E, peraltro, sulla probabile overdose è inevitabile un triste riserbo.

 

Quanto al cuore del problema e senza tornare ai dati statistici dell’immigrazione de “noantri” e alla “difesa della razza” sempre de noantri, i commenti più sorprendentemente equilibrati e  per noi condivisibili sono stati fatti dal fondatore del “Foglio” Giuliano Ferrara: il solo che ha messo a fuoco la natura “meticcia” degli  Italiani, la loro storica apertura ed oggettivo cosmopolitismo disastrati dalle tenebre fasciste: quelle che stanno ora e di nuovo gorgogliando nella pancia malata del Paese.

 

Per la verità stiamo assistendo al montare di una tenebra intellettuale (forse comprensibile in Ungheria o Polonia, ma indecente in Italia dopo ben oltre mezzo secolo di Repubblica bene o male “democratica”) e questa – per noi – evidenza ci ricorda una “battuta” colta a commento riferito ad almeno due secoli di Rinascimento italiano (quello su cui lavora il giovane Angela e prospera il sopravvissuto Ministro Franceschini): Rinascimento sì, vennero i marziani: fecero tutto e se ne andarono come erano venuti.

 

Ma non soltanto il “bello”, o Galileo e certamente neppure gli “internazionalisti” Mazzini e Garibaldi, in verità tutto ciò che ha fatto dell’Italia un grande Paese viene divorato da sconce termiti assetate di rivalsa piccolo-borghese ed ottusità provinciale che aspettano il voto del 4 marzo.    Il “patriota” sparatore di Macerata è semplicemente partito un po’ troppo presto per la sua marcia su Roma.

 

D’altro canto un’altra antica “battuta” ci frulla nella testa da giorni e nasce dalla constatazione dell’inspiegabile favore nichilista che sospinge verso una velleitaria vittoria il cosiddetto Movimento “Cinque Stelle”  (perché poi cinque… potrebbero essere dieci o cinquanta: tanto non significano un bel nulla: né più né meno dell’inverosimile prototipo: “Forza Italia”.

 

Ebbene la battuta è semplice ed inconfondibile anche se con i costumi attuali un po’ azzardata: “per fare dispetto a mia moglie mi taglio i co….”.

 

E il 5 marzo lo sapremo quanti saranno stati i volontari al “sacrificio”.    Basta un voto e altro che lo storico “cervello all’ammasso” dei comunisti di una volta….

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL MALE E PEGGIO

20/02/2018

Una volta – ovvero molti anni fa – nell’Italia centrale contadina (e non ancora post-contadina né tanto meno “biologica”…) un numero enorme di lavori nell’edilizia e soprattutto nelle ristrutturazioni veniva compiuta a mani nude da contadini inurbati e trasformatisi in “maestri” muratori.    ...
Leggi tutto

Flash | GRILLO E IL BUON DIO

16/02/2018

Ancora non basta.   La  “scoperta” che il movimento “Cinque stelle” (ancora con questo insulso nome…) truccava i propri stessi impegni “steccando” qua e là un po’ delle risorse pubbliche (indennità parlamentari) da destinare – udite udite – alle “piccole imprese” non ha incrinato (stando ai ...
Leggi tutto

Flash | RINCOGLIONITI?

12/02/2018

Che gli Italiani siano “a pezzi” è evidente constatazione.   Perfino la sagra nazional-popolare di tardo inverno (o precoce primavera?) di Sanremo è passata con una specie di innocuo auto-trionfo ma senza lasciare traccia alcuna.   Certamente le sensibilità e le capacità di ...
Leggi tutto

Flash | IL “MALIGNO” DALLE ALPI AL LILIBEO

30/01/2018

Prima di tutto due parole sul nuovo scandalo (a poco dire…) dell’industria automobilistica tedesca che, evidentemente non paga di aver taroccato dati sull’inquinamento di alcuni tipi di vetture, è passata alla “dimostrazione” che i suoi motori diesel non fanno poi troppo male…   E ...
Leggi tutto

Flash | DA DAVOS AL CAIRO PASSANDO PER ROMA

25/01/2018

La settimana che si sta chiudendo non offre granchè salvo forse una rinfrescante tregua nella più squallida campagna elettorale della storia repubblicana dell’Italia: tasso d’interesse da parte dei cittadini (esistono ormai solo figurativamente e non riescono evidentemente a svegliarsi e ...
Leggi tutto

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto