Flash

27/09/2016

Flash | CLINTON BATTE TRUMP. MATTEO “CHISSA’QUANDO” INDICE IL REFERENDUM DEI GONZI

hillary-clinton-vs-donald-trump-cartoon-598

E’ andata come previsto.   Hillary Clinton ha battuto Trump nel primo “faccia a faccia” in vista delle elezioni presidenziali di novembre.   Almeno questo è il responso della maggior parte dei sondaggi: lei sa e lui non sa. Lei conosce il mondo e lui no.   Lui piace solo a quelli come lui (e non sono pochi….).  Lei appare responsabile e qualificata per il “Job” forse più importante al mondo.  Sicuramente il più pericoloso per tutti noi.   Fine del discorso.   Il resto è fuffa e comunque il prossimo appuntamento tra i due è per il 9 ottobre: insomma ne avremo fino alla nausea…

 

Da noi continua invece l’”allegria di naufragi” di cui abbiamo più volte parlato.  E l’orizzonte si è definitivamente ristretto al “mangia questa minestra o salta dalla finestra”.   E poco male se davanti a noi rimane solo la realtà – negata fino alla nausea dalla nomenklatura – di un Paese in recessione permanente, frustrato e svuotato. Che – come si dice – non va da nessuna parte.

 

Ora anche spaccato in due come una mela e, soprattutto, messo di fronte ad una finta alternativa, stretto in un bluff inventato a tavolino (da Renzi stesso o dai suoi ispiratori) in un delirio di  onnipotenza che non si ferma davanti a nulla.    E non è un caso che in molti rimpiangano la melassa berlusconiana.   Quella il cui conto non finiamo mai di pagare…

 

Fuor di metafora con stile “imperiale” ieri sera il Caudillo di Rignano sull’Arno ha spedito un suo messo (tal Vice Ministro De Vincenti) a spiegare al popolo che Cesare aveva varcato il Rubicone e che tra un po’ più di due mesi il popolo sarebbe stato chiamato a scegliere tra “nuova” e “vecchia” Italia con il voto referendario per confermare – o no – la mostruosa eutanasia della Costituzione repubblicana cucinata – in suo nome – dal duetto Boschi Finocchiaro.    Al tempo stesso sono partite raffiche di idiozie del tipo “volete il vecchio regime? Vi piaceva la Bicamerale Berlusconi-D’Alema? Votate no”, “Volete cancellare l’orrendo CNEL?, votate sì.   Volete una Camera che sforni leggi come caramelle e senza l’impaccio del Senato, votate sì”.   E soprattutto volete il “vincitore” la sera delle elezioni?  Votate sì.

 

Naturalmente senza di dire che il combinato disposto di modifiche costituzionali e legge elettorale sanciscono che – come Napoleone istituì il sistema metrico decimale – Renzi ha trasformato il 51% di consenso elettorale (il minimo della democrazia…) in uno smilzo 25% “pigliatutto”.   Motto: crepa popolo bue.

 

In estrema sintesi e nonostante il finto tentativo di “spersonalizzare il dibattito”: vi piace la mia Italia?   Votate sì.

 

Manco Hillary e Donald l’hanno messa così… soprattutto perché quei “fessi” di Americani non l’avrebbero bevuta….  Gli Italiani magari sì.

 

Anzi per aiutarli a bere l’amaro calice  avranno tutto il tempo.  70 giorni di “bombardamento” e poi l’euforia finale delle “tredicesime” e qualcuno anche la droga della “doppia” quattordicesima (80 euro…..: un cappone in ogni focolare.   Ed ecco spiegata la fatidica data del 4 dicembre, cioè tre giorni per incassare il “malloppo”.   Non solo ma il prudente Presidente Mattarella (emulo scrupoloso del suo predecessore…) per quella data conta di aver varato la cosiddetta “legge di stabilità” (= bilancio) e poi succeda quello che deve succedere…

 

Segno che mettono in conto la cacciata di Renzi a “furor di popolo”.   Ne riparleremo mentre assistiamo alle vicende americane…

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto