Flash

10/05/2017

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

imagoeconomica_940454-1024x682

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno bello.

 

Intanto le tre ragazze Rom (due ancora bambine e pare di cittadinanza italiana) bruciate vive a Roma nel camper in cui vivevano.  Un suggello sul processo a chi sui Rom viveva e lucrava con quella Mafia Capitale cara non solo all’ultradestra ma anche al gruppo storico dirigente di Roma (PD) e poi – rieccola – la nostra Maria Elena Boschi.  Definitivamente passata da “Pasionaria” dell’italico “Matteo Macron” (felicissima definizione dell’”Espresso”) a sua spina nel fianco.

 

Le memorie (anticipate) del principe del giornalismo italiano, più volte direttore del Corriere della Sera –Ferruccio De Bortoli – ci dicono che la frenetica Maria Elena avrebbe “suggerito” al vertice del Credito Italiano (UNICREDIT) di “salvare” la famigerata Banca Etruria di cui il “su amato babbo” era addirittura Vice Presidente. Il resto è noto.

 

E questa è una donna “avvitata” all’immagine della “nuova” Italia.  Ora gira col caschetto giallo e (a ricordo della cenetta di intronazione renziana col mentitore Tony Blair) prepara per il Governo italiano (nominalmente guidato da Paolo Gentiloni) l’imminente Vertice G7 di Taormina.

 

Il tutto incrina, se non altro, la fallace idea che – di per sé – la presenza femminile ci trasformerebbe in un Paese moderno.  Vero è che la raffica di audizioni e dichiarazioni del Procuratore di Catania costituisce – come minimo – una rappresentazione della rigidità mentale del sesso maschile…  Il fatto che l’anziano magistrato riduca pervicacemente (ed in contrasto con quanto afferma giustamente e razionalmente il Presidente della Repubblica sul fenomeno dell’immigrazione come opportunità oltre che come dovere etico-politico) il flusso di migranti nel Mediterraneo ad una questione dai risvolti penali, ebbene ciò dimostra che almeno come flessibilità mentale le donne (in carriera…) siano preziose…

 

Tutte?

 

Non proprio e non solo per l’onnipresente Maria Elena.  Prendiamo ad esempio la “romana” Virginia Raggi, già stella rampante del “movimento” Cinque stelle (perché poi cinque e non sette o venticinque?).  Anzi “En marche”…  Addirittura antelitteram…

 

Alla vigilia della storica “operazione ramazza” che Matteo Renzi lancerà domenica a Roma per ovviare (dice lui…) all’inettitudine pulitoria dei suoi concorrenti politici, risorgono i dubbi sulla cara Virginia. Così determinata a difesa del suo Marra e co e così assente su tutto il resto. Curiosamente nessuno dice chi sia e da dove venga Virginia.  Ebbene neppure un mese fa chi scrive apprendeva da una personalità italiana reduce da un lungo autorevole soggiorno a Teheran (Iran, Persia) che la “stella” pentastellata sarebbe in realtà un virgulto di famiglia iraniana “scappata” in Italia alla caduta dello Scià.  “Ius soli” forse (data l’età di Virginia), ma non certo “sanguinis”.  Ed allora – se tutto ciò non è smentito – come la mettiamo con la repulsione extra-europea che caratterizza non solo Lega, destre varie, ma anche i patriottici “Cinque stelle”. Fieri anch’essi dei loro lombi italici,

 

A noi naturalmente non interessa la “non-italianità di Virginia (e nepppure la sua non romanità) ma ci spaventano le sue palesi “difficoltà”.

 

D’altro canto, se Londra è fiera del suo Sindaco pakistano, perché Roma non dovrebbe essere lieta di essere “retta” (si fa per dire) dalla “bella Persiana” (citazione involontaria da Ettore Petrolini…).   E, mentre ci prepariamo per la domenica di ramazza, ci fermiamo qui.

 

Non senza aver rimarcato che (mentre si continua a morire nel Mediterraneo) il saldo dei giovani e non giovani italiani che se ne vanno dal Belpaese  a fronte degli “immigrati” che arrivano nonostante il Procuratore di Catania, pressoché mette i conti demografici (ed in prospettiva pensionistici…) in pari.

 

“Gente che va, gente che viene”.  Così è sempre stato e così sempre sarà.   Almeno finché la nostra specie non deciderà di fare la fine dei dinosauri.  Salvo che qualcuno non si convinca a chiedergli finalmente la sua opinione.  Che difficilmente sarà a favore dell’estinzione.   Magari optando per la consunzione, lo sfinimento….in ultima analisi il caos globale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto