Flash

26/07/2016

Flash | AUTODAFE’ D’EUROPA. E D’AMERICA?

sindrome-di-peter-pan

L’ultimo flash da noi pubblicato (“Salò Sade turca” del 19 luglio) si chiudeva con queste parole: “… fuor di metafora, come si possa continuare a vivere in una così suicidaria e generalizzata realtà…          .

 

Non sapevamo né noi – né evidentemente la polizia tedesca – di quanto sarebbe accaduto a Monaco appena tre giorni dopo.  Inverando una non difficile profezia.  E neppure sapevamo che un fotogramma da noi tratto da una scena di tortura del “Salo-Sade” di Pierpaolo Pasolini sarebbe incorso nei rigori meccanicisti (o selettivamente opportunisti?) di Facebook.  Gli stessi che colpirono la riproduzione dell’”Origine del mondo” di Courbet.  “Reo” a sua volta di mostrare splendidamente (e poeticamente) l’organo sessuale femminile. Noi intendevamo soltanto mostrare – con quel taglio di lingua girato da Pasolini per illustrare il nesso tra sadismo e psicopolitica – cosa significa torturare.   O anche far tacere.   E non nelle cronache del passato bensì in quelle che arrivano in questi giorni dalla Turchia del “contro-golpe”.

 

Adesso – sapendolo – useremo soltanto immagini di Peter Pan e di Trilly “campanellino”.  Ma davvero questa è l’immagine che ci circonda?   Magari proprio nel giorno in cui si ricorda (commemora, al massimo…) l’impunita agonia del giovane Giulio Regeni….    E, a proposito dove sono finiti i solenni impegni dei vertici della Repubblica (con la madre e con il padre piuttosto che con gli Italiani) per ottenere se non giustizia almeno brandelli di verità…?  O forse ritengono che aver trasferito nella prestigiosa Ambasciata all’UE il già Ambasciatore…. al Cairo…. abbia chiuso i conti.   Quali conti, è lecito chiedere.

 

Scrivevamo mesi addietro come l’illuminato (fuor d’ironia…) romano Pontefice avrebbe forse utilmente ribattezzato il Giubileo come quello della coerenza piuttosto che di una assai improbabile “misericordia”.   Le ultime due settimane – in una accelerazione febbrile -  hanno dimostrato “ad libitum” che la direzione globalmente opposta alla misericordia si è messa in moto.  Dovunque.  Ed in dosi che pudicamente definiremmo micidiali.

 

Dopo la Germania, oggi è “toccato” di nuovo alla Francia e – tanto per fare le cose chiare – si è scelto un sacerdote cattolico, una chiesa.   Meno male – verrebbe da dire – così possiamo riprendere la “pista” dell’aggressione islamica.  Fosse solo quella… quando dagli Stati Uniti le statistiche ufficiali ci dicono che le vittime dei massacri sono colpite quasi esclusivamente da cittadini americani.  Le cose stanno così.

 

Anche oggi omicidi e profanazioni sono “home made” (fatti in casa…)… “ispirati o meno…”.

 

Eppure finora si è tentato disperatamente di far credere che il “male” venisse da fuori e non fosse anche dentro, sopra e sotto…  Scriveva ieri – al termine di una “rassegna” dettagliata e lucida – Ilvo Diamanti un volenteroso “… non dobbiamo rassegnarci”.  Già ma come?  Intanto smettendola di anatomizzare morbosamente le foglie senza guardare (neppure nominare…) alberi e foresta.   Uno è matto, l’altro è un lupo solitario, l’altro un culturista fattosi integralista islamico, e così via in una insulsa litania.

 

La prima verità consiste nell’assenza di senso, nell’assenza di credibilità in questa “società della stanchezza” (dal saggio del filosofo tedesco-coreano Byung-Chui Han).   Che non si sazia dei pokemon o di dosi sempre più massicce di football. Eccetera eccetera.  Che esplode più o meno “random” e che non può essere liquidata – nonostante l’orrore e la ripulsa – con la storia del “killer che odiava i ragazzini” (volgare titolo del massimo quotidiano italiano…).

 

Sembra a noi che i fili vadano connessi e ricuciti non frammentati e contrapposti.

 

Forse è troppo tardi.  Peggio: si rischia di rimediare con dosi massicce di ridicolo.  Come proporre l’”ideale europeo”, riesumare Ventotene ed i federalisti pre seconda Guerra Mondiale.   Non impedirono quella, figuriamoci questa…

 

All’ordine del giorno (e non da oggi…) c’è il tema della globalizzazione (già avvenuta) e della sua regolazione cooperativa (soffocata in culla…).  A meno di credere – e voler far credere – che i “mercati” finanziari unificati siano la chiave di volta di quello che resta della civiltà umana….

 

E così Italia ed Europa preparano il loro autodafè.  Forse ignari della conclusione che questi hanno avuto per almeno tre secoli.  Il rogo.

 

E gli Stati Uniti – con una campagna presidenziale inimmaginabile ed una strisciante guerra civile – li seguono dappresso.

 

Speriamo che questo diventi il fuoco dell’attenzione (innanzi tutto dei popoli, se non dei patetici Governi ed “elites” nazionali), piuttosto dei machete e delle cinture esplosive.  O la fanfaluca del “terrorista della porta accanto”… In un solo mondo è difficile consolarsi con il “beati gli ignari”….

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto