Flash

07/07/2017

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

Amburgo, 5 luglio 2017(AP Photo/Matthias Schrader)

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.

 

Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli Stati nazionali includendo quella odierna fattori importanti quali il peso demografico e le potenzialità di crescita a medio termine.   Per questa ragione il G20 è nel tempo divenuto il mega parlamento dei “Padroni del Mondo”: in breve il surrogato di quello stantio Parlamento mondiale che doveva – e poteva – essere assicurato dal “sistema” delle Nazioni Unite.  Ormai ridotte come e peggio di quella Società delle Nazioni già morta a Ginevra alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale.

 

Infatti e stranamente tenuto conto dell’ansia (almeno mediatica…) di mostrare alle plebi universali un qualche grado di consenso tra i “padroni del mondo”, l’ONU già esisteva – con tutte le Istituzioni specializzate (WTO, FAO e via enumerando su tutte le aree della globalizzazione e della cooperazione internazionale) e non si capisce perché l’opzione razionale del multilateralismo dovesse essere deliberatamente svuotata fino all’attuale asfissia.

 

E, d’altro canto, se le Nazioni Unite avevano un “padre nobile” ma per davvero e cioè quel Kant della “Storia Universale in ottica cosmopolita” (metà del Settecento….) il G20 e i suoi “fratelli”  raccolgono gli alfieri del “sovranismo” e tutte le “scorie” dei poteri nazionali e sovranazionali più o meno occulti.   Occulti sì ma certamente costretti – di quando in quando – a farsi vedere tutti raccolti intorno allo stesso tavolo.  Più per mostrarsi che per decidere congiuntamente.

 

Logico dunque che questo tipo di incontri sia diventato da ormai un paio di decenni il luogo prediletto di quelli “che non ci stanno”: con le buone e magari con le cattive.  Succedeva anche nell’Ottocento ed ogni tanto qualcuno di quei sovversivi vinceva… il più delle volte veniva “riassorbito” nei nascenti Stati nazionali… talora venendo incluso nella panoplia dei “Padri della Patria”.

 

Questo lo scenario visibile.  Più difficile da alcuni decenni comprendere quale sia la posta in gioco e chi siano i veri “padroni del mondo”.  Men che meno capire se e quali siano gli obiettivi a medio termine che coinvolgono tutti noi: bianchi e neri, sviluppati e non.

 

Ciò detto e poiché non tutti posseggono la “saggezza” che Voltaire assegnava al suo Candido, invitato a zappettare l’orto e non ad interrogarsi sul destino suo – e dell’umanità – (“pazzo, sono forse questioni che ti riguardano…”)  il risultato è quello che abbiamo sotto gli occhi in questo fine settimana ad Amburgo.

 

Liquidare superficialmente quello che sta accadendo – e che potrà accadere – come un vuoto scoppio di violenza significa – né più né meno – che tentare di cancellare gli ultimi due secoli di storia e – soprattutto – gli eventi non fausti che attendono tutti noi: volenti o nolenti.

 

Che Trump e Putin (scegliete voi quello da preferire… a meno che vi piacciano entrambi…) si stringano la mano e come lo faranno, non ci avvicina di un centimetro alla comprensione dei fatti e soprattutto del futuro.

 

Servirebbe ben altro e ben altre consapevolezze.  Ma chi ce le ha nel panorama attuale? E chi può formarsele nell’attuale oscurità e nebbia del pensiero?

 

Un esempio di doppia, tripla, obnubilazione la rinveniamo facilmente nel Belpaese, immerso – e ben gli sta – nella confusione totale connessa all’inevitabile esplosione di squilibri demografici (noti ed ignorati da oltre un trentennio) e nel vuoto di prospettive determinato dalla “fine della politica” instaurato in Italia all’indomani di “mani pulite” e all’ombra del berlusconismo.   Con un Partito “democratico” schierato a destra (rispetto a tutti i parametri da Bobbio a Evola) ed un’opposizione virtuale oppure ispirata dalla “polenta taragna” come misura di civiltà autoctona, ovvero con una setta privata camuffata da risentimento popolare, è evidente che il Paese è privo di qualunque prospettiva.

 

Miracolo che galleggi.  A conferma che la maggiore qualità vitale dell’Italia è la sua capacità di sopravvivere in assenza di qualunque direttiva politica reale.   Così non sorprenda che – nell’attuale oscurità globale – noi si taccia e ci si limiti ad una lagna inconsistente sui “guai” che ci capiterebbero in ragione della nostra collocazione geografica (peraltro la stessa che ci aveva consentito il “Rinascimento”…).

 

Ed è forse il passato che ci consente di sederci all’inconcludente tavolo di Amburgo.  E meno male che ci abbiamo mandato un politico che – bene o male – sa leggere e scrivere.  Domani chissà…

 

 

 

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto