Flash

16/12/2013

Flash

Monti-accendere-la-Tv-Gian-Burrasca

Steve Jobs (“il più grande di tutti”), il modello californiano e la Napa Valley, il Moncler diventato “italiano” (e gli insopportabili – per lui – “paninari”, la bambina  bianca (italiana) la bambina nera (nata in Italia ma “legalmente” non italiana) e così via in una interminabile versione post-moderna  delle onnicomprensive “spolverate” di zucchero a velo veltroniane.   Ma dove vive Matteo Renzi?   I Jobs italiani si chiamano Befera e Mastrapasqua(Gerit ed Inps).     Pensi a quelli e lasci stare il resto dove sta.  Con buona pace di fanfaronate come la “fame d’Italia” che – a suo dire – dilagherebbe nel mondo.

Per i pessimisti questo discorso-fiume destinato a segnare l’insediamento del Sindaco di Firenze al vertice del maggiore partito italiano (al quale sarebbero affidate le speranze di salvataggio/rinnovamento del Paese) non è stato una sorpresa bensì una conferma ad abundantiam del futuro che ci attende.  Non sarà facile da vivere e certamente ci allontana dagli standard dei Paesi normali: ad esempio non una parola concreta sulla politica estera inclusa quella europea, e dunque nessuno sa – oggi più di ieri – dove può andare il Paese.    Quanto poi alla drammatica situazione interna si consolino con le trine del delicato Baricco oppure – se possono – con le pseudo leccornie dell’ottimo Farinetti di “Eataly” (è questa la fame d’Italia di cui parla Renzi?): entrambi consiglieri spirituali del plebiscitato leader (insieme ad un pressochè ignoto economista israeliano nonché membro del Parlamento italiano).

Così anche questa è fatta.  E’, dunque, legittima la soddisfazione dell’attuale Primo Ministro Letta che si vede accordato un altro periodo di (inutile per noi, utile per lui) esposizione mediatica.    Non è a caso che il senziente D’Alema si consoli pubblicamente dopo aver profetizzato per Renzi il famoso “si farà male” e per Letta ”Primo Ministro “protempore”. Ancora profezie azzeccate del “lungimirante”: e meno male che il suo attuale “core business” – come lo chiama lui…- è l’Europa e il vasto mondo.  L’Italia è già stata gratificata e poi è troppo piccola per cotanta grandezza…

Naturalmente responsabile morale del tutto sarebbe – nella vulgata dei media foraggiati dal regime – l’inattendibile Grillo e – tanto per dare un segnale – viene arrestato un dirigente dei fascisti di Casa Pound,  Per i “forconi” si vedrà nei prossimi giorni.   Quali provvisorie conclusioni si possono trarre?  La prima è quella che il distacco dalla realtà non è più un caso isolato bensì un’epidemia nazionale incoraggiata invece che curata.  La seconda è la rinascita in grande del trasformismo italiano simboleggiata dalla “rottamazione” della Bindi e della Finocchiaro (finalmente…) rimpiazzate con un drappello di giovani “vestali” del “renzismo”.  La terza è  Il continuismo simboleggiato dal sempiterno D’Alema (vedi sopra) insolitamente complimentoso e già dimentico dei mugugni del giorno prima forse alla ricerca di un posticino al Parlamento europeo.  La quarta è l’imbarbarimento della dialettica politica: “buffone” da Renzi a Grillo e “scorreggina” da Grillo a Renzi.

Ciò non bastasse, mentre si criminalizzano i forconi e i grillini (secondo partito italiano…), si da ampio spazio alle follie leghiste: “l’euro è un crimine contro l’umanità” e via farneticando in un delirio razzista e oscurantista destinato alle credule plebi “padane” per far dimenticare l’ “oro” e le “le lauree” leghiste.   Naturalmente tutto ciò viene dal Partito del Governatore della Lombardia: la nobile regione che ospiterà la “storica” Expo Milano 2015…

Allegria, allegria.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto