Flash

16/12/2013

Flash

Monti-accendere-la-Tv-Gian-Burrasca

Steve Jobs (“il più grande di tutti”), il modello californiano e la Napa Valley, il Moncler diventato “italiano” (e gli insopportabili – per lui – “paninari”, la bambina  bianca (italiana) la bambina nera (nata in Italia ma “legalmente” non italiana) e così via in una interminabile versione post-moderna  delle onnicomprensive “spolverate” di zucchero a velo veltroniane.   Ma dove vive Matteo Renzi?   I Jobs italiani si chiamano Befera e Mastrapasqua(Gerit ed Inps).     Pensi a quelli e lasci stare il resto dove sta.  Con buona pace di fanfaronate come la “fame d’Italia” che – a suo dire – dilagherebbe nel mondo.

Per i pessimisti questo discorso-fiume destinato a segnare l’insediamento del Sindaco di Firenze al vertice del maggiore partito italiano (al quale sarebbero affidate le speranze di salvataggio/rinnovamento del Paese) non è stato una sorpresa bensì una conferma ad abundantiam del futuro che ci attende.  Non sarà facile da vivere e certamente ci allontana dagli standard dei Paesi normali: ad esempio non una parola concreta sulla politica estera inclusa quella europea, e dunque nessuno sa – oggi più di ieri – dove può andare il Paese.    Quanto poi alla drammatica situazione interna si consolino con le trine del delicato Baricco oppure – se possono – con le pseudo leccornie dell’ottimo Farinetti di “Eataly” (è questa la fame d’Italia di cui parla Renzi?): entrambi consiglieri spirituali del plebiscitato leader (insieme ad un pressochè ignoto economista israeliano nonché membro del Parlamento italiano).

Così anche questa è fatta.  E’, dunque, legittima la soddisfazione dell’attuale Primo Ministro Letta che si vede accordato un altro periodo di (inutile per noi, utile per lui) esposizione mediatica.    Non è a caso che il senziente D’Alema si consoli pubblicamente dopo aver profetizzato per Renzi il famoso “si farà male” e per Letta ”Primo Ministro “protempore”. Ancora profezie azzeccate del “lungimirante”: e meno male che il suo attuale “core business” – come lo chiama lui…- è l’Europa e il vasto mondo.  L’Italia è già stata gratificata e poi è troppo piccola per cotanta grandezza…

Naturalmente responsabile morale del tutto sarebbe – nella vulgata dei media foraggiati dal regime – l’inattendibile Grillo e – tanto per dare un segnale – viene arrestato un dirigente dei fascisti di Casa Pound,  Per i “forconi” si vedrà nei prossimi giorni.   Quali provvisorie conclusioni si possono trarre?  La prima è quella che il distacco dalla realtà non è più un caso isolato bensì un’epidemia nazionale incoraggiata invece che curata.  La seconda è la rinascita in grande del trasformismo italiano simboleggiata dalla “rottamazione” della Bindi e della Finocchiaro (finalmente…) rimpiazzate con un drappello di giovani “vestali” del “renzismo”.  La terza è  Il continuismo simboleggiato dal sempiterno D’Alema (vedi sopra) insolitamente complimentoso e già dimentico dei mugugni del giorno prima forse alla ricerca di un posticino al Parlamento europeo.  La quarta è l’imbarbarimento della dialettica politica: “buffone” da Renzi a Grillo e “scorreggina” da Grillo a Renzi.

Ciò non bastasse, mentre si criminalizzano i forconi e i grillini (secondo partito italiano…), si da ampio spazio alle follie leghiste: “l’euro è un crimine contro l’umanità” e via farneticando in un delirio razzista e oscurantista destinato alle credule plebi “padane” per far dimenticare l’ “oro” e le “le lauree” leghiste.   Naturalmente tutto ciò viene dal Partito del Governatore della Lombardia: la nobile regione che ospiterà la “storica” Expo Milano 2015…

Allegria, allegria.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto