Flash

11/12/2013

Flash

caschi-interna

Mi “batterò come un leone”, così il “giovane Letta” (d’ora in poi connotabile come “Il leone di Pisa”) in un empito di magniloquenza rispondendo – prima di ottenere la prevista fiducia – alle contestazioni alla Camera dei grillini già a loro volta sotto (peloso…) tiro per le “scivolate” di Grillo sui poliziotti “incoraggiati” alla sedizione ed essi stessi probabilmente “colpevoli” di una qualche solidarietà con i manifestanti degli ultimi giorni.   Ma vediamo se il dibattito giustificava una sortita così drammatizzante.

Si è andati dal “contatore della semplificazione” (delle procedure amministrative…) al “senso freddo della solitudine” (dei poveracci massacrati dall’incapacità governativa contro la crisi) : forse il primo è la terapia del secondo, almeno se si prenda sul serio il “ponderoso” pensiero programmatico di un bolso Presidente del Consiglio che subiva (rilanciandolo…) il rituale del nuovo voto di fiducia parlamentare (dopo l’uscita di Berlusconi e dei suoi ascari della neo-rinata Forza Italia) con una pazienza che nessun italiano può onestamente condividere.    Frasi fatte, sclerosi ideale, assemblaggio di saccenti luoghi comuni culminati con la solita litania del semestre italiano all’UE e della “storica” occasione dell’Expo 2015 a Milano.  In sintesi – e purtroppo – una nuova prova del distacco dalla realtà del Paese.  Un distacco aggravato dalla evidente incapacità di comprendere che il Paese era già in crisi strutturale prima – ripetiamo prima – della recessione.     I mesi e mesi trascorsi in una doppia “melina” (quella regalata al “caso” Berlusconi) e soprattutto quella dell’arroccamento irresponsabile (che ancora continua, cfr la riforma elettorale “ostaggio” della senatrice Finocchiaro) della nomenklatura politica.   Sul primo punto non è un segreto che già cinque anni fa (cinque) vari rapporti e studi ammonivano sull’effetto amplificato che la crisi avrebbe avuto nel solo Paese europeo (come e peggio della Grecia, certamente più della Spagna) imbozzolato in storico e cumulato deficit di modernizzazione.   Sul secondo c’è poco da dire all’indomani della sentenza della Corte Costituzionale che ha completamente (anche se forse non del tutto consapevolmente) svelato il pluriennale esproprio dei diritti elettorali del popolo italiano.     Aver fatto finta di nulla per anni non è bastato…

Alcune “perle” di Letta: “Senza l’Unione Europea ripiombiamo nel Medio Evo” e poi… populisti e xenofobi imparino: “senza Europa non c’è salvezza per nessuno…”   E ancora: è grazie all’integrazione europea che è saltata l’Unione Sovietica (evviva!), ma purtroppo l’Europa ha “le batterie scariche” .   A noi sembra che le batterie scariche le abbia proprio lui.       E, comunque, se si intenda – da qui al prossimo maggio elettorale europeo – chiudere almeno un po’ il fossato che si è cristallizzato  tra istituzioni e progetto europei da una parte e – dall’altra –  i cittadini, i loro bisogni e le loro aspettative, appare preliminare il silenziamento della vuota retorica del “Nuovo Inizio” lettiano.   Insomma non ripetere l’infelice esperienza del 150esimo Anniversario dell’Unità d’Italia (sic…) e rassegnarsi – una volta per tutte – ad un pubblico e generale dibattito sulle “ragioni europee”.     Altro che lamentazioni per la mancata parola all’Europa ai funerali di Mandela, e altro che queruli – ed infondati – compiacimenti del ridente Saccomanni.

Intanto “Poche parole, buoni esempi”.  Questa la pirotecnica chiusa del giovane Letta.    Esatto: taccia.   O si trovi uno “speech writer” meno avulso dalla realtà quotidiana – e storica – del Paese.   E anche meno aggressivo vista la violenza (e sia pure contro-violenza…) verbale dispiegata contro Grillo e – al passaggio – contro  le manifestazioni che stanno investendo l’Italia in una sorta di “salsa cilena” (ovviamente incoraggiata dallo Zorro nazionale. ovvero il decaduto” Berlusconi, reincarnato nell’ “amico” dei camionisti e dei “forconi”).

Insomma – per una volta – non si può più parlare di situazione grave, ma non seria (“Italian Style”…): questa volta i due aggettivi vanno di pari passo e – paradossalmente – forse questa consapevolezza è l’unico dato alla lunga positivo che si ricava da una ben triste giornata.  E, certamente, le prossime non cambieranno grazie soltanto alla “sveglia” renziana delle 7 e 30.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto