Flash

10/12/2013

Flash

adesso

Adesso! o Adesso?
Ci sono due modi per rappresentare i risultati delle “Primarie dell’Immacolata”, ovvero il successo  annunciato del Sindaco Renzi, la netta sconfitta del quadro “colto” Cuperlo, la significativa ma modesta affermazione dell’intelligente Civati: il primo quello adottato in pompa magna dai media – e ovviamente dalla “squadra” vincente – è quello del fotogramma iniziale di uno splendido film che avvolgerà di giorno in giorno il Paese in un aura rosa di rinnovamento, ottimismo ed apertura verso il futuro.     La musica di sottofondo è rassicurante ed incoraggiante, sprizza gioventù e voglia di… “fare”.    Il secondo modo – assai più grigio e più convincente per chi scrive – è quello di una fotografia “di genere” dello stesso tenore che però finisce esattamente dove comincia.    Speriamo di sbagliare ed intanto esaminiamone i dettagli, ricordando da subito che una delle più belle immagini d’amore di tutti i tempi (il bacio tra innamorati di fronte all’Hotel de Ville di Parigi all’indomani della Liberazione) fu il frutto di un buon lavoro preparatorio e non uno “scatto” rubato alla realtà.

Certamente (come testimoniano le cronache di un corrucciato D’Alema elegantemente incappottato nell’imitazione dello statista “progressista” di rango internazionale…) una pagina si è chiusa e una nomenklatura che aveva saputo trovare il suo Cernienko, ma non l’Andropov né tanto meno il proprio Gorbaciov esce di scena portandosi auspicabilmente via anche la zavorra dei vecchi amici democristiani (tipo la Bindi).   Certamente il non particolarmente felice nella storia patria “largo ai giovani” integrato da un rovesciamento di “genere” (più donne che uomini…) registra un’affermazione storica.    Dunque un preludio? Boh?   Infatti le anticipazioni delle più assertive componenti del “team” (si viaggia infatti dalla provincia toscana al vasto mondo anglofono…)   riecheggiano per arroganza ed infantile compiacimento non privo di una qualche cattiveria l’indimenticabile “grillina” Roberta Lombardi…un’esempio televisivo si è già avuto con una tale Alessia Morani bersaniana prima, e adesso renziana.    Si calmeranno, ma certamente la prima impressione – di fronte alla gravità dei problemi sul tappeto – è non di energia bensì di inadeguatezza.

In ogni caso l’auspicato (da Renzi) trapasso dei poteri governativi non è né per oggi, né per domani: il calendario di continuo aggiornato dalla “formica” Letta (il 2014 con la sua annunciata e sfolgorante “ripresa”, il 2015 con la storica e contemporanea Expo’ di Milano, e via così con le magnifiche sorti e progressive) lascia ampi spazi temporali di apprendimento e di “coabitazione”….

Certo è che la “foto” e il “film” vanno contestualizzati in una crisi che – nei dati e negli “stati d’animo” non ha precedenti per negatività nella storia dell’Italia repubblicana.    Cancellarla dai fotogrammi non servirà e, pertanto, possiamo aspettarci molto di peggio dei “forconi” e perfino dei “no Tav”, mentre d’altro canto il prospettato passaggio dall’era berlusconiana a quella “blairiana” (senza le preventive lacrime e sangue thatcheriane…) non pare congruo a far fare al Paese quel lavacro di trentennali e perpetui ostacoli ad una consensuale modernità senza la quale il futuro rimane soltanto un “cul de sac”.

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto