Flash

06/12/2013

Flash

masks_guy_fawkes_anonymous_V_for_vendetta_black_and_white_logo_poster_www.Vvallpaper.net

Una assise di anziani giuristi conservatori (la Corte Costituzionale) si è trasformata in un gruppuscolo di “indignados” ed ha gettato una bomba ad orologeria nella morta gora del Palazzo la cui insostenibilità non richiede più per essere dimostrata le invettive di Grillo, ma più semplicemente il ricorso alla più banale delle razionalità.   E questa – per incredibile che possa sembrare – è stata la misura centrale della decisione annunciata.   Ovvero che un sistema di rappresentanza basato sulla castrazione (di diritti politici, per carità) dei rappresentati non corrisponde a vari punti fondanti della Costituzione (sì perchè anche l’Italia ha una Carta che magari non sarà la più “bella del mondo” ma che sola legittima la non facile convivenza dei 60 milioni di abitanti del Belpaese…).

Fatta questa premessa, a cui va aggiunto l’auspicio che i “colpevoli” di questo miracoloso risveglio non facciano la fine del dinamitardo repubblicano Guy Fawkes e dei suoi accoliti antimonarchici (tra i quali un Gesuita, tal Garnet …) che, in quanto colpevoli di aver tentato di far esplodere Re Giacomo I con tutto il Parlamento di Westminster il 5 novembre 1605, vennero condannati – dopo adeguata tortura debitamente autorizzata dal Re – ad impiccagione, decapitazione e squartamento finale.    D’altro canto immaginarsi il neo-giudice Giuliano Amato con le sembianze di Fawkes (le stesse della maschera di Anonymous…) richiede una fede nei miracoli poco proponibile in questi tempi…

Certo è che questo fatto nuovo fa saltare le ultime residue speranze di conservare il “porcellum” e con esso vuoi la finzione bipolare (vera e propria camicia di Nesso impressa al pluralismo italiano in nome del mantra della “governabilità” (si è visto quale…) che ha appena “figliato” la “stabilità” (“cimiteriale” sfotte il Wall Street Journal”…) e via inventando nella speranza che gli italiani siano tutti completamente decerebrati dopo il ventennio berlusconiano.       Ugualmente certo – o quanto meno assai probabile – che il “miracolo” della sentenza abbia a che vedere proprio con l’avviso ultimativo lanciato al Parlamento (e a quelle che – con ortodossia d’altri tempi – definisce le forze politiche) per una attivazione immediata sulla riforma elettorale.  Un “monito” la cui urgenza proprio Amato (testè nominato dallo stesso Napolitano alla Corte) potrebbe aver rappresentato tra i colleghi giudici.

Lasciando da parte i retroscena della pronuncia, gli effetti difficilmente potranno essere contenuti: non si tratta infatti di partecipare al gioco dell’oca di identificare quanti “anelli” della catena vengano trascinati nella spirale giuridica della “illegittimità”, quanto di individuare le responsabilità non all’epoca dell’invenzione del “porcellum” (finalizzata dal dentista leghista – sic – Calderoli, nonché provocatorio alfiere del maiale musulmano…), bensì nella più recente congiuntura politica.   Si pensi ad esempio a come l’ex Segretario del PD Bersani condusse tutta la ultima campagna elettorale sul tema del premio di maggioranza e non sui contenuti (che peraltro non aveva…).   L’affossamento della riforma fu poi portato avanti con rocciosa caparbietà dalla ben nota Finocchiaro.    Ed ora qualcuno dovrebbe rispondere di queste responsabilità, mentre si spera (per “trascinamento”) che le elucubrazioni  di “riforma” istituzionale “stile Quagliariello” o – peggio – “Bicamerale” D’Alemiana vengano definitivamente sepolte.

Per chi vuol vedere, il problema non è affatto complesso ma assai semplice: la strategia di autoconservazione della cd “classe politica” (nomenklatura) è arrivata ad un punto morto per totale insipienza ed inettitudine nella gestione di un Paese in crisi strutturale (mai risolta e neppure scalfita nell’ultimo trentennio) inserito a sua volta in una crisi generale di cui l’Europa non è la periferia bensì l’epicentro, stante anche la capacità di rilancio (anche demografico con tutto quel che ne consegue) di aree e regioni “emergenti”.       Altro che di “austerità si muore” o correzione di rotta da “imporre” alla Unione Europea, qui si tratta di pagare i nostri conti, anzi i conti prima prodotti e poi nascosti da una classe dirigente il cui tasso di inettitudine è pari soltanto a quello della propria corruzione.

E’ sincero lo stupore di Berlusconi quando gli si prospettano i “servizi sociali” in quanto come si “osa” “rieducare” uno statista, un  grande imprenditore ecc. ecc..   Il punto è ma come l’Italia ha potuto accettare di conferirgli credenziali siffatte.   Altro che grazia “motu proprio”…..

E, ahimè, questo Caimano che ci trascina al rogo non è solo: qui ci sono tanti Caimani.  Ed è superfluo ricordare che i Caimani non mangiano Caimani.    Altre sono le loro facili prede….

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto

Flash | BRIGITTE, MARIA ELENA, VIRGINIA E LE ALTRE

10/05/2017

Di “nonna” Brigitte Macron abbiamo già parlato.  Altro non si può dire se non che il giovanilismo mediatico della “scoperta” Macron è stato “speziato” con la saggia maturità della sua mentore.   Ben diverse – forse miserabili – le storie che ci vengono dal Belpaese.  Sempre meno ...
Leggi tutto

Flash | LE “NOVITA’” DI PARIGI

08/05/2017

E’ un antico ricordo letterario di quando le mercerie più periferiche del mondo presentavano i prodotti della Madrepatria con il fatidico cartello “novità di Parigi”: un richiamo irresistibile per i compratori e soprattutto le compratrici “coloniali” o di provincia.  Ed è quanto ci è balzato ...
Leggi tutto

Flash | PARLAR D’ALTRO

05/05/2017

Mentre siamo alla vigilia del cruciale secondo turno dell’elezione presidenziale francese (nelle quali la scelta è tra un levigato robot e una pasionaria fascista), a tre settimane dal Vertice G7 di Taormina oltre naturalmente in presenza dell’impasse sulla legge elettorale in Italia e ...
Leggi tutto

Flash | FRANCIA. FUSIONE DEL SECOLO TRA ROTSCHILD ED ELISEO

24/04/2017

“En Marche” un trionfo annunciato del peggiore. Quello che l’Italia aveva già conosciuto con Berlusconi prima e con Renzi poi si è pericolosamente avvicinato (in attesa del secondo turno delle elezioni presidenziali) con l’entrata in ballottaggio della “creaturina” della Banca Rotschild e co ...
Leggi tutto

Flash | SPARI A PARIGI, STRETTE DI MANO A WASHINGTON

21/04/2017

Il calendario globale ha le sue scadenze ed i suoi imprevisti.  Tra le “scadenze” c’è evidentemente (e sia detto senza cinismo alcuno: si tratta di coincidenza prescritta…) la sparatoria nel centro di Parigi tra l’Arco di Trionfo e Piazza della Concorde.  Ovvero tra l’”alfa e l’omega” di ...
Leggi tutto

Flash | “TUTTI GIU’ PER TERRA”

19/04/2017

Le ultime notizie danno l’”Armada” statunitense già diretta verso la Corea del Nord ed il suo improbabile dittatore come in piena retromarcia rispetto all’itinerario nel Pacifico verso il Mar Cinese settentrionale.  Allo stato possiamo solo pensare che la “Navy” (a differenza delle allegre ...
Leggi tutto