Flash

03/12/2013

Flash

dramma-macrolotto-via-toscana-cinese-morto-578x340

Un “Europeista convinto” così il giovane Letta si è autodefinito nella sua odierna “enciclica”, ovvero una conversazione all’ANSA infarcita – come al solito – di vocaboli stranieri a surrogare il vuoto pneumatico dei contenuti.   Eppure – dice lui – niente paura: l’anno che si chiude è stato un anno di “transizione”, ma il 2014 sarà l’anno giusto ed il 19/20 dicembre (ultimo “summit” europeo dell’anno) dovrà sintonizzarsi su questa “nuova” linea in particolare in funzione anti “populismi euroscettici”.

Dixit.   Certo perfino lui ammette che il debito è passato dal 105% sul PIL al 133%, e – pur non parlando delle catastrofi quotidiane che investono l’Italia – l’unico “merito” che può rivendicare è quello di aver rimesso il Paese “in carreggiata”.   La sua.     Non contento di averla sparata così grossa, ha attaccato il Commissario UE Ollie Rehn dichiaratosi non altrettanto convinto di questo ritorno all’ordine compiuto dal “Governo del Presidente” imposto al nostro Paese.   Anzi Letta non ha mancato di far capire che – nel rinnovo delle cariche europee previsto dopo le elezioni del maggio 2014 – difficilmente potrà contare sull’apprezzamento italiano (cioè il suo).  A buon intenditor…

Se fossimo “lettiani” con linguaggio “grillino”  diremmo che ai lecchini convengono solo altri lecchini.   Metta chi vuole “soggetto” e “complemento oggetto”.   Ma c’è di più: Letta ha incolpato gli studenti “in Ferrari” all’Università di sottrarre risorse agli studenti bisognosi.  E, tanto per andare sul concreto ha già falcidiato le pensioni non già “d’oro”, bensì quelle finanziate dagli stessi contribuenti di ceto medio.   Alla faccia della legalità (come ha annotato l’economista Boeri) i pensionati verranno sottoposti ad una tassazione più alta rispetto a quella di contribuenti del medesimo reddito.  Ma non pensionati…

Non pago della sua “performance” ed in attesa dello pseudo passaggio parlamentare (sorta di mini-fiducia” dopo l’uscita dal Governo degli ultras di “Forza Italia”…) ha dichiarato di ispirarsi a Papa Francesco e che il suo messaggio di concreta iniziativa riformatrice deve essere applicato al nostro Paese.  Non ha detto come ciò possa essere fatto senza un radicale ricambio di classe dirigente.  Il Papa lo ha fatto: qui non se ne vede neppure un pallido segnale, come dimostra la vicenda della mancata “riforma” della cosiddetta legge elettorale (meglio: anti-elettorale).

Per il momento le “disgrazie” si succedono alle disgrazie: da Lampedusa ad Olbia fino al massacro dei Cinesi di Prato.  Quest’ultimo particolarmente preoccupante.  E diciamo perché: nel passato i Sindacati italiani avevano lavorato (d’intesa con l’Organizzazione internazionale del lavoro, OIL) per armonizzare progressivamente diritti e condizioni in modo transfrontaliero, tendenzialmente globale.  Questa volta perfino la CGIL non riusciva ad articolare la minima presa di posizione a conferma di una sua omogeneizzazione all’indifferenza (ricordate il monito di Papa Bergoglio contro l’”indifferenza”, ovvero l’assuefazione all’orrore) e ai doppi e tripli “status”.  Ma niente paura: in fondo erano solo Cinesi…

Una buona notizia per concludere: le forze dell’ordine delle principali città italiane verranno dotate di “spray” al peperoncino temporaneamente invalidanti.   Così ci verrà risparmiato lo spettacolo dei calci e pugni, spesso conclusisi con lesioni fatali a sospetti e riottosi.   Dopo il flop del “braccialetto elettronico” (fruttuoso solo per i fortunati produttori e distributori) un’altra iniziativa riformatrice.   C’è da rimpiangere l’antica “boutade” del centro-sinistra italiano degli anni ’60 del secolo scorso: qualificatosi per l’introduzione del del codice CAP (riforma “qualificante”)…..

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | SCAMPAGNATA AL COLLE

01/06/2018

Non è per caso che queste righe non sono uscite nelle interminabili settimane che sono state necessarie per varare il “Governo del cambiamento” (sic).   Semplicemente non ci interessava e – soprattutto – non eravamo affamati delle insulse briciole sulle quali hanno banchettato ...
Leggi tutto

Flash | MATTANZA TRA ISRAELE E PALESTINA, GRAND HOTEL IN ITALIA

15/05/2018

Sessanta morti a Gaza: civili, adolescenti e perfino bambini.  Tutti uccisi anche con armi da guerra nell’isterica reazione israeliana di fronte alla più che legittima protesta palestinese di fronte ai “festeggiamenti” per l’apertura in Gerusalemme dell’unica Ambasciata ...
Leggi tutto

Flash | SARA’ UNA RISATA…

11/05/2018

“Sarà una risata … che vi seppellirà”… è con questo ritornello antico (ed un po’ auto-malaugurante…) che tornando nel Belpaese veniamo seguendo gli stupefacenti eventi che – dopo due mesi -  dovrebbero archiviare le elezioni “politiche” del 4 marzo.   D’altro canto che più dire ...
Leggi tutto

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto