Flash

27/11/2013

Flash

20130804_manifestazionecut

Come previsto, come prevedibile, il ventennio berlusconiano si è appena chiuso.  Fuori della sua magione privata (sulla quale aveva apposto la bandiera nazionale inventandosi un uso che è prescritto solo per gli edifici pubblici, ma che bene simboleggiava la sua concezione “proprietaria” della politica: dell’Italia come “bottino”) alcune centinaia di cittadini manifestavano il proprio senso di abbandono.  Ma lui – almeno per ora – non ha nessuna intenzione di abbandonarli ma, se mai, di continuare ad usarli come “scudo umano” per evitare il peggio.  Ovvero venire finalmente giudicato almeno per le numerose accuse che ancora pendono su di lui.

La gelida ed assai tardiva freddezza con cui la politica “politicienne”, professionale (la nomenklatura) lo ha liquidato dovrà essere debitamente digerita dal Capo e dai suoi seguaci.   L’amico Putin – con l’occhio clinico dell’ex agente segreto – gli ha pronosticato l’impraticabilità di una ulteriore resistenza e soprattutto lo ha messo in guardia dal fare affidamento sui suoi seguaci.   Spariranno piano, piano.

C’è voluto un ventennio e – ancora “almeno” – si potrà tornare ad una non allegra “normalità”: i vent’anni non sono però soltanto dovuti al suo talento comunicativo ed illusionistico, ma anche alla sottovalutazione fattane all’inizio, e poi per lunghi anni una compiacenza colpevole assortita di una malsana fascinazione: in fondo lui era uno che “ce l’aveva fatta!”.  In tutti  i sensi, dunque tutto gli poteva essere perdonato e perfino ammirarlo.   E non ci riferiamo ai vecchietti e alle aspiranti veline trasportati a spese del Capo di fronte a Palazzo Grazioli nel freddo pomeriggio romano, quanto piuttosto a coloro che ingaggiarono con lui esercizi sterili come la “Bicamerale” su riforme immaginarie, oppure gli conferirono patenti “realistiche” di legittimità politica.  Così facendo mostravano come al fondo disprezzavano i valori profondi (cattolici, socialisti, liberali e così via) che avevano animato per decenni (magari un paio di secoli) masse enormi di individui coscienti e spesso disposti a sacrificare la propria vita.  Per Berlusconi bastava un nome inconsistente ed imbecille: “Forza Italia” mutuato dalla passione nazionale per il calcio.     Come se il “tifo” potesse diventare l’idea-guida di un Paese moderno e civile.     E gli eredi titolari della memoria del Paese glielo avallavano di buon grado.    E il Paese ha perso vent’anni regredendo ad una specie di “sonno della ragione”.    Che – ahimè – “genera mostri”.     E non mostri fuori di noi, ma anche dentro di noi.

Vedremo nei giorni, nelle settimane a venire come procederà l’elaborazione del “lutto” ed anche dell’ormai svuotato sollievo.    Certo è un gran sollievo (dovrebbe esserlo per tutti) ritornare ad una logica normale, magari ad un po’ più di sincerità: basta abbracci finti, lacrime a comando, iperboli farneticanti (“plotone di esecuzione, vittima sacrificale, crocifissione”) e anche autoincensamenti del tutto immotivati come vantare la (pseudo ammirata amicizia dei leader mondiali…).

Infine e lasciando a domani, e a seguire, una propria analisi del “che fare” si dovrebbe smitizzare la presunta “empatia” di Berlusconi con gli uomini e le donne qualunque: dalla finta adozione della famiglia albanese alle strette di mano (salvo poi nettarsi incomprimibile con aria di schifo) e via ingannando.   Sul ben più pesante “resto” della sua “storia” ci sarà tempo, anche per trarne una lezione al di là della personalizzazione.  Troppo comoda, troppo facile…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | LA MONTAGNA INCINTA DI UN TOPOLINO

18/01/2018

Sono passati i due mesi (sic) “natalizi”  e, mentre manca poco più di un mese e mezzo alle tanto auspicate (ma da chi?) elezioni politiche, la situazione rimane quella di sempre.  Grave, ma non seria.

Di più: ogni evento ...
Leggi tutto

Flash | CHERCHEZ LA FEMME

15/12/2017

Quando nel 1854 – avete letto bene - Alexandre Dumas pubblicava la sua novella (“I Moicani di Parigi”) difficilmente avrebbe potuto indovinare il successo che avrebbe arriso alla sua espressione (e chiave narrativa) “cercate la donna”.  E, sia detto tra parentesi, neppure avrebbe potuto ...
Leggi tutto

Flash | ORA BASTA?

07/12/2017

E così siamo arrivati all’Immacolata Concezione, festa quanto mai problematica anche se – laicamente – presaga dell’ondata natalizia.     Che – quest’anno – si annuncia gravida più che di incognite (magari anche positive…) di sinistre aspettative.   Anzi potremmo dire ricca soltanto di ...
Leggi tutto

Flash | ANCORA IL PAPA

28/11/2017

Mentre la situazione politica (pre-elettorale?) italiana continua ad avvilupparsi tra insulsaggini, diversioni e testimonianze di irresponsabilità verso l’impasse nazionale, è ancora lui – il Papa – a prendere il “toro per le corna” e ad affrontare nodi umani e scacchieri strategici sul ...
Leggi tutto

Flash | BLACK FRIDAY

25/11/2017

La stagione terroristica natalizia è partita ieri con sangue e fragore: il sangue nel Sinai egiziano, il fragore a Londra alla stazione di metropolitana di Oxford Circus.   I due eventi evidentemente incommensurabili hanno in comune un solo elemento di fondo: l’instabilità ...
Leggi tutto

Flash | MORTI DI PALLONE?

14/11/2017

L’inglorioso zero a zero nel tempio del calcio milanese di San Siro e la conseguente esclusione dai mondiali del calcio del prossimo anno potrebbe  tradursi in un vero e proprio “de profundis” per l’auto (e non solo “auto”…) immagine nazionale.   Dagli e dagli lo “stellone” ...
Leggi tutto

Flash | OSTIA: L’ATLANTIC CITY DE NOANTRI

09/11/2017

Donald Trump che – come è noto – ricopre per volontà degli elettori statunitensi (e – a quanto pare – del KGB russo…) l’incarico di leader del “mondo libero” si trova in questi giorni a Pechino ove può constatare – rinchiuso nella successione rituale di cortili della Città proibita – ...
Leggi tutto

Flash | IL MONDO CAMBIA, L’ITALIA NO

24/10/2017

Mentre Donald Trump si accinge ad una serie di incontri nelle Filippine (ospite del feroce Dutertre…) cioè ben dentro quel Pacifico che rischia di sparire dalla panoplia delle sfere di influenza nord-americana, mentre il nuovo Mao (Xi Jinping) inaugura il “secolo” cinese e perfino mentre il ...
Leggi tutto