Flash

27/11/2013

Flash

20130804_manifestazionecut

Come previsto, come prevedibile, il ventennio berlusconiano si è appena chiuso.  Fuori della sua magione privata (sulla quale aveva apposto la bandiera nazionale inventandosi un uso che è prescritto solo per gli edifici pubblici, ma che bene simboleggiava la sua concezione “proprietaria” della politica: dell’Italia come “bottino”) alcune centinaia di cittadini manifestavano il proprio senso di abbandono.  Ma lui – almeno per ora – non ha nessuna intenzione di abbandonarli ma, se mai, di continuare ad usarli come “scudo umano” per evitare il peggio.  Ovvero venire finalmente giudicato almeno per le numerose accuse che ancora pendono su di lui.

La gelida ed assai tardiva freddezza con cui la politica “politicienne”, professionale (la nomenklatura) lo ha liquidato dovrà essere debitamente digerita dal Capo e dai suoi seguaci.   L’amico Putin – con l’occhio clinico dell’ex agente segreto – gli ha pronosticato l’impraticabilità di una ulteriore resistenza e soprattutto lo ha messo in guardia dal fare affidamento sui suoi seguaci.   Spariranno piano, piano.

C’è voluto un ventennio e – ancora “almeno” – si potrà tornare ad una non allegra “normalità”: i vent’anni non sono però soltanto dovuti al suo talento comunicativo ed illusionistico, ma anche alla sottovalutazione fattane all’inizio, e poi per lunghi anni una compiacenza colpevole assortita di una malsana fascinazione: in fondo lui era uno che “ce l’aveva fatta!”.  In tutti  i sensi, dunque tutto gli poteva essere perdonato e perfino ammirarlo.   E non ci riferiamo ai vecchietti e alle aspiranti veline trasportati a spese del Capo di fronte a Palazzo Grazioli nel freddo pomeriggio romano, quanto piuttosto a coloro che ingaggiarono con lui esercizi sterili come la “Bicamerale” su riforme immaginarie, oppure gli conferirono patenti “realistiche” di legittimità politica.  Così facendo mostravano come al fondo disprezzavano i valori profondi (cattolici, socialisti, liberali e così via) che avevano animato per decenni (magari un paio di secoli) masse enormi di individui coscienti e spesso disposti a sacrificare la propria vita.  Per Berlusconi bastava un nome inconsistente ed imbecille: “Forza Italia” mutuato dalla passione nazionale per il calcio.     Come se il “tifo” potesse diventare l’idea-guida di un Paese moderno e civile.     E gli eredi titolari della memoria del Paese glielo avallavano di buon grado.    E il Paese ha perso vent’anni regredendo ad una specie di “sonno della ragione”.    Che – ahimè – “genera mostri”.     E non mostri fuori di noi, ma anche dentro di noi.

Vedremo nei giorni, nelle settimane a venire come procederà l’elaborazione del “lutto” ed anche dell’ormai svuotato sollievo.    Certo è un gran sollievo (dovrebbe esserlo per tutti) ritornare ad una logica normale, magari ad un po’ più di sincerità: basta abbracci finti, lacrime a comando, iperboli farneticanti (“plotone di esecuzione, vittima sacrificale, crocifissione”) e anche autoincensamenti del tutto immotivati come vantare la (pseudo ammirata amicizia dei leader mondiali…).

Infine e lasciando a domani, e a seguire, una propria analisi del “che fare” si dovrebbe smitizzare la presunta “empatia” di Berlusconi con gli uomini e le donne qualunque: dalla finta adozione della famiglia albanese alle strette di mano (salvo poi nettarsi incomprimibile con aria di schifo) e via ingannando.   Sul ben più pesante “resto” della sua “storia” ci sarà tempo, anche per trarne una lezione al di là della personalizzazione.  Troppo comoda, troppo facile…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | IL BARBIERE E IL QUIRINALE

04/04/2018

Questa mattina, passato il moscio interludio pasquale, si stava cercando di sintonizzarsi con l’ansia della nomenklatura – vecchia e nuova – per l’apertura delle consultazioni al Quirinale, anzi della “stagione” (dati i tempi previsti…) che il Presidente della Repubblica dedicherà a ...
Leggi tutto

Flash | LA GUERRA DEI BOTTONI

26/03/2018

Quella che si è combattuta nel fine settimana è stata - più che una guerra – una serie di scaramucce servite non solo a fissare chi ha vinto e chi ha perso il 4 marzo, quanto piuttosto - in perfetta analogia con la “guerra dei bottoni” (famoso e delizioso film francese del – pensate un po’ – ...
Leggi tutto

Flash | ZUCKERBERG NELLA POLVERE, CASALEGGIO SUGLI ALTARI

21/03/2018

Mentre nell’emisfero Nord (quello in cui ci troviamo…) comincia oggi la primavera…. E mentre una pletora di Mamozi (tanto insignificanti quanto privi di contenuti reali, dichiarati e – magari – contrapposti) si disputano il corpo sfatto della democrazia repubblicana e delle sue ...
Leggi tutto

Flash | UN MONDO DI SPIE?

16/03/2018

L’attualità internazionale (non diversamente da quella nostra, “domestica”) sta virando continuamente in una dispersione di fatti minuti che sembrano “inventati” apposta per distrarre da una realtà complessiva tanto angosciosa quanto inafferrabile.   Nel vasto mondo il recente ...
Leggi tutto

Flash | ALDO MORO E DINTORNI

14/03/2018

“Non credo ora opportuno un accoglimento in modo appropriato della richiesta.  Prego leggere e riferire”.   Suona così un appunto (che ancora custodisco da qualche parte) firmato dall’allora Ministro degli Esteri Aldo Moro ed indirizzatomi in qualità di dirigente sindacale (per il Sindacato ...
Leggi tutto

Flash | DALLA “DITTA” A CALIGOLA E ALLE CALENDE

09/03/2018

Ormai archiviato il patetico ed infantile titolo di apertura del “Fatto quotidiano” del 5 marzo “CAMBIA TUTTO”, la crisi post-elettorale sta trascolorando in una farsa quotidiana che soltanto il serioso Presidente Mattarella può richiamare a – udite udite! – alla ...
Leggi tutto

Flash | VINCITORI E VINTI

05/03/2018

E così eccoci qui: un mare di macerie, un Paese definitivamente frastornato, in breve il nulla che sconfigge il male che affligge il Belpaese (ma è ancora tale?) da un quarto di secolo ovvero dall’irrisolto dramma di “mani pulite” del 1992.   Per non parlare della cesura reazionaria che fu ...
Leggi tutto

Flash | PINOCCHIO, MANGIAFUOCO E L’OPERAZIONE SAN GENNARO

28/02/2018

A quattro giorni dalle elezioni politiche, appare più che mai valida la nota battuta della “situazione che è grave ma non seria”.  In breve una sorta di condanna nazionale alla persistente, ed anzi aggravata, condizione di minorità in cui l’Italia tende sempre a trovarsi non appena  - come ...
Leggi tutto