Flash

27/11/2013

Flash

20130804_manifestazionecut

Come previsto, come prevedibile, il ventennio berlusconiano si è appena chiuso.  Fuori della sua magione privata (sulla quale aveva apposto la bandiera nazionale inventandosi un uso che è prescritto solo per gli edifici pubblici, ma che bene simboleggiava la sua concezione “proprietaria” della politica: dell’Italia come “bottino”) alcune centinaia di cittadini manifestavano il proprio senso di abbandono.  Ma lui – almeno per ora – non ha nessuna intenzione di abbandonarli ma, se mai, di continuare ad usarli come “scudo umano” per evitare il peggio.  Ovvero venire finalmente giudicato almeno per le numerose accuse che ancora pendono su di lui.

La gelida ed assai tardiva freddezza con cui la politica “politicienne”, professionale (la nomenklatura) lo ha liquidato dovrà essere debitamente digerita dal Capo e dai suoi seguaci.   L’amico Putin – con l’occhio clinico dell’ex agente segreto – gli ha pronosticato l’impraticabilità di una ulteriore resistenza e soprattutto lo ha messo in guardia dal fare affidamento sui suoi seguaci.   Spariranno piano, piano.

C’è voluto un ventennio e – ancora “almeno” – si potrà tornare ad una non allegra “normalità”: i vent’anni non sono però soltanto dovuti al suo talento comunicativo ed illusionistico, ma anche alla sottovalutazione fattane all’inizio, e poi per lunghi anni una compiacenza colpevole assortita di una malsana fascinazione: in fondo lui era uno che “ce l’aveva fatta!”.  In tutti  i sensi, dunque tutto gli poteva essere perdonato e perfino ammirarlo.   E non ci riferiamo ai vecchietti e alle aspiranti veline trasportati a spese del Capo di fronte a Palazzo Grazioli nel freddo pomeriggio romano, quanto piuttosto a coloro che ingaggiarono con lui esercizi sterili come la “Bicamerale” su riforme immaginarie, oppure gli conferirono patenti “realistiche” di legittimità politica.  Così facendo mostravano come al fondo disprezzavano i valori profondi (cattolici, socialisti, liberali e così via) che avevano animato per decenni (magari un paio di secoli) masse enormi di individui coscienti e spesso disposti a sacrificare la propria vita.  Per Berlusconi bastava un nome inconsistente ed imbecille: “Forza Italia” mutuato dalla passione nazionale per il calcio.     Come se il “tifo” potesse diventare l’idea-guida di un Paese moderno e civile.     E gli eredi titolari della memoria del Paese glielo avallavano di buon grado.    E il Paese ha perso vent’anni regredendo ad una specie di “sonno della ragione”.    Che – ahimè – “genera mostri”.     E non mostri fuori di noi, ma anche dentro di noi.

Vedremo nei giorni, nelle settimane a venire come procederà l’elaborazione del “lutto” ed anche dell’ormai svuotato sollievo.    Certo è un gran sollievo (dovrebbe esserlo per tutti) ritornare ad una logica normale, magari ad un po’ più di sincerità: basta abbracci finti, lacrime a comando, iperboli farneticanti (“plotone di esecuzione, vittima sacrificale, crocifissione”) e anche autoincensamenti del tutto immotivati come vantare la (pseudo ammirata amicizia dei leader mondiali…).

Infine e lasciando a domani, e a seguire, una propria analisi del “che fare” si dovrebbe smitizzare la presunta “empatia” di Berlusconi con gli uomini e le donne qualunque: dalla finta adozione della famiglia albanese alle strette di mano (salvo poi nettarsi incomprimibile con aria di schifo) e via ingannando.   Sul ben più pesante “resto” della sua “storia” ci sarà tempo, anche per trarne una lezione al di là della personalizzazione.  Troppo comoda, troppo facile…

  • ora puoi ricevere in tempo reale le notizie flash di cosmopolitaly.net

Ultimi articoli

Flash | ARIDATECE LE FONTANELLE

19/10/2017

Riprendere queste note dopo oltre un mese non era facile e – soprattutto – non era facile giustificare un così lungo silenzio: paralizzati dalla sfida all’Ok Corral sull’orlo dell’abisso (nostro…) tra il piccolotto panciuto con gli occhi a mandorla del Nord-Corea ed il pupazzone gommato ...
Leggi tutto

Flash | C’E’ DEL MARCIO IN ITALIA

01/09/2017

La celebre frase pronunciata nell’Amleto di Shakespeare (e riferita alla Danimarca di mezzo millennio fa…) si attaglia perfettamente all’Italia di questo – ultimo – scorcio estivo.   Anche qui ci sono gli spettri ma – almeno fino ad ora – questo caso di cose non solo non genera ...
Leggi tutto

Flash | L’”APARTHEID” UNIVERSALE

29/08/2017

“… i meccanismi che hanno portato all’edificazione di un “apartheid universale” non hanno potuto impedire all’umanità di esprimere una tendenza oggettiva (sia pure nella sola forma consentita alla specie, in quelle condizioni, ovvero la riproduzione) che preme per una trasformazione globale. ...
Leggi tutto

Flash | AD AMBURGO I PADRONI DEL MONDO

07/07/2017

Mentre scriviamo è in corso ad Amburgo il vertice G20 (versione allargata di quel G8 inconcludentemente tenutosi – per turno – in Italia a Taormina poco più di un mese fa.   Entrambe le assise, ma questa attuale più rispondente al peso economico e geo-strategico dell’insieme degli ...
Leggi tutto

Flash | DA FANTOZZI A GRILLO E RENZI

04/07/2017

La triste scomparsa del comico (e non solo) Paolo Villaggio ci ha colpito più di quanto non abbia fatto la prevista raffica di dati negativi sull’occupazione… Infatti ci avrebbero stupito di più dati di segno positivo… e cioè del tutto incongrui con la condizione di un Paese che – al di là ...
Leggi tutto

Flash | PERIFERIA D’EUROPA

23/06/2017

Sarà pure vero che gli indicatori macro-economici segnalano impercettibili movimenti nel quadro economico italiano, ma – oltre al fatto di essere alla coda della non brillante Europa – il Belpaese rimane inerte e senza speranza.   Anzi soffuso di sinistri presagi… confermati ad ...
Leggi tutto

Flash | EUROPA: IL MARCIO E’ SICURO, IL NUOVO UN PO’ MENO

13/06/2017

Poiché l’Italia ce l’abbiamo ora sott’occhio, è dal Belpaese che iniziamo questa breve rassegna.   Le elezioni amministrative in varie città italiane hanno – finalmente – fornito una prova del fatto che gli Italiani continuano in qualche misura a pensare e a difendersi dalla ...
Leggi tutto

Flash | ECCOCI DACCAPO

07/06/2017

E così eccoci di nuovo punto e daccapo. Un po’ più di mezzo anno è trascorso dal referendum “costituzionale” del 4 dicembre che avrebbe dovuto sancire l’eclissi popolare del nuovo (autoproclamato…) “rieccolo” nazionale Matteo Renzi.  Ed invece – con il fantasmagorico progetto di castrazione ...
Leggi tutto